Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘bologna’

un altro ciclo di incontri: Pagine di vita – Esistenze – Autori a Castel Guelfo,  a cura del Comune di Castel Guelfo.

 

Con lo psicoterapeuta dell’età evolutiva Alberto Pellai, con Becky Sharp e Davide Bacchilega, tre appuntamenti imperdibili. Seguiranno i dettagli!

Atlantide curerà i bookshop tematici delle tre serate.

 

 

Read Full Post »

 

 

Un incontro con Maurizio Garuti nella Biblioteca di Castenaso:

 

GIOVEDI’ 20 APRILE – ORE 21

Biblioteca comunale Casa Bondi – Castenaso

 

MAURIZIO GARUTI

presenta il suo ultimo romanzo

MELODRAMMA

(Minerva edizioni)

 

Conversa con l’autore GIORGIO TONELLI

Letture  di PATRIZIA BELUZZI

 

Il coraggio e la forza di una donna, dal torbido ambiente famigliare sull’appennino bolognese negli anni ’50 al trasferimento nella Bologna del boom economico.

Un faticoso, tenace e orgoglioso percorso di riscatto ed emancipazione che Antonia racconta in prima persona: l’apparente stabilità del lavoro all’UPIM e del matrimonio con un piccolo imprenditore, la scoperta del potere dei libri e della lettura, l’amore sconveniente, ma di travolgente passione, per Yannis, lo studente greco della finestra di fronte, che innesca la svolta e permette ad Antonia di riannodare.

i fili della propria esistenza e della propria identità.

 

 

Ingresso libero

 

 

Info: Biblioteca comunale Casa Bondi

via XXI ottobre 7/2 – 40055 Castenaso

051/788025 – biblio@comune.castenaso.bo.it

http://www.comune.castenaso.bo.it

 

 

Read Full Post »

loreti bologna giugno

un nuovo appuntamento per parlare di Tiziano Terzani, con Àlen Loreti, suo biografo. A Bologna il 5 giugno alle 18,30 al Cafè de la Paix, un nome già beneaugurante!

Per sostenere il Fondo Terzani, l’archivio del viaggiatore fiorentino custodito a Venezia, invitiamo tutti all’incontro letterario:

TERZANI. GUARDARE I FIORI DA UN CAVALLO IN CORSA con la partecipazione di Àlen Loreti, biografo e curatore dell’opera

INGRESSO LIBERO

Un evento promosso da:
• DiecieVentcinque, www.diecieventicinque.it
• Café de la Paix, www.facebook.com/cafedelapaixbologna
• Libreria Atlantide, www.facebook.com/libreria.atlantide

Vi ricordiamo che i proventi dell’acquisto del volume (320 pagine illustrate con documenti e testi inediti) sono destinati integralmente alla catalogazione e archiviazione del Fondo Terzani.

 

Info

Café De La Paix – Bologna

Via Collegio di Spagna 5b, 40123 Bologna

Read Full Post »

 

Beatrice Masella scrive splendidi libri per bambini, per ragazzi, e per i lettori “adulti” (definizione poco simpatica, legata solo all’anagrafe: ognuno si senta libero di leggere fuori dai confini dei generi e delle fasce d’età). Ha accettato subito la nostra proposta di essere presente in libreria alla festa dedicata a Io leggo perchè (www.ioleggoperche.it ), di essere intervistata dai ragazzi di Radio Immaginaria.

Così, presentiamo qualche sua opera.

Una nostra recensione per Respiro:

per ragazzi, Respiro, di Maria Beatrice Masella Beatrice Masella è una amica, ma le parole di elogio per il suo nuovo libro non nascono certo da questo sentimento: ecco Respiro, di Maria Beatrice Masella, Sinnos.

Ovvero, uno splendido romanzo ad incorniciare un intenso periodo di vita della giovane protagonista, “strappata” dal suo tranquillo e solare borgo del Sud Italia per seguire la madre in una Bologna di cemento e palazzi anonimi odiata con tutte le forze, tanto da perdere il respiro e accusare seri problemi di allergia. Poi, qualche incontro speciale, una musica ascoltata per strada, un cane randagio (poteva mancare?), e le prospettive possono cominciare a cambiare. Avvincente, con una perfetta e straordinariamente realistica “ricostruzione” del carattere di Rossana, tredicenne come tante altre!

Maria Beatrice Masella, Respiro

Prendo un respiro: via!

Poi una valanga che arriva: la morte della nonna, una madre che ti trascina lontano, una nuova città, la solita scuola, nuovi compagni e cos’altro?

Un’incredibile amica, un cane che ti trova, un musicista misterioso, un padre che riappare e poi ancora? Il primo bacio, il primo concerto, il gruppo di teatro, un rifugio di montagna, e adesso?

Adesso finalmente respiro!

 

poi doveroso ricordare questo per i giovanissimi lettori:

Bambini bambine e sapori – Famiglie a colori

Si tratta di un albo illustrato a due lati di lettura: da un lato dodici tipi di bambini e bambine sono associati ai sapori e sfilano in rima attraverso delicate filastrocche fino ad arrivare alla tredicesima declinata al plurale; dall’altro lato dodici famiglie sono associate ognuna ad un colore diverso e vanno a concludersi nella tredicesima filastrocca delle famiglie arcobaleno, inclusive di tutte le tipologie. Perché così come non esiste un solo tipo ideale di bambino o bambina, così anche non esiste un solo tipo di famiglia, ma famiglie al plurale.
Ogni filastrocca viene raccontata poeticamente dalle splendide tavole di Nicolas Gouny, artista francese di rara sensibilità, guidandoci fino ad un punto centrale di incontro fra bambini e famiglie, colori ed emozioni; e tutte le filastrocche possono essere contemporaneamente ascoltate dalla voce del bravissimo attore e narratore Alfonso Cuccurullo, accompagnata da pezzi unici composti per l’occasione dal pianista Federico Squassabia.
Cos’è la famiglia? Si chiede all’inizio con una breve scheda introduttiva l’autrice Maria Beatrice Masella. Un insieme di persone, relazioni, affetti, culture. “Più la famiglia include – persone, relazioni, affetti, culture…
– più è solida e ha spalle larghe, più la famiglia esclude più diventa fragile e ha un cuore sottile…
Non è importante la struttura della famiglia, ossia la composizione, ma ciò che avviene al suo interno e che si esprime attraverso le relazioni che si riescono a costruire”.
E ancora, chi sono i bambini e le bambine?
“Di certo non sono soltanto piccoli uomini e piccole donne ma persone in crescita con straordinarie capacità: sono artisti, poeti, musicisti, e soprattutto filosofi, perché si stupiscono di fronte al mondo e si interrogano sulle grandi domande dell’esistenza. I loro strumenti di ‘lavoro’ sono la fantasia, la curiosità, il movimento, la natura”.
Queste brevi riflessioni ci introducono nel mondo magico della poesia, dell’arte, della narrazione, della musica, dove i diversi linguaggi possono intrecciarsi per restituire all’emozione e al pensiero una possibilità di commovente incontro. Un albo illustrato plurale per grandi e piccini su temi contemporanei.

 

Bambini bambine e sapori – Famiglie a colori è prodotto in collaborazione con la cooperativa Il Mosaico

 

Mare d’argilla, Edigrafema editore, si rivolge agli “adulti”

Tursi, paese lucano fra calanchi di argilla e mare, le figlie del farmacista, tra miseria, guerra, soprusi, speranze trascorrono la giovinezza durante i primi anni del Novecento. Vittoria, Clara, Marianna, Isabella, Titina e Clelia le sorelle, Eleonora la madre, Giacinta e Viola le nipoti, un caleidoscopio di esperienze che, attraverso atmosfere al crepuscolo, tempi lenti e giammai pigri, luoghi assolati e accoglienti e pur aspri, rivela una saga familiare, in cui poter riconoscere le origini nel passato fra le generazioni. Un romanzo a più voci sole. Una litania antica al riparo di un’egida quasi completamente al femminile.

 

Vive a Bologna dal 1975, dove lavora come insegnante e pedagogista nell’ambito della genitorialità e dell’infanzia. Le sue esperienze in campo educativo e relazionale si sono intrecciate fruttuosamente con la sua passione per la scrittura. Pubblica alcuni racconti brevi in antologie, fra cui l’ultimo dal titolo Speranza, nella Rivista La Pratica Analitica, n. 8 / 2011-2012. Nel 2006 esce il suo primo romanzo “Compagni di futuro”, Giraldi Editore, prefazione di Margherita Hack, ambientato a Bologna negli anni del movimento studentesco del ’77. Dal 2007 al 2010 pubblica tre romanzi per ragazzi con la casa editrice Sinnos: “Hanna, Fou e il mistero delle saline”, “Hanna, Fou e i castelli di sabbia”, “Hanna, Fou e l’aquilone ritrovato”. In agosto 2011 pubblica con Bacchilega Editore “Il grande noce racconta: sette storie per sette sere”, ambientato sulle colline di Castel del Rio; nel 2012 pubblica “Bambini Bambine e sapori-Famiglie a colori”.

 

Senza dimenticare le avventure di HANNA, giovane investigatrice :

Hanna, Fou e il mistero delle saline, Sinnos

Hanna, undicenne figlia di un pescatore siciliano e di una giornalista svedese, vive su un barcone attraccato nel porto del canale di Cervia. Ha un gruppo di amici, tra i quali spicca Rambo e un amico speciale: Fou, cane di Hanna nonché suo assistente-segugio. Hanna ha un dono speciale: un formidabile olfatto che sarà messo al servizio di Valerio, ornitologo del Parco delle Saline, per scoprire cosa ha ucciso due delle sue preziose anatre. Il caso delle anatre andrà però a incrociarsi con la morte di un ragazzo, il cui cadavere viene ritrovato nella Pineta accanto alla spiaggia. Età di lettura: da 9 anni.

 

Giovedi 23 aprile, dalle ore 16! Qua trovate i dettagli: https://buoneletture.wordpress.com/2015/04/14/io-leggo-perche-il-23-aprile-di-libreria-atlantide/

ioleggoperche vetrofania-page-001

Read Full Post »

#IOLEGGOPERCHÉ è una iniziativa di rilievo nazionale ideata dall’AIE, l’Associazione degli Editori italiani indirizzata al pubblico dei non lettori e dei lettori deboli, fondata sulla passione dei lettori forti chiamati a diventare “MESSAGGERI” del libro e della lettura, con lo scopo di far divampare la passione per il libro anche in chi ne è immune. (www.ioleggoperche.it )

 

La manifestazione si articolerà in un’ampia serie di iniziative, azioni, eventi mediatici e sul territorio, e vedrà il suo apice nella giornata mondiale del libro, il 23 aprile 2015.

Proprio in occasione della giornata culminante de IOLEGGOPERCHE’ (www.ioleggoperche.it ), giovedì 23 aprile, nel pomeriggio, terremo un READING COLLETTIVO in libreria, dalle 16 : chi vorrà potrà leggere un brano del suo libro preferito (max cinque minuti) per condividere la gioia della lettura.

Saranno presenti i ragazzi di Radio Immaginaria (www.radioimmaginaria.it ), la sola radio fatta e condotta dagli adolescenti, per una diretta dalla libreria.

 

Ospiti:

Beatrice Masella, autrice tra l’altro de Respiro (Sinnos), Hanna, Fou e il mistero delle saline (Sinnos)

Vive a Bologna dal 1975, dove lavora come insegnante e pedagogista nell’ambito della genitorialità e dell’infanzia. Le sue esperienze in campo educativo e relazionale si sono intrecciate fruttuosamente con la sua passione per la scrittura. Pubblica alcuni racconti brevi in antologie, fra cui l’ultimo dal titolo Speranza, nella Rivista La Pratica Analitica, n. 8 / 2011-2012. Nel 2006 esce il suo primo romanzo “Compagni di futuro”,Giraldi Editore, prefazione di Margherita Hack, ambientato a Bologna negli anni del movimento studentesco del ’77. Dal 2007 al 2010 pubblica tre romanzi per ragazzi con la casa editrice Sinnos: “Hanna, Fou e il mistero delle saline”, “Hanna, Fou e i castelli di sabbia”, “Hanna, Fou e l’aquilone ritrovato”, “Respiro”. In agosto 2011 pubblica con Bacchilega Editore “Il grande noce racconta: sette storie per sette sere”, ambientato sulle colline di Castel del Rio; nel 2012 pubblica “Bambini Bambine e sapori-Famiglie a colori”. Del 2014 è invece Mare d’argilla (Edigrafema), destinato al pubblico dei lettori “adulti

Isabella Colic, autrice de L’occhio della profezia (In.Edit)

Isabella Colic è nata il 23/12/1996 a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna. Ha diciotto anni, ma ne aveva appena compiuti tredici quando iniziò a scrivere questo libro. Per diverso tempo la sua passione è stata, ed è tuttora, la scrittura, e ad essa si sono affiancate la musica, il pianoforte, la chitarra elettrica e il desiderio di iscriversi alla facoltà di giornalismo, una volta finito il liceo linguistico che attualmente frequenta a Lugo (Ra).

Dario Criserà, Autore teatrale

Dorotea La Faci, responsabile delle Biblioteche Comunali di Castel San Pietro Terme

Sabina Niceforo, segretaria dell’associazione Top Music

Gloria Nobili, Associazione Salto Quantico,

e altri ancora…

Vi aspettiamo!

 

ioleggoperche vetrofania-page-001

Read Full Post »

Con la presentazione de “Gli ignoranti” di Etienne Davodeau si conclude mercoledì 1 aprile la rassegna“Graphic novel incontra… (& Live Music)”, il ciclo di serate dedicate al fumetto d’autore organizzati da Cà Vaina, realizzati in collaborazione con Libreria Atlantide, Vari.China, The Box Edizioni.

Dopo aver incontrato Roberto Baldazzini, autore de L’inverno di Diego – Le stagioni della resistenza e Matteo Casali, che ha svelato i segreti del suo mestiere di sceneggiatore e i dettagli del ritorno di un classico del fumetto, Kriminal, Sergio Rossi, curatore della rassegna, parlerà di questo particolare Graphic novel, perfetta dimostrazione di quanto il genere sia attento nel rappresentare i mutamenti che attraversano la società, andando oltre la vecchia caratteristica di intrattenimento puro e semplice che gli era riconosciuta.

Il volume, che in Francia ha venduto 100.000 copie e ha raccolto lusinghiere recensioni sulla stampa italiana, è il resoconto di una lunga frequentazione tra un vignaiolo della Valle della Loira, Richard Leroy, e un autore di fumetti conosciuto in tutto il mondo per i suoi reportage, un anno vissuto insieme in cui i due si sveleranno a vicenda e con reciproco rispetto i segreti del proprio mestiere. Emergerà chiaramente da questo incontro l’amore e la passione per la terra, la necessità di mantenere una propria individualità in un mercato tendente ad uniformare a livello planetario gusti e tendenze.

Saranno presenti Sergio Rossi, curatore del volume pubblicato da Porthos editore, e la traduttrice Raffaella Garruccio, parteciperà Valerio Zanotti in rappresentanza dell’associazione di produttori biologici locali Cambiavento.

Al termine un live set con Raicard è Scarpazon (Alternative folk).

Appuntamento alle 21.00 presso lo “Spazio Live” del Centro giovanile Ca’Vaina V.le Saffi 50 /b, Imola.

Per ulteriori informazioni contattare: Centro giovanile Ca’Vaina allo 0542/43610 o mail a info@cavaina.it

Libreria Atlantide – via Mazzini 93, Castel San Pietro (BO), 051 6951180 – atlantidelibri@atlantide-sdf.191.it

  Etienne Davodeau Bio Etienne Davodeau, autore e protagonista di questo libro, esordisce nel mondo dei fumetti nel 1992 con la serie Les Amis de Saltiel, edita da Dargaud. A questo fa seguire molti libri in cui alterna sia romanzi sia reportage a fumetti, sempre su temi di attualità politica, personaggi storici e contemporanei. Dal suo Lulu femme une, la regista Solveig Anspach ha tratto un film uscito nel 2013. Tra i suoi titoli tradotti in italiano: Rurale! Cronaca di una collisione politica (Q Press, 2006), Quelli che ti vogliono bene (Q Press, 2006), La brutta gente (Q Press, 2008), Un uomo è morto (co-sceneggiatore Kris, Q Press, 2010), Con Gli ignoranti raggiunge il successo internazionale.   gli ignoranti Etienne Davodeau GLI IGNORANTI Vino e libri: diario di una reciproca educazione Porthos edizioni

A cura di Sergio Rossi, Sandro Sangiorgi, Matteo Gallello, Ottavio Gibertini Traduzione di Raffaella Garruccio

La storia vera di un fumettista che non sa nulla di vini e di un vignaiolo che non legge fumetti: diventeranno l’uno il maestro dell’altro. Nonostante le differenze scopriranno che, in fondo, fanno lo stesso mestiere. Etienne Davodeau è conosciuto in tutto il mondo per i suoi reportage a fumetti, tra i quali “Rural!”, “Les Mauvaises gens” e “Un homme est mort”. Richard Leroy, viticoltore della Loira presso Rablay sur Layon, è uno dei più bravi produttori di vino biologico di Francia. Insieme decidono di trascorrere un anno insieme per imparare uno il lavoro dell’altro e capire se sia possibile coltivare una propria individualità creativa nel mercato globale, senza demonizzarlo ma neppure uniformandosi a un gusto minimo comune. Vini o libri che siano. Un reportage sull’etica del Fare, guardando al futuro rispettando il passato. Più di 100 mila copie vendute in Francia all’uscita; il libro è in corso di traduzione in tutto il mondo. Per la prima volta in una graphic novel sono narrate l’editoria e l’enologia attraverso il racconto delle esperienze di vita dei due protagonisti. Sergio Rossi è scrittore, traduttore e storico del Fumetto. Ha diretto la rivista “Fumo di china”, le case editrici BD e Black Velvet, nonchè l’etichetta The Box per Fandango Libri. Sandro Sangiorgi si occupa professionalmente di vino da oltre 30 anni. Nel 1986 è tra i fondatori di Arcigola poi divenuta Slowfood. Nel 2000 dà vita al progetto Porthos, curandone il periodico omonimo e l’attività didattica.

Scheda tecnica

Graphic novel genere: diario autobiografico

anno: 2015

numero di edizione: 1

pagine: 288

formato: 20 x 27,5 cm, b/n legatura: brossura

dettagli: 16° prezzo: 25,00 euro isbn: 9788890536083

Porthos Edizioni Via Laura Mantegazza, 60 00152 Roma. www.porthos.it

Ufficio stampa: Anna Maria Riva 3290974433 – riva.amb@gmail.com

L’associazione Cambiavento   Cambiavento è un progetto di autorganizzazione e di autotutela che mette assieme consumatori e produttori di un territorio che abbraccia il circondario imolese, il territorio faentino e la Bassa Romagna. Il punto di partenza è un modo di consumare e produrre attento ai temi della salute, l’obiettivo è un sistema senza intermediari, dove sia garantito a chi produce un giusto compenso e a chi consuma un prezzo sostenibile. CambiaVento si colloca nel solco di una economia solidale, di un sistema di relazioni economiche e sociali che ha al suo centro l’uomo, la salute e l’ambiente e che cerca di coniugare sviluppo con equità, occupazione con solidarietà e risparmio con qualità. Il mercato di CambiaVento si sviluppa, per ora, su una piattaforma internet dove è possibile acquistare frutta e verdura biologica, sempre fresca e di stagione, coltivata localmente da produttori che aderiscono alla comunità. Tutte le informazioni su www.cambiavento.it   gli ignoranti

Read Full Post »

 

 

La rassegna Graphic novel incontra… (& Live music), ciclo di presentazioni dedicati al fumetto organizzati da Cà Vaina, Libreria Atlantide, Vari.China, e The Box Edizioni, giunge al suo secondo appuntamento: dopo quello con Roberto Baldazzini, Mercoledì 25 marzo alle ore 21 il pubblico imolese potrà conoscere Matteo Casali, intervistato da Sergio Rossi, autore ed editore, che ha coordinato la rassegna.

Matteo Casali è docente di Sceneggiatura e Storytelling presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e le sedi della Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, della quale è co-fondatore e Direttore Creativo, e di Firenze. Tra le sue opere, pubblicate anche in Francia, Germania, Stati Uniti, ricordiamo Quebrada, Silent dance, Sotto un cielo cattivo, la serie Bonerest e l’adattamento a fumetti de La neve se ne frega di Luciano Ligabue.

Il suo ultimo progetto lo vede cimentarsi con uno dei miti del fumetto, Kriminal, il personaggio creato dal Max Bunker nel 1964, con i disegni di Magnus. Se l’avventura originaria si interruppe nel 1974 dopo 419 numeri ufficiali, insieme a Giuseppe Camuncoli e Onofrio Catacchio le nuove storie del Re del delitto vedranno a breve la luce per Mondadori Comics, dopo la presentazione nel novembre 2014 al Lucca Comics con un entusiasmante Numero Zero.

Matteo Casali, che è stato tra l’altro il primo italiano a scrivere albi per la prestigiosa DC COMICS, tra i più importanti creatori di fumetti americani, non è nuovo a queste rivisitazioni importanti: in coppia con Giuseppe Camuncoli ha dato vita ad un nuovo episodio della saga “Gli scorpioni del deserto” del maestro Hugo Pratt, per Lizard Edizioni.

A seguire un Live Set di Neuropa (Electronica/Industrial) coautore del soundtrack del recente docu-film sul personaggio “Killing” protagonista del fotoromanzo anni ’60 ispirato a Kriminal. I brani presentati sono contenuti anche nel Cd “The Diabolikal Super Kriminal” Cinedelic Label 2007.

La rassegna si concluderà mercoledì 1 Aprile con la presentazione de “Gli ignoranti” di Etienne Davodeau.

Le serate, tutte ad ingresso gratuito, si svolgeranno a partire dalle 21.00 presso lo “Spazio Live” del Centro giovanile Ca’Vaina V.le Saffi 50 /b.

Per ulteriori informazioni contattare:

Centro giovanile Ca’Vaina allo 0542/43610 o mail a info@cavaina.it

Libreria Atlantide – via Mazzini 93, Castel San Pietro (BO), 051 6951180 – atlantidelibri@atlantide-sdf.191.it

MATTEO CASALI – BIO

Matteo Casali fa il suo esordio, insieme a Giuseppe “Cammo” Camuncoli, sulle pagine della serie Bonerest, pubblicata anche poi anche negli Stati Uniti dalla Image Comics. Ha creato e scritto Quebrada, Silent Dance e Sotto un Cielo Cattivo e collaborato, tra gli altri, con Coconino Press, Eura, saldaPress e RCS Rizzoli. Ha ripreso l’opera del maestro Hugo Pratt con Gli Scorpioni del Deserto e scritto La Neve se ne Frega, adattamento a fumetti del romanzo di Luciano Ligabue.

Dal 2003, primo italiano a farlo, scrive diversi albi per DC Comics, come la graphic-novel 99 Days, vincitrice dello Spinetingler Award 2012 come Best Crime Comic. Nel 2009 realizza storie per What If? Astonishing X-Men e per Iron Man: Titanium per la Marvel Comics.

Ha scritto una storia per il Dylan Dog Color Fest, dando il via a una collaborazione con la Sergio Bonelli Editore che lo vedrà impegnato su diversi progetti di futura pubblicazione. Insieme a Onofrio Catacchio, sarà lo sceneggiatore della nuova stagione editoriale di Kriminal per i tipi della Mondadori Comics.

È stato ed è docente di Sceneggiatura e Storytelling presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna e le sedi della Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, della quale è co-fondatore e Direttore Creativo, e di Firenze.

Ha vinto il Premio Carlo Boscarato 2012 come Miglior Sceneggiatore.-

 

Kriminal visto da Onofrio Catacchio e Giuseppe Camuncoli:

 

kriminal

 

Read Full Post »

dal fondatore del Last Minute Market, un nuovo saggio contro lo spreco:

 

Sprecare significa gettare il cibo nella spazzatura ma anche mangiare cibo spazzatura: il primo danneggia la salute della natura, il secondo nuoce alla salute dell’uomo. Entrambe sono legate fra loro, come al rapporto ambiente-uomo, risorse-consumi, ecologia-economia. Relazioni viziate, da cambiare. Non solo con la filosofia del cibo lento, della filiera corta, del chilometro zero. Onde corte, che increspano il mare in superficie. Senza però modificare le grandi correnti. Per nutrire il pianeta, l’unica strada è ridare valore al cibo. Ma quale cibo? Quello medio, né troppo basso né troppo alto. Un percorso che diventa un viaggio nei luoghi dove passa il cibo medio: dallo studio agricolo al mercato ortofrutticolo, dall’industria alimentare al supermercato, dal parco tematico all’esposizione universale. Per arrivare alla scuola: un (p)assaggio fondamentale. L’educazione alimentare serve a comprendere il valore del cibo, imparando a fruire invece che consumare, a evitare gli sprechi e i falsi miti degli spadellatori televisivi.

 

Andrea Segrè insegna Politica agraria internazionale e comparata all’Università di Bologna. Fondatore di Last Minute Market, capofila europeo nella lotta allo spreco, presiede il comitato scientifico del piano nazionale di prevenzione rifiuti. È presidente del Centro Agroalimentare dove ha promosso il parco agroalimentare F.I.CO. Premio Artusi 2012, per Einaudi ha pubblicato Economia a colori (2012) e, con Simone Arminio, L’oro nel piatto (2015).

 

Read Full Post »

Mercoledì 18 Marzo alle 21.00 presso il Centro giovanile Ca’ Vaina avrà luogo la prima serata di “Graphic novel incontra… (& Live Music)”, ciclo di serate dedicate al fumetto d’autore organizzati da Cà Vaina, in collaborazione con Libreria Atlantide, Vari-China, e The Box Edizioni. Al termine di ogni presentazione seguirà un breve concerto / live set attinente al tema della serata.

La rassegna di incontri coordinata dallo scrittore ed editore Sergio Rossi, coinvolgerà alcuni protagonisti di un settore editoriale attivo e vitale, il fumetto d’autore, in grado di offrire ottima qualità e di fornire stimolanti spunti di riflessione su aspetti che vanno ben oltre il puro intrattenimento.

La rassegna si rivolge proprio alla capacità di questo mondo nel rappresentare e nel collegarsi con il presente che ci circonda, di occuparsi della grande Storia vista attraverso i destini dei singoli, o di rielaborare modelli classici con formule nuove.

Nel primo appuntamento, mercoledì 18 marzo, Roberto Baldazzini, autore de “L’inverno di Diego – Le quattro stagioni della Resistenza” dialogherà con Sergio Rossi (coordinatore anche per le altre serate, scrittore, editore ed esperto del settore). Parteciperà alla serata Alfredo Salieri, in rappresentanza dell’ANPI di Imola.

Al termine un concerto con Carlo Falconi (Folk Cantautoriale)

Si proseguirà, mercoledì 25 Marzo con Matteo Casali, autore, sceneggiatore, co-fondatore e Direttore Creativo della Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia, alle prese con la rivisitazione del mito di Kriminal in un nuovo entusiasmante progetto a cui partecipano anche Onofrio Catacchio e Giuseppe Camuncoli. A seguire un Live Set di Neuropa (Electronica/industrial, coautore del soundtrack del recente docu-film sul personaggio Killing)

La rassegna si concluderà mercoledì 1 Aprile con la presentazione de “Gli ignoranti” di Etienne Davodeau, resoconto di una lunga frequentazione tra un vignaiolo e l’autore, in cui i due si sveleranno a vicenda i segreti del proprio mestiere. Saranno presenti Sergio Rossi, curatore del volume, e la traduttrice Raffaella Garruccio, e parteciperà l’associazione di produttori biologici locali Cambiavento

.Al termine un live set con Raicard è Scaparpazon (Alternative folk).

Le serate, tutte ad ingresso gratuito, si svolgeranno a partire dalle 21.00 presso lo “Spazio Live” del Centro giovanile Ca’Vaina V.le Saffi 50 /b.

Per ulteriori informazioni contattare:

Centro giovanile Ca’Vaina allo 0542/43610 o mail a info@cavaina.it

Libreria Atlantide – via Mazzini 93, Castel San Pietro (BO), 051 6951180 – atlantidelibri@atlantide-sdf.191.it

Imola,11 Marzo 2015

graphic novel e locandina-page-001

Read Full Post »

Bologne (Italie), les deux tours

Bologne (Italie), les deux tours (Photo credit: Wikipedia)

 

Sguardi sull’acqua, Storie di guerra nella Bologna dei canali, Calzolari Elisabetta, Pendragon

Gino, Edera, Mario, Stella, Emma sono solo alcune delle voci di questo romanzo corale ambientato a Bologna ai tempi della Resistenza. Le vicende narrate si dipanano attorno alla zona popolare di via della Grada, scandite dallo scorrere del canale di Reno e passano attraverso il racconto della quotidianità dei protagonisti – le scelte dei giovani, le difficoltà delle donne, l’impegno degli uomini – mentre la guerra civile distrugge amicizie e relazioni, contribuendo nello stesso tempo a ricostruire le maglie di un tessuto sociale frantumato dal conflitto. Su tutto, la presenza costante dell’acqua, immagine di vita in un panorama di desolazione. Pagine che trasudano odori e voci per un racconto di grande realismo, che vuole celebrare valori vitali e ancora attualissimi a settant’anni dalla loro nascita.

 

Tana libera tutti,

Dizionarietto dei bimbi birichini: da Ambarabaccicicocò a Zoppo galletto, passando dalle Figurine dei calciatori all’Hula hoop, mentre la Mucca Carolina osservava stupita. Claudio Bolognini, Minerva

Un divertente e appassionato abbecedario sentimentale, dove sono raccolti giochi, giocattoli, oggetti, modi dire, premi e penitenze, quando i maschi giocavano con i fucili a elastici e le femmine intrecciavano chilometri di scubidù.

Dalla A di Ambarabaccicicoccò alla Z di Zoppo galletto passando dalle Figurine dei calciatori o dal gioco del Dottore mentre la Mucca Carolina osservava stupita.

Ci sono le tessere di un mosaico che racconta la storia dell’infanzia, del tempo in cui tutti i bambini andavano a letto dopo Carosello. I monelli di quegli anni, oggi nonni e genitori, possono rivivere gli stessi turbamenti e svelarli ai bambini di oggi.

Allora Tana libera tutti… anche le emozioni fanciullesche rimaste a lungo sopite.

 

 

Il bolognese per tutti, A cura dell’associazione Succede solo a Bologna, Minerva Edizioni

Un manuale divertente che non può mancare nella libreria di chi ama Bologna e il suo dialetto.

Il bolognese per tutti è un viaggio alla scoperta di termini, di uso comune, utili per affrontare situazioni di ogni genere: la colazione al bar, l’andare dal meccanico, l’intervento del fontaniere

e molto altro.

Un libro illustrato per tutti: grandi, ma anche… cinni.

 

 

Marino Perani, l’ala che fece volare il Bologna, Andrea Maurizzi, Giraldi editore

1964-2014 – A cinquant’anni dall’ultimo scudetto

Dal campetto dell’oratorio di Ponte Nossa, un piccolo paese vicino a Bergamo, allo storico scudetto con il Bologna (stagione 1963-64), passando dalla Nazionale italiana. È la storia di Marino Perani, raccontata in prima persona: la famiglia durante la guerra, la scuola, le vacanze, i primi calci nel campo sotto casa, gli amici in paese, l’esordio nell’Atalanta e la sua vita nel mondo del calcio. È il racconto dei tanti successi, ma anche delle sconfitte e delle delusioni di un’ala destra che, nella sua carriera, ha giocato per 18 anni sempre e solo in serie A, segnando 79 reti.

È la storia di un uomo e delle sue imprese, ma è anche il racconto di un’altra epoca e di un calcio diverso e lontano da quello di oggi. Quando il calcio era pura passione, dei giocatori e dei tifosi. E Marino Perani lo racconta e lo attraversa, da Ponte Nossa allo spareggio dell’Olimpico, da Bernardini a Fabbri, da Haller a Bulgarelli.

E ricordo Marino Perani.

Incontenibile, con quel suo scatto sulla destra, quel dribbling naturale che gli faceva prendere subito cinque metri sul difensore, quel cross tagliato dal fondo, secco e preciso, vera manna per Nielsen e Pascutti. Segnava anche, e spesso. Un tiro vellutato, preciso, che scaturiva all’improvviso.

(Dalla prefazione di Gianni Morandi)

Andrea Maurizzi, ingegnere, vive e lavora a Bologna, dove è nato nel 1956. Enigmista, ex calciatore dilettante, frequenta il laboratorio di scrittura di Gianni Cascone a San Lazzaro. Sposato con Mariangela, una figlia psicologa, Matilde, e due gatti.

Marino Perani, nasce nel 1939 a Ponte Nossa, nel bergamasco. Calciatore promettente fin da bambino, dalle giovanili dell’Atalanta arriva in serie A, poi al Bologna e alla Nazionale. È l’ala destra dello spareggio di Roma del 1964, l’ultimo scudetto dei rossoblù.

 

 

qualche rarità fuori catalogo su Bologna, disponibili in poche copie:

Bologna dentro le mura, Luigi Bortolotti

Non tutto di Bologna, ma il meglio di Bologna. BORTOLOTTI, Luigi – Bologna, La Grafica Emiliana, 1977. In-8°, cartoncino edit., 271 pp. con 106 illustrazioni in bianco e nero nel testo.

 

E PER FINIRE,

 

VIRTUS O FORTITUDO?

 

Gus Binelli,Il gigante di Basket City, Zani Francesco, Italic

In questo volume Binelli ripercorre tutta la sua lunghissima carriera partita un giorno d’estate mentre assisteva ad un torneo di basket con tutta la famiglia ed arrivata all’apice con la vittoria dell’Eurolega, alzata da capitano e poi tenuta qualche giorno in salotto. Una militanza sul parquet con la maglia bianconera fin dall’età di quindici anni e bruscamente finita con una telefonata, la voglia di rimettersi in gioco nelle serie minori, i provini con gli Atlanta Hawks e due anni di scuole superiori negli Stati Uniti dove è diventato Gused ha visto da vicino cos’è il razzismo.

 

Un saluto ai ragazzi – racconti Fortitudo, Cristiano Governa, Emilio Marrese, Filippo Venturi

Tre autori uniti dalla passione per la Fortitudo, la squadra di basket bolognese tradizionalmente “altra”. Racconti ignoranti, cioè di pancia e istinto, contro ogni logica – come i famosi tiri di Basile – che hanno come protagonista non chi è sceso in campo quanto chi ci ha vissuto intorno, ogni giorno pensando in biancoblù. Piccole storie individuali che compongono una grande storia collettiva: vere, romanzate o del tutto inventate restituiscono quel senso di diversità da cui si sono sempre sentiti caratterizzati i tifosi Fortitudo. Le vicende del basket, a volta centrali e altre solo un pretesto, si intersecano e sovrappongono infatti con eventi, luoghi, leggende, modi d’essere e personaggi che hanno fatto di Bologna quello che è oggi, senza compiacimenti. Un modo per raccontare e leggere la città attraverso il basket, e viceversa. Diciotto quadri capaci di far ridere, sorridere, ricordare, sperare, arrabbiare, commuovere. E anche spiazzare, se ci si aspetta il solito libro di sport. Un unico comune denominatore: quella malattia il cui primo sintomo è la pelle d’oca davanti alla frase scelta come titolo, “Un saluto ai ragazzi”, che lo storico speaker del palasport Lanfranco Malagoli detto il Lungo pronunciava prima della partita…
 

 

Read Full Post »

Older Posts »