Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘autrici indiane’

dall’autrice del colorito La maga delle spezie, un nuovo romanzo che ci conduce attraverso i segreti di quattro generazioni di donne, sospese tra due continenti:
 
I dolci profumi del Bengala, Chitra Banerjee Divakaruni, Einaudi
 
 
Tre secoli e due continenti per raccontare la storia di quattro generazioni di donne, che scopriranno quanto i legami di sangue siano piú forti del tempo e del destino.
 
C’è Durga con le sue ricette, i suoi dolci che tutto il villaggio le invidia, un presente di dolore e fatica. C’è sua figlia Sabitri che desidera solo studiare e spezzare le catene di una vita che non sembra appartenerle. C’è Bela che, perseguitata dalle scelte di sua madre, fugge all’estero inseguendo un amore destinato a naufragare. E, infine, c’è Tara che, dopo aver ripudiato il ruolo di figlia modello, impara quanto lungo e tortuoso sia stato il cammino di chi l’ha preceduta e le ha insegnato il potere del cuore. Con la sua prosa poetica e densa di lirismo Chitra Banerjee Divakaruni ci accompagna in un viaggio straordinario, dalla campagna del Bengala alle strade di Houston, alla scoperta dei complessi rapporti tra madri e figlie e delle innumerevoli sfumature d’amore che legano indissolubilmente le generazioni
 
Traduzione di Federica Oddera

Read Full Post »

Ricordate LA MAGA DELLE SPEZIE, vero? Fu uno dei primi libri a dare il via alla scoperta della letteratura indiana contemporanea.

La capacità di raccontare belle storie è davvero tipica di questa ottima autrice di origine indiana (ora risiede negli Stati Uniti, come molte protagoniste dei suoi libri ).Durante la lettura di questo libro vi sembrerà di veder scorrere la vita di Korobi, di poter leggere i pensieri che affollano la mente di questa coraggiosa ragazza indiana, decisa a far luce su un antico episodio che ha coinvolto la madre defunta. Per quanto pericoloso possa essere, un necessario passaggio per fare i conti con il passato, per raggiungere la piena maturità di donna.

 

 

Divakaruni Chitra B., La ragazza oleandro, Einaudi

Orfana di entrambi i genitori, Korobi è stata cresciuta dai nonni come si conviene a una ragazza indiana di buona famiglia. Seria e rispettosa, porta però nel nome, “oleandro” in bengalese, la forza ostinata delle piante che sua madre tanto amava. È proprio questa tenacia a sostenerla quando, travolta da una rivelazione scioccante, a un passo dal matrimonio decide di partire per gli Stati Uniti nella speranza di far luce sulle proprie origini. A sua disposizione ha un mese di tempo e l’aiuto di Desai, un investigatore privato con base a New York. Poi dovrà rientrare in India e sposarsi. Ben presto, però, messo alla prova da una combinazione esplosiva di pressioni e fraintendimenti, il rapporto con il fidanzato Rajat comincia a vacillare. Parallelamente cresce la complicità con Vic, lo scanzonato nipote e assistente di Desai, che la accompagna e sostiene nelle delicate fasi della ricerca. Alla fine di un viaggio pieno di insidie e verità scomode, Korobi, più matura e consapevole dei propri desideri, imboccherà la sua strada senza lasciarsi tentare dall’alternativa più semplice.

Traduzione Oddera F.

 

 

Nata a Kolkata e laureatasi negli Stati Uniti, dove vive tuttora, Chitra Banerjee Divakaruni si muove a proprio agio sia nella complessa realtà indiana, dove la modernità si intreccia ai profumi e ai colori della tradizione, che tra i campus universitari e i quartieri degradati dell’America post 11 settembre. I suoi libri sono tradotti in ventinove lingue. Per Einaudi ha pubblicato il libro di racconti Matrimonio combinato, i romanzi La maga delle spezie, Sorella del mio cuore, Il fiore del desiderio, La regina dei sogni, Il palazzo delle illusioni, Raccontami una storia speciale, La ragazza oleandro e i due volumi della saga di Anand, Anand e la conchiglia magica e Anand e lo specchio del fuoco e del sogno.

English: A photograph of Indian-American novel...

English: A photograph of Indian-American novelist Chitra Banerjee Divakaruni (Photo credit: Wikipedia)

Read Full Post »