Feeds:
Articoli
Commenti

Posts contrassegnato dai tag ‘salman rushdie’

 

A ventotto anni l’autore, di origine bulgara, è  diventato una star letteraria nel paese di accoglienza, gli Stati Uniti: le sue storie sono state descritte come “meravigliose” da Salman Rushdie, il suo nome è stato accostata per l’originalità a quello di Jonathan Safran Foer, e sarà presto pubblicato in dodici nazioni. Con i suoi racconti Penkov ci immerge nella tumultuosa storia della sua patria nativa, in quella dell’Europa dell’est degli ultimi centoventi anni, in diversi ambiti temporali che suggeriscono la nostalgia per la giovinezza, quella per un futuro migliore. Un talento da seguire!

A est dell’Occidente,
Penkov Miroslav, Neri Pozza
Traduttore: Arduini A
In “Makedonija”, il racconto che apre la raccolta, Nora e suo marito vivono da otto anni in un ospizio a qualche chilometro da Sofia. Vivono accettando più o meno serenamente le ingiurie degli anni, i malanni, la nostalgia del passato. Finché un giorno il marito di Nora si imbatte in una dolorosa scoperta. Gli cade di mano il portagioie della moglie, il coperchio si spalanca e, sul fondo, uno scomparto segreto rivela le lettere che qualcuno ha scritto a Nora più di sessant’anni prima, quando lei aveva appena sedici anni. Da quell’istante l’uomo diventa preda della gelosia, un’assurda gelosia per il giovane fidanzato della moglie morto da oltre mezzo secolo, alimentata dal desiderio di voler essere lui quel ragazzo che ha amato Nora quand’era vicina all’inizio della sua vita e non alla fine. Nel secondo racconto, “A est dell’Occidente”, Naso incontra Vera nel 1970 quando lui ha sei anni e abita con i genitori sulla sponda bulgara del fiume del suo paese, mentre lei vive sull’altra riva, quella serba. La incontra durante la grande riunione in cui i due paesi concedono alle due famiglie di passare qualche ora insieme, e per tutta la vita, nei diversi luoghi in cui lui e Vera si ritroveranno a vivere, cercherà invano di abolire il confine reale e immaginario che lo separa irrimediabilmente da lei. In “Comprando Lenin”, un ragazzo decide di lasciare la Bulgaria ed emigrare in America. Non c’è nessuna guerra o miseria che lo costringa ad approdare su rive straniere. Se ne va perché può farlo.

Read Full Post »

Deepa Mehta porta sul grande schermo I FIGLI DELLA MEZZANOTTE di Salman Rushdie, il libro vincitore del Booker Prize pubblicato nel 1980  che ha rivelato al mondo il talento di Salman Rushdie (pronto per fine 2012) . Il libro narra le vicende dei mille bambini nati il 15 agosto 1947, allo scoccare della mezzanotte: il momento, cioè, in cui l’India ha proclamato la propria indipendenza dall’Impero britannico. Tutti i bambini posseggono doti straordinarie: forza erculea, capacità di diventare invisibili e di viaggiare nel tempo, bellezza soprannaturale. Ma nessuno è capace di penetrare nel cuore e nella mente degli uomini come Saleem Sinai, il protagonista che, ormai in punto di morte, racconta la propria tragicomica storia.

 

Read Full Post »

Salman Rushdie, Joseph Anton, Mondadori
Il 14 febbraio del 1989 Salman Rushdie riceve la telefonata che lo informa di essere appena stato “condannato a morte” dall’Ayatollah Khomeini. E per la prima volta sente pronunciare la parola “fatwa”. Il suo delitto? Aver scritto un romanzo intitolato I versi satanici. Comincia così una vicenda dolorosa e fuori dall’ordinario, in cui uno scrittore è costretto a vivere in clandestinità, sotto il costante controllo di una scorta armata. A Rushdie viene anche chiesto di scegliersi uno pseudonimo, che la polizia possa usare per riferirsi a lui. Dopo aver pensato agli scrittori più amati, sceglie i nomi di Conrad e Cechov: Joseph e Anton. E da quel momento, Salman Rushdie diventa il signor Joseph Anton. Ma come può vivere uno scrittore sotto la minaccia di essere ucciso? Che ne è della sua creatività? In che modo la disperazione ridà forma ai suoi pensieri e alle sue azioni? Dove e grazie a chi impara a reagire? In questo memoir, Rushdie racconta per la prima volta la sua storia, che è poi la storia di una battaglia cruciale ai nostri giorni: quella per la libertà di espressione. Ma ce ne racconta anche gli aspetti più personali, e sono aneddoti a volte di grande tristezza, a volte straordinariamente comici.

Read Full Post »

NUOVI  LIBRI IN ARRIVO, dopo le ferie
In arrivo, autori stranieri

Michael Connelly, La lista, Piemme
Ed Mc Bain, Universo del crimine, Einaudi
Mario Vargas Llosa, Il venditore ambulante, Einaudi
Ian McEwan, Solar, Einaudi
Katzuo Ishiguro, Notturni, Einaudi
Margaret Doody, Aristotele e i delitti d’Egitto, Sellerio
Roddy Doyle, Una vita da eroe, Guanda
Luis Sepulveda, Ritratto di gruppo con assenza, Guanda
Pahmuk Oram, Il signor Cevdet e i suoi figli, Einaudi
Ken Follett, La caduta dei giganti, Mondadori
Thomas Pynchon, Vizio di forma, Einaudi
Sophie Kinsella, I love mini shopping, Mondadori
John LeCarrè, Il nostro traditore tipo, Mondadori
Nazim Hikmet, Gran bella cosa è vivere, miei cari, Mondadori
Salman Rushdie, Luka e il fuoco della vita, Mondadori
Stephen King, La torre nera – La battaglia di Gerico, Sperling
Nicholas Evans, Solo se avrai coraggio, Rizzoli
Tom Clancy, Vivo o morto, Rizzoli
Paulo Coelho, Le valchirie, Bompiani
Nelson Mandela, Io Nelson Mandela, Sperling
Herta Muller, In trappola, Sellerio
Mercè Rodoreda, Il giardino sul mare, La nuova frontiera
Lars Kepler, L’esecutore, Longanesi (dall’autore de L’ipnotista)
Henning Mankell, L’uomo inquieto, Marsilio (ritorna Wallander!)

Read Full Post »

L’incantrice di Firenze, Salman Rushdie, Mondadori
Un misterioso viaggiatore dai capelli biondi arriva a Sikri, sede della corte Mogul, e chiede udienza al sovrano Akbar il Grande. Lo straniero afferma di venire dalla misteriosa città di Firenze e di avere una storia meravigliosa da raccontare: una storia che lega i destini di quella remotissima città d’occidente a quelli del re indiano. Inizia così un racconto tanto fascinoso quanto minuziosamente documentato sulla misteriosa Qara Koz, giovane di rara bellezza destinata a sconvolgere con i suoi amori la raffinata corte medicea. Dietro a questa storia però, si snodano anche i mille, inesplorati fili che uniscono una delle massime stagioni storiche europee, il Rinascimento italiano, all’apice della fioritura culturale ed economica di una delle corti più splendenti d’Asia.
Dopo il successo di Shalimar il Clown, torna uno dei massimi autori angloindiani viventi con un romanzo che unisce grande documentazione storica e ampia e cordiale leggibilità.
Autore Salman Rushdie è nato a Bombay nel 1947 e si è trasferito a Londra quando aveva quattordici anni. È l’autore de I figli della mezzanotte, La vergogna, I versi satanici, Harun e il mar delle storie, L’ultimo sospiro del Moro, Est, Ovest, La terra sotto i suoi piedi, Shalimar il Clown del reportage sul Nicaragua Il sorriso del giaguaro e del volume di saggi Patrie immaginarie.

Read Full Post »

Da Salman Rushdie a Amitav Gosh(Mare di Papaveri, edito in Italia da Neri Pozza), fino a Bambino 44,di Tom Rob Smith (e questo rappresenta la vera sorpresa, un thriller giunto in finale al più prestigioso premio inglese)

Sono in lizza per il Booker Prize.

http://www.guardian.co.uk/global/2008/jul/29/bookerprize

The longlist in full

The White Tiger by Aravind Adiga (Atlantic)

Girl in a Blue Dress by Gaynor Arnold (Tindal Street Press)

The Secret Scripture by Sebastian Barry (Faber and Faber)

From A to X by John Berger (Verso)

The Lost Dog by Michelle de Kretser (Chatto & Windus)

Sea of Poppies by Amitav Ghosh (John Murray)

The Clothes on Their Backs by Linda Grant (Virago)

The Northern Clemency by Philip Hensher (Fourth Estate)

Netherland by Joseph O’Neill (Fourth Estate)

The Enchantress of Florence by Salman Rushdie (Jonathan Cape)

Child 44 by Tom Rob Smith (Simon & Schuster)

A Fraction of the Whole by Steve Toltz (Hamish Hamilton)

Read Full Post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 303 follower