Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘per bambini e ragazzi’ Category

ogni mese un gruppo di competenti librai per ragazzi si trova insieme, per valutare i nuovi titoli usciti nel periodo: una delle attività del Coordinamento delle librerie per ragazzi, che ora potete seguire anche su questo blog:  http://coordinamentolibrerieragazzi.blogspot.it/ .

Queste sono le librerie del Coordinamento:

La Libreria dei Ragazzi di Milano – Via Tadino 53, tel. 02/29533555
Nuova libreria il Delfino di Pavia – Piazza Vittoria 11, tel. 0382/539384
L’Albero delle Lettere di Genova – Via di Canneto il Lungo 38 r, tel. 010/8696944
Libreria dei Ragazzi di Torino – Via Stampatori 21, tel. 011/547977
Libreria Coop Nautilus di Mantova – Piazza 80° Fanteria 19, tel. 0376/360414
Il treno di Bogotà di Vittorio Veneto – Via Martiri della Libertà 32, tel. 0438/072347
Il libro con gli stivali di Mestre (VE) – Via Mestrina 45, tel. 041/0996929
Libri e Formiche di Parma – Via Cairoli 13, tel. 0521/506668
Libreria Volare di Pinerolo – Corso Torino 44, tel. 0121/393960
La Libreria dei Ragazzi di Brescia – Via San Bartolomeo 15/A, tel. 030/3099737
Libreria Spazio Terzo Mondo di Seriate (BG) – Via Italia 73, tel. 035/290250
La Libreria dei Ragazzi di Monza – Via Padre Giuliani 10, tel. 039/2307575
Libreria per Ragazzi Matilda di Piacenza – Cantone dei Cavalli 9, tel. 0523/651740
Libreria Timpetill – Cremona – Via Mercatello 50, tel. 0372/800802

qui trovate

Teaching Books

Teaching Books (Photo credit: camknows)

il file completo con i titoli scelti dell’ultima selezione:

http://coordinamentolibrerieragazzi.blogspot.it/

e questi sono alcuni dei titoli selezionati:

 IL LIBRO DEL MESE

TESTI: Matteo Corradini
TITOLO: LA REPUBBLICA DELLE FARFALLE
EDITORE: Rizzoli
PREZZO: € 14,00

Narrativa da 11 anni

Il valore di una narrazione ha poco o nulla a che vedere con la veridicità della storia che racconta. Maneggiare quindi materiale come quello rappresentato dalle persecuzioni perpetrate a Terezìn nei confronti soprattutto di bambini e ragazzi, e farlo coniugando il rispetto per i protagonisti alle necessità narrative, è impresa assolutamente non facile. Matteo Corradini ci riesce a modo suo, costruendo un romanzo dalla trama esile, per molti aspetti onirico, che però riesce a coinvolgere il lettore in modo delicato. Non si tratta quindi dell’ennesimo romanzo sulla Shoah, ma di un libro capace di ritagliarsi un suo spazio, destinato a lettori pazienti ma che amano addentrarsi nel mondo fatto di vicende, pensieri e sentimenti di personaggi a tutto tondo.
I protagonisti sono i ragazzi che all’interno della città/ghetto di Terezìn non rinunciarono a vivere, e resistettero come potevano, con la forza delle parole scritte ogni settimana sul giornale da loro redatto, il Vedem, l’Avanguardia; si trattava di un giornale scritto a mano in ognuna delle poche copie pubblicate e poi fatte circolare, lette ad alta voce, distribuite di mano in mano agli abitanti di una città sospesa. Abitanti provvisori, che proprio perché costretti in condizioni estreme e precarie non rinunciavano a cercare ciò che rende tale l’essere umano: raccontare il mondo attraverso il linguaggio; ecco il perché del teatro, della musica, della letteratura, della scultura, ma soprattutto ecco la ragione delle tante opere prodotte dai bambini e dai ragazzi, poesie, disegni e racconti, che dalle pagine del Vedem gridavano la propria paura e la propria voglia di vivere.
Il romanzo di Matteo Corradini riesce a restituire tutto questo, in parte attraverso racconti e poesie tratte dal giornale, in parte attraverso il concatenarsi di piccoli/grandi eventi, reali o meno poco importa, che ci fanno conoscere un gruppo di ragazzi nei quali come lettori riconosciamo verità narrativa prima che storica, e che saremo purtroppo costretti ad abbandonare nelle ultime pagine, giacché di essi uno solo riuscì a salvarsi, recuperando così le pagine nascoste del Vedem che ancor oggi possiamo leggere.
Per chi volesse tentare un accostamento a un altro romanzo, La repubblica delle farfalle, per il modo in cui sono trattati i personaggi e il loro modo di vedere, vivere e interpretare la realtà delle persecuzioni, può essere avvicinato a Misha corre, di Jerry Spinelli.

TESTI: Giulia Orecchia
ILLUSTRAZIONI: Giulia Orecchia
TITOLO: PI, STORIA A QUADRETTI
EDITORE: Panini
PREZZO: € 11,00

La piccola volpe sta passeggiando nel bosco quando trova, nascosto nell’erba, un uovo che potrebbe diventare una buonissima frittata. Ma, una volta a casa, l’uovo inizia a creparsi. Prima si sente un pigolio insistente e poi dall’uovo esce un piccolo pulcino che subito abbraccia la volpe. Così, tra un po’ di gelosia, qualche incomprensione e un coraggioso salvataggio scopriamo che anche tra una volpe e un pulcino può nascere una bella amicizia.
Attraverso pochissime parole e tante immagini Giulia Orecchia crea questa storia, da raccontare ad alta voce sempre uguale o reinventandola ogni volta con l’aggiunta di nuovi particolari.
Da due anni

TESTI: Jean-Francois Chabas
ILLUSTRAZIONI: David Sala
TITOLO: FENRÌS
EDITORE: Gallucci
PREZZO: € 15,00

Abbiamo tutti paura del lupo! Pensate ad un lupo che fa addirittura paura agli altri lupi!!! Questo è Fenrìs, così pauroso da far tremare tutta la foresta, così mostruoso da far scappare tutti, così… insicuro da finire a credere a ciò che gli altri pensano di lui e a comportarsi da “cattivo” solo perché è rassicurante interpretare un ruolo. Può una candida bambina priva di pregiudizio scombussolare tutto guardando dove nessun altro vede, cioè oltre la malefica pellaccia? Una toccante analogia della ricerca di se stessi, illustrata splendidamente da David Sala.
Da cinque anni

TESTI: William Osborne
TITOLO: L’ANGELO DI HITLER
EDITORE: Sonda
PREZZO: € 14,00

“Europa, 1941. In Germania Hitler è all’apice del potere. Due ragazzi, Otto e Leni, sono costretti a fuggire in Gran Bretagna: la famiglia di Otto è stata catturata dalle SS perché comunista, quella di Leni a causa del fatto che è ebrea.” (dalla quarta di copertina)
Ecco in estrema sintesi il contesto e i protagonisti di questo romanzo dal ritmo incalzante… adrenalinico diremmo, visto che le 235 pagine ci raccontano 48 ore di vita.
Otto e Leni saranno convocati dallo spionaggio inglese per una missione che li riporterà in Baviera  dove dovranno liberare Angelika una ragazzina di 9 anni segretamente custodita in un convento di suore. Fatti e personaggi reali si mescolano ad altri frutto della fervida fantasia dell’autore William Osborne noto sceneggiatore britannico alla sua prima opera come scrittore. Un’utile e fondamentale appendice darà la giusta collocazione ad avvenimenti e personaggi storici scindendoli da quelli irreali. Un libro avvincente ed emozionante che cattura l’attenzione dalla prima all’ultima pagina.
Unica nota dolente: una traduzione non sempre accurata… peccato!
Da undici anni

segue sul sito

Read Full Post »

PETER NIMBLE E I SUOI FANTASTICI OCCHI è davvero un godibilissimo romanzo d’avventura e fantastico, di caduta e di riscatto, di formazione: ha tutta l’aria di potersi affermare come piccolo classico del genere. Le trovate che Jonathan Auxier propone al lettore sono innumerevoli e cadenzano con brio ogni pagina, a cominciare dal protagonista, un orfano cieco (un corvo gli ha becchettato gli occhi quando era abbandonato in fasce, dettaglio questo piuttosto macabro), e delle prove che deve affrontare per passare dallo status di ladrone matricolato (sul sito dell’autore c’è anche lo slang dei ladri”) a quello di eroe, accompagnato dal suo primo amico, un cavaliere trasformato secoli fa da una cattiva strega in una strana creatura, un incrocio tra un uomo, un cavallo e un gatto!
Sapevamo che potevamo fidarci dell’editore Salani!

Peter Nimble e i suoi fantastici occhi, Auxier Jonathan, Salani
traduttore: Mazzarelli P

Così comincia la storia di Peter Nimble: “Qualcuno di voi avrà sentito dire che al mondo non ci sono ladri migliori dei bambini ciechi. Come potete immaginare, infatti, un bambino che non vede possiede un olfatto straordinario e sarà in grado di dirvi che cosa c’è dietro una porta chiusa da cinquanta passi di distanza: sia stoffa di broccato, sia oro, o croccante di arachidi. Le sue dita, poi, sono tanto sottili da infilarsi in una toppa, le sue orecchie tanto sensibili da captare anche lo scatto più leggero di ogni minimo ingranaggio delle serrature più complicate. L’epoca dei grandi ladri è finita da tempo, questo è vero; oggi, ciechi o non ciechi, i ladri bambini sono pochi. Ma un tempo il mondo ne era pieno. Questa è la storia del più grande ladro che sia mai esistito. Si chiamava Peter Nimble”. Un protagonista che nasce sfortunato e scopre di essere magico. Un’avventura senza confini in un regno fiabesco e di personaggi incredibili. Una storia mai narrata prima, imbevuta di atmosfere dickensiane.

il sito dell’autore:

www.thescop.com

e il suo booktrailer in inglese:

Read Full Post »

San Lazzaro,

Mediateca Comunale

 

Sabato 16 febbraio ore 17,00-18,30

Incontro con l’ autore:
Stefania Lepera scrittrice
Per bambini e bambine da 5 a 10 anni

Sapere l’aritmetica può servire a diventare un vero detective!

Andrea è al settimo cielo. I suoi genitori devono partire per qualche giorno e hanno deciso di lasciarlo con lo zio Marco, agente di polizia, che ai suoi occhi è paladino della giustizia contro il male. Ma presto Andrea scopre che lo zio ha qualche problema con la matematica, campo in cui invece lui è bravissimo, tanto che si autonomina Agente Numerico Decifratore Rari Enigmi Aritmetici. Una capacità che si rivelerà preziosa quando ci sarà da scoprire il codice segreto di un hacker e ricevere alla fine un vero distintivo da investigatore!

Un piccolo giallo per imparare giocando con i numeri.

In collaborazione con Libreria Atlantide

Info e prenotazione:

Comune di San Lazzaro di Savena
Mediateca di San Lazzaro Via Caselle 22. San Lazzaro di Savena-Bologna
Voce 051 6220873-060
mail: marialuisa.degliesposti@comune.sanlazzaro.bo.it

 

Read Full Post »

Agatha Christie

Agatha Christie (Photo credit: Wikipedia)

La prima indagine della più grande scrittrice di gialli di tutti i tempi! La giovane Agatha si circondava davvero di amicizie immaginarie nella sua casa nel sud dell’Inghilterra, sognava di diventare investigatrice. La sua infanzia è descritta con garbo da Vanna Cercenà in questo nuovo libro della collana Sì, io sono, in cui grandi personaggi del passato svelano la propria giovinezza.

Vanna Cercenà, Elena Temporin, Agatha Christie e il fazzoletto cifrato, Lapis edizioni

Torquay, Inghilterra del Sud, 1900.
Agatha ha 10 anni, due vispi occhi celesti e quattro amiche immaginarie. Timida e solitaria, ha un debole per le avventure di Sherlock Holmes e sogna di diventare investigatrice. Una sera, ascoltando di nascosto una conversazione tra i genitori, scopre il passato inconfessabile del giardiniere Thomas, un giovane con cui ha stretto un sincero rapporto di amicizia.
Agatha non può credere alle sue orecchie: un ragazzo che cura le piante e gli animali con tanto amore non può essere un delinquente!
Quando alcuni giorni dopo un evento drammatico scuote la tranquilla cittadina, l’istinto le dice che dietro quel caso apparentemente già risolto si cela un mistero…

Read Full Post »

Rebecca Stead, Newyorchese doc,  ha entusiasmato lettori e critici con Quando mi troverai (Newbery Medal). Ora abbandona gli anni Settanta per portarci con questo Segreti e bugie ai giorni nostri, restando sempre a New York, a Brooklyn precisamente. Il licenziamento del padre costringe la famiglia ad un trasloco, la madre è spesso impegnata in doppi turni all’ospedale dove lavora, ma per fortuna a bilanciare la presenza di alcuni bulli arriverà nella vita di Georges una famiglia piuttosto eccentrica… Georges, alla francese, con la S, come il pittore che ha ispirato i genitori: Georges Seurat. Anche la vita del nostro protagonista è composto da tanti piccoli puntini, a volte insignificanti, che compongono forse un armonico quadro solamente se osservato da una certa distanza… Un altro libro azzeccatissimo per lettori dai dodici anni, coinvolgente e arguto dalla prima pagina

English: American author Rebecca Stead.

English: American author Rebecca Stead. (Photo credit: Wikipedia)

Georges deve cambiare casa: il padre è stato licenziato dallo studio di architettura e la madre è sempre assente perché lavora in ospedale. Nel nuovo condominio Georges fa amicizia con Safer, un ragazzino della sua età che ha due fratelli, la più piccola Candy e Pigion, un inquieto adolescente. Come loro, anche Safer non frequenta la scuola ma studia a casa. Safer “assolda” Georges come aiuto-spia per tenere d’occhio un misterioso vicino sempre vestito di nero che entra ed esce da casa con pesanti valigie in un modo che sembra particolarmente sospetto. Ma, a differenza dei film di Hitchcock, in questo caso non c’è nessun crimine e alla fine tutto si rivelerà un gioco inscenato da Safer che porterà Georges a riflettere su verità e menzogne, facendo emergere segreti e bugie taciuti anche all’interno della propria famiglia. In questo romanzo, Rebecca Stead dimostra grande sensibilità nel delineare una realtà perfettamente coerente e credibile, in cui il lettore si identifica, salvo poi ribaltarne tutti i punti fermi e svelare una verità dei fatti radicalmente diversa, con un capovolgimento sorprendente in cui emergono le fragilità e le motivazioni profonde dei giovani protagonisti

Read Full Post »

Siobhan Dowd, la straordinaria autrice de Il mistero del London Eye, ha scritto quattro romanzi nella sua breve vita: quello che presentiamo è stato l’unico libro a cui è stata conferita la prestigiosa Carnegie Medal dopo la morte di chi l’aveva scritto. Un libro straordinariamente ricco, per l’ambientazione, che getta nuova luce ad un periodo storico noto a chi, come il protagonista, andava per i diciotto anni ad inizio degli Ottanta, ma di certo poco conosciuto ai lettori a cui è destinato; per la ricca trama di cui è intessuto, l’incontro tra un ragazzino irlandese cresciuto circondato dall’odio per il “nemico” inglese ed un giovane militare, con una ragazza coetanea figlia di una archeologa, e con i sogni ricorrenti in cui compare la “bambina dimenticata” del titolo, una adolescente di duemila anni fa il cui cadavere viene casualmente scoperto perfettamente conservato nella torba, risultando capace però di inquietare la coscienza del ragazzo con la storia di violenza che reca. Le ragioni dell’odio e quelle dell'”incontro” si contrappongono, ma ad un certo punto dopo i primi baci, un dubbio si insinua nella mente del giovane: perché tutto il mondo non fa questo per tutto il tempo? Forse, anche in una terra sconvolta dall’odio, può sorgere una speranza, nata anche sulle note di Imagine di John Lennon, che accompagnano il lettore come sottofondo degli accadimenti! Dai 12 anni

dall’autrice de Il Mistero del London Eye (premio Andersen 2012) un altro grande romanzo, vincitore della Carnegie Medal 2009

La bambina dimenticata dal tempo,
di Siobhan Dowd, UovoNero Edizioni
1981, Irlanda del Nord. I Disordini fra Nord e Sud infiammano il paese. I prigionieri nordirlandesi cominciano lo sciopero della fame per rivendicare lo statuto di prigionieri politici. Fergus ha diciott’anni e si sta preparando per superare il test di medicina, per trovare un giorno una vita migliore, lontano dai Disordini. Un giorno Fergus trova, insieme allo Zio Tally, il corpo di una bambina assassinata, perfettamente conservato nella torbiera sulla montagna. La ragazzina indossa un bracciale celtico. È morta migliaia di anni fa. Chi sarà? Qual è la sua storia? E perché Fergus continua a sognarla? Mentre Fergus cerca di dare un senso al mondo intorno a lui – il fratello in carcere, i suoi sentimenti crescenti per Cora, i suoi genitori che litigano – una voce gli arriva nei sogni, a rivelare il mistero della bambina della torbiera. Un libro che parla di diversità come capro espiatorio, come pretesto per giustificare guerre fratricide e delitti inumani. Ieri come oggi.

Un’opera brillante, scritta da un’autrice dai doni letterari sottili e complessi, all’apice della sua creatività. The Guardian

Read Full Post »

Jimmy Liao, raffinatissimo autore de La voce dei colori   ci delizia con questo nuovo libro
illustrato, a narrarci una storia con magnifiche immagini, nitidissime e coinvolgenti, piene di poesia e di colori. Da non perdere!

Jimmy Liao, La luna e il bambino, Edizioni Gruppo Abele

Quando un ragazzino trova la luna in un campo che, caduta inspiegabilmente dal cielo, ha perso la memoria e non ricorda più come illuminare le notti, decide di prenderla con sé per curarla. Diventano in breve tempo grandi amici, a dir poco inseparabili. Ma tutto il resto del mondo è sgomento… la mancanza della luna in cielo crea il panico. In breve iniziano a nascere lune artificiali, nel tentativo di supplire, senza riuscirci, alla mancanza di quella vera. Il ragazzo si renderà conto dell’importanza che la sua amica luna torni a risplendere e fa di tutto per insegnarle di nuovo a riprendere le sue funzioni. Proprio grazie al suo aiuto, la luna tornerà a splendere rischiarando le notti di tutti.

qui potete vedere”illustrato” un altro libro di Jimmy Liao, A CHANCE OF SUNSHINE
liao

 

 

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »