Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘filippo scozzari’

Andrea Pazienza, la sua vita e l’Italia di quegli rivivono in questo magnifico ritratto:

VITA DA PAZ, FRANCO GIUBILEI, BLACK VELVET
Andrea Pazienza è stato la rockstar del fumetto italiano, e le sue storie sono ormai dei classici amati dai lettori di più generazioni.

Questa biografia ne ripercorre la vita attraverso il racconto degli amici: Sergio Staino, Milo Manara, Michele Serra, Vincino, Vincenzo Sparagna, Marcello Jori, David Riondino, Jacopo Fo, Filippo Scòzzari e tanti altri.

Ricostruendo i luoghi e le situazioni in cui visse e operò il grande fumettista, Giubilei ci racconta l’Italia tra gli anni Settanta e Ottanta da un’angolazione inedita.

Franco Giubilei è giornalista del quotidiano “La Stampa”, ha collaborato al volume Il male di Vincino, edito da Rizzoli.

paz

Read Full Post »

VENERDI’  28 MAGGIO ALLE 18,00
alla LIBRERIA IRNERIO,
IN VIA IRNERIO, 27 A BOLOGNA

FILIPPO SCOZZARI presenta
“Filippo Scòzzari e l’insonnia occidentale” (Coniglio Editore).

Interverrà il giornalista Vanni Masala.

E rieccoci! non abbiamo resistito al richiamo che l’ironia  e le incazzature di Filippo Scòzzari esercitano su di noi e così vi invitiamo alla presentazione del suo nuovo libro, rigorosamente di racconti (beh, almeno la copertina ripagherà i suoi fans dei tempi andati!)
che ci inducono a riflessioni sull’assurdo che ci circonda.

Dopo i dolori e l’allegria di “Prima Pagare poi Ricordare”, dopo i fasti di “Memorie dell’Arte Bimba”, dopo la ridicola malattia di “XXXX! Racconti Porni”, Filippo Scòzzari si ripresenta in libreria con un’antologia di 25 racconti, “FILIPPO SCO’ZZARI e L’INSONNIA OCCIDENTALE”.

Spedito in giro dal proprio computer con la missione disperata di recensire il mondo, Scòzzari ne approfitta per stilare un personalissimo cahier de doléances, una sequela di ciò che odia nell’universo – di ciò che
nell’universo bisognerebbe odiare – e che, naturalmente, gli impedisce di dormire.

Si sopravvivere alla scontentezza notturna?

Difficilissimo.

I giusti non sognano affatto, sono giusti, mica scemi. Sono in pace con se stessi, perciò non vengono bombardati da incubi o reminiscenze o pentimenti ripittati e mascherati da quel figlio di puttana del lobo limbico. I giusti fanno a botte col reale, anche di notte, altro che sognare. E’ un lavoro a tempo pieno, come si fa a dormire, chi ci riesce? Il loro trepestio notturno non è un accumulo di sogni plebei, fatui, normalizzati, ma un edificio ronzante di progetti, macchinazioni e trame per il giorno dopo, per quando ci si mette in piedi e ci si dice: “Prima il caffè, poi ’Idrogeno!”

Dormire, quello sì è un sogno. Ma il Nemico ha attentato per almeno 16 ore filate al tuo pensiero e alle tue gonadi con la pubblicità, l’italiano schifoso, gli applausi a perdenti paurosi, le menzogne, gli orrori , le prese in giro. E tu vuoi dormirne otto? Fa troppo rima con culo rotto, e non a caso. Se si dormisse ci si alzerebbe scontenti, e non è il caso. La Vera
Felicità consiste nel lavoro massacrante da fare, e 230 pagine sono molto massacranti. La compilazione dei massacri della logica, dell’onestà, del bello, dei paradigmi, della VITA è massacrante, fa senso perfino pensarci.
La sfortuna è che domani è ancora lo stesso giorno, ma se le cose si elucubrano per bene, per bene, chissà, forse… forse arriva la felicità.

Dolorucci e doloroni, rabbiette e latrati, proposte e controproposte, tentativi di rimettere in sesto una realtà che non lo soddisfa per niente, fantasticherie, saggi, tutto vien buono per stangare cose di cui, satolli e
imprigionati, nemmeno più ci accorgiamo.

Scòzzari si permette ogni cosa, dall’insulto alle bastonate, dalla riscrittura delle moderne leggende alle invettive contro le turpitudini e i
desideri dei mentecatti, dalla risata ai suggerimenti ai calci. La lingua una volta ancora è lo strumento principe con cui l’autore si diverte a scardinare la tranquillità di imbelli e consenzienti: scintillii, capriole, invenzioni, l’italiano è pongo pastrocchiato, manipolato e reinventato da un michelangelo uscito per sempre dai gangheri, poco disposto a mettersi in riga.

Accade abbastanza spesso che autori ben oltre la crisi di nervi producano libri sorprendenti. L'”Insonnia Occidentale” lamentata da un Isterico Illuminato è un esempio lampante di quest’assunto. Vietato curarsi.

Ne va dell’anima.

FILIPPO SCO’ZZARI,
ex autore di fumetti, è da anni in continua singolar tenzone con La Puttanata Generale, come la chiama stridendo da sveglio e nei dormiveglia.
Ha smesso di disegnare a tempo pieno, ma non importa: ogni suo libro è talmente pieno di immagini, invenzioni, ribalderie e capriole che della sua matita non sentiamo poi un gran bisogno;-( è riuscito a sostituirla con la
prepotenza di una scrittura che in Italia ha ben pochi concorrenti.
“Nessun concorrente, brutto sfigato, che cosa stai dicendo?”.

Un incontro da non perdere!

Vi aspettiamo!
Cinzia, Manuela, Raffaella, Rita.

per informazioni
Libreria Irnerio
Via Irnerio, 27 Bologna
tel e fax 051251050
e-mail libreria.irnerio@libero.it
blog: http://www.libreriairnerio.blogspot.com

Read Full Post »

A Bologna e altrove ci sono davvero molti eventi degni di essere celebrati, questa settimana:
BilBolBul -il festival del fumetto al terzo anno di attivita’.
La Festa della Donna.
Filippo Scozzari a Bologna, un evento gia’ di per se’…

Ecco come tutto questo transita dalla libreria Irnerio, nei prossimi giorni.
Di seguito tutti gli eventi del fine settimana che ci riguardano, in ordine strettamente cronologico:

Venerdi’ 6 marzo, alle 18
FILIPPOSCOZZARI presenta “XXXX! RACCONTI PORNI!”(Coniglio Editore).
Interviene VANNI MASALA, giornalista.
Il violinista ALESSANDRO URSO accompagnera’ la presentazione, grazie alla liutaia EZIA DI LABIO, con un violino decorato da Filippo Scozzari.

Sabato 7 marzo, alle 15,30, per BilBolBul, festival internazionale del fumetto:
LUIGI BERNARDI e ONOFRIO CATACCHIO presentano HABEMUS FANTOMAS (edizioni BD) Interviene il giornalista ALBERTO SEBASTIANI.

Sabato 7 marzo alle 18,00
LAURA SALMI  e CRISTINA MELIS presentano “RITRATTI DI SIGNORE”, a cura della Compagnia delle donne (Minerva edizioni) DANIELA PATANE’ presenta “TALENTI. FIGURE DI DONNE NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA” (editrice Compositori).
Interviene Roberto Mugavero, editore.

Domenica 8 marzo, alle 11,30, con APERTURA STRAORDINARIA della libreria in occasione di BilBolBul AMBROGIO SPARAGNA presenta “FRIGIDAIRE. L’INCREDIBILE STORIA E LE SORPRENDENTI AVVENTURE DELLA PIU’ RIVOLUZIONARIA RIVISTA D’ARTE DEL MONDO”
(Rizzoli, collana 24/7)
Interviene il giornalista THOMAS MARTINELLI

————————

Non male come programma, no?
Una breve descrizione di tutto, rimandando al nostro blog per ogni approfondimento e, magari, commento.

Iniziamo da FILIPPO SCOZZARI
Universalmente conosciuto come fumettista, esattamente un anno fa presentava qui in libreria le “Memorie dell’arte Bimba”. Il quel frangente, chi ha avuto la fortuna di leggerlo, capi’ che dietro al disegnatore si celava uno scrittore di tutto rispetto, ed ecco dunque – alla Scozzari – i Racconti Porni.
Sulle motivazioni, diamo la parola a Filippo:
“Se c’e’ una cosa che mi fa andare in bestia, quando si osa affrontare l’argomento gnocca, e’ l’idiozia da caserma con la quale di solito il tema viene affrontato. Idiozia, banalita’ imbecillaggine sfrenata. Questa mia civica indignazione, una diecina di anni fa produsse una quarantina di racconti, che andarono a ruba con Castelvecchi editore, e che rivedono finalmente la luce”.
Altre informazioni?  Sul nostro blog.

Ed ecco invece gli incontri che si svolgono in libreria nell’ambito di BILBOLBUL, il festival internazionale di fumetto che si inaugura oggi e che fino a domenica portera’ Bologna al centro dell’interesse di molti.

– sabato 7 marzo, alle 15,30,
HABEMUS FANTOMAS, Di Luigi Bernardi e Onofrio Catacchio.
Uno sguardo contemporaneo su uno de miti  del ventesimo secolo: chi ereditera’ la maschera di Fantomas dopo la sua scomparsa?
Bernardi e Catacchio, insieme al giornalista Alberto Sebastiani, presentano il primo volume della trilogia dedicata al signore della notte pubblicata da edizioni BD.
Domenica 8, alle 11,30
“Le sorprendenti avventure di “Frigidaire” – incontro con Vincenzo Sparagna.
A partire dal suo libro edito per Rizzoli, Vincenzo Sparagna, anima della rivista “Frigidaire”, ripercorre il meglio di quella irripetibile esperienza. Su quelle pagine, autori del calibro di Pazienza, Tamburini, Liberatore, Mattioli e Scozzari, fumetti racconti, e reportage esprimevano una critica permanente alla cosiddetta “commedia dell’informazione”.

Tutto il programma di questi giorni di festival, con incotri davvero per tutti i gusti e gli interessi, e’ su http://www.bilbolbul.net

L’8 marzo e’ la Festa della Donna.
Sarebbe bello vivere in un mondo in cui non c’e’ piu’ bisogno di rimarcare quanta strada devono ancora fare le donne per avere effettivamente i loro diritti riconosciuti, e rendere dunque pleonastica questa festa, ma purtroppo non e’ ancora cosi’.
Ecco dunque perche’ abbiamo anche noi pensato di sottolienare l’evento, come ci si addice, con dei libri.
Sono entrambi libri che parlano di donne che ci stanno accanto, che probabilmente in parte conosciamo, che ci dimostrano che alcuni traguardi non sono piu’ impossibili – ma magari qualche fatica in piu’ bisogna ancora farla.
“Ritratti di Signore”e’ nato da un’idea della Compagnia delle Donne, gruppo formatosi da un anno, creato da studentesse e professioniste di area bolognese.
Si tratta di 40 ritratti di donne bolognesi che si sono distinte nei piu’ svariati campi d’interesse, raccolte da altrettante giornaliste per dare testimonianza delle tante eccellenze che produce Bologna.
Nello stesso ambito si e’ mossa Danela Patane’, per il suo viaggio attraverso i Talenti femminili della Provincia di Bologna.

Questa e’, a nostr avviso, una delle occasioni in cui un libro puo’ davvero fare la diferenza: la conoscenza e la cultura sono forse il solo strumento per abbattere le barriere che l’ignoranza comporta, producendo intolleranza e sopruso. Vorremmo essere in un mondo in cui non si debba leggere ogni giorno sul quotidiano di un ennesimo stupro nei confronti di una donna o, peggio, di un bambino. Ma vorremo anche che, nel riportare la notizia, un giornale importante non dicesse, come “La Repubblica” di qualche giorno fa, “stupri: 4 su dieci sono stranieri”. Visto che, semmai, la notizia e’ che 6 su 10 sono itailani.
E comunque, tutti e dieci sono soprattutto, o soltanto, un’unica cosa: uomini.

Vi consigliamo la lettura di un saggio appena pubblicato da Elliot, “Chi ha cucinato l’ultima cena? Storia femminile del mondo”. Nella  divertente ed illuminante prefazione al volume, l’autrice Rosalind Miles dice:
“Chi ha cucinato l’Ultima Cena? Se si fosse trattato di un uomo, non gli sarebbe stato assegnato un proprio santo, con un suo devoto seguito di chef famosi?”
Le donne di cui parliamo sabato non hanno cucinato l’Ultima Cena, (per quanto Alessandra Spisni ne sarebbe stata sicuramente all’altezza) ma di certo sono persone che vale la pena conoscere, donne o uomini che siano.
E per l’aperitivo finale, obbigatorio un rose’.

Vi aspettiamo!
Cinzia, Manuela, Raffaella, Rita

per informazioni:
Libreria Irnerio
Via Irnerio, 27 Bologna
tel e fax 051251050
e-mail libreria.irnerio@libero.it
blog: http://www.libreriairnerio.blogspot.com

Read Full Post »