Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Don Chisciotte di Cervantes’

cervantes

Don Chisciotte di Cervantes raccontato da Martin Jenkins, con le illustrazioni di Chris Riddell, Il castoro
è magnifico il Don Chisciotte di Cervantes raccontato da Martin Jenkins e Chris Riddell, edito da Il castoro ragazzi.
Le abbondanti illustrazioni che accompagnano il testo lo rendono un assoluto capolavoro, destinato ai ragazzi ma anche al pubblico degli adulti , senza distinzioni. Un libro da ammirare, tra le opere migliori uscite in questo inizio d’anno: le illustrazioni di Riddell meritano di accostare la storica versione del Chisciotte con le immagini di Dorè, senza dubbio!


La passeggiata di un distratto
Rodari Gianni; Alistar
Emme Edizioni

Lo si chiede spesso, ai bambini distratti: “Ma dove hai la testa?” E le loro mani scattano a controllare che la testa sia al suo posto, sopra il collo. Gianni Rodari immagina cosa accade a un bambino molto distratto che dimentica in giro braccia, naso, piedi. Quest’album è tratto da una storia brevissima (una delle celebri “Favole al telefono”). Le illustrazioni di Alistar hanno il potere di amplificare il racconto, di farlo gustare ai lettori secondo più registri. Mentre i bambini rimangono incantati dai colori delicati e dalle situazioni divertenti nelle tavole, gli adulti vi leggono echi degli anni Cinquanta e di Carosello: scoprono che questa favola universale è in realtà legata a un momento preciso della recente storia italiana. “La passeggiata di un distratto” è album che si può usare in molti modi: è una storia divertente da leggere ad alta voce, si presta a mille giochi da fare con i bambini, è un grande racconto illustrato e anche un omaggio rispettoso a un Paese che non c’è più, e che poco tempo fa era il nostro. Età di lettura: da 4 anni.


Silvana Gandolfi, Salani
Come salvarsi quando non si ha una mamma, ma una Madre severa e glaciale, che ti imprigiona le mani per non farti succhiare le dita di notte? Per Gilda una soluzione è rifugiarsi nei libri. Sulle ali della fantasia può fuggire nella giungla nera e vivere avventure mozzafiato dove lei non è più un piccolo topolino spaventato, ma una spavalda e coraggiosa esploratrice. I libri, però, non sempre bastano e Gilda è costretta a scappare di casa. È così che una notte incontra Siri, una strana bambina che abita in fondo al mare e odora di alghe. Che si tratti di una delle sue solite fantasie a occhi aperti?

I GIUDIZI

I libri di Silvana Gandolfi hanno sempre una linea che li accomuna: divertire i lettori in piena libertà.
Roberto Denti

UN BRANO

“«Io sono Gilda» dico. «E tu?» «Siri. Credo. . . Siri». «Siri?» Annuisce, incerta. La piccola non è sicura nenimeno del suo nome. Sta messa peggio di me. «Cerco la mia . . . la mia . . .» prosegue spostandosi sulla panchina per venirmi più vicino. «La mia . . . la mia. . …»continua con un miagolio tenero. Adesso che mi sta appiccata al fianco percepisco un odore strano, come di alghe. Dai suoi capelli stillano gocce d’acqua. . . Deve avere circa cinque anni. Anche se è troppo grassa, la trovo carina. Che sia scappata di casa anche lei? O si è persa? O. . . «Chi è che cerchi?» «Cerco una bambina uguale a me » sussurra allungando una mano e posandola sulla mia guancia. Al contatto di quella mano una vibrazione intensa mi attraversa il corpo.”

L’AUTORE

Silvana Gandolfi è nata a Roma. Ha scritto novelle, romanzi d’amore, racconti per la radio, ma soprattutto libri per ragazzi. Da Salani sono già usciti La scimmia nella biglia, Pasta di drago, Occhio al gatto!, L’isola del tempo perso, La memoria dell’acqua, Qui vicino mio Ariel, Aldabra. Nel 1996 ha vinto il Premio Andersen come miglior Autrice italiana dell’anno.

Read Full Post »