Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘evasione fiscale’

 

Qualche numero.

In Inghilterra la ditta è stata convocata dalla commissione dei lavori pubblici, alcuni deputati hanno definito “immorale” il loro comportamento.  Nello stesso Paese con un fatturato di 4,2 miliardi di sterline ha pagato 3,2 milioni di imposte: la sede in Lussemburgo occupa 380 persone contro le 21mila del Regno Unito, ma là le imposte sono diverse… Quello che manca alle entrate dello stato il risparmiatore lo risparmia in parte subito per poi versarlo allo stato quadruplicato in forma di imposte: qualcuno deve sostenere l’impalcatura dello stato, no?

In Inghilterra le grandi catene danno lavoro a 47 persone ogni dieci milioni di dollari di fatturato: amazon ha portato a 14 persone tale rapporto (studio dell’Institute for local self reliance). Alle 33 persone che mancano all’appello, verranno pagati sussidi di disoccupazione con i soldi dei contribuenti, speriamo…

Una famosa inchiesta di Milena Gabenelli, per Report,così si concludeva: ” Se io sono una multinazionale e ho in Italia dei rappresentanti che contrattano, negoziano con le case editrici, i produttori di giocattoli o di stufette, ma il magazzino con la merce e i dipendenti che spediscono, ce l’ho da un’altra parte, è un conto”,

“Ma se il magazzino l’ho qui, i dipendenti li ho qui, compro qui, vendo qui, produco reddito in Italia, le tasse le devo pagare in Italia o no? A chi di competenza accertare”.

I governi europie hanno denunciato perdite per un trilione di dollari (metteteci voi gli zero che servono) grazie all’elusione fiscale praticata da Google, Amazon, Apple.

Intanto, chi pensa di risparmiare un euro con il click online, si vede aumentare l’imposizione fiscale per bilanciare le sorti dell’economia. Ganzo!

(per non parlare del loro trattamento nei confronti dei propri lavoratori…)

 

Read Full Post »

 Evasione o elusione?

L’elusione è il meccanismo attraverso il quale il contribuente mira a evitare, ricorrendo a opportune scappatoie, il prelievo tributario a suo carico. Il fenomeno consiste nello sfruttamento delle smagliature delle norme tributarie al fine di realizzare un  risparmio d’imposta. Ad esempio, per conseguire un certo risultato economico, un soggetto può adottare in luogo della prevista forma contrattuale tipica una forma contrattuale anomala che raggiunga gli stessi effetti con un minor carico fiscale ( vedere qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Elusione_fiscale ).

Ora, se è illegale non emettere uno scontrino, è invece tutto in regola se si hanno al proprio servizio schiere di consulenti per evitare o limitare al massimo la tassazione. I sistemi per i grandi gruppi non mancano di certo, e le legislazioni degli Stati non sempre sono in grado (o non vogliono) di arginare il fenomeno. Ricordiamo che al cospetto di alcune multinazionali, molti stati contemporanei risultano essere ben poca cosa! Fissare la propria sede in territori ben disposti ad applicare tassazioni minime per le imprese (Irlanda, Lussemburgo) fanno risparmiare milioni di dollari di tasse….. Il meccanismo che abbiamo creato favorisce in tutto e per tutto i gruppi sempre più grossi e potenti, che schiacciano quelli più piccoli, spremono come limoni i consumatori (e ogni tanto devono essere salvati dal fallimento con i soldi dei contribuenti). E mentre i loro dividendi aumentano, tutti noi ci ritroviamo alla fine sempre più poveri. Ci deve essere qualcosa che non funziona al meglio!
http://italy.indymedia.org/n/7201/21-07-12/apple-multinazionale-prima-al-mondo-fatturat

Read Full Post »