Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘frutti dimenticati’

Care amiche e cari amici della Balena,

vi segnaliamo un GROOOOOSSO appuntamento.

La Libreria Moby Dick, in collaborazione con l’ITIP Luigi Bucci di Faenza, promuove l’incontro con lo scrittore CRISTIANO CAVINA che presenta il suo ultimo libro “I frutti dimenticati” (Marcos y Marcos Editore). Conduce la serata Massimo Isola.

Venerdì 21 novembre alle ore 21,00 presso l’Aula Magna della Sezione Tecnica ITIP, in Via Camangi 19, a Faenza.

Nato a Casola Valsenio nel 1974, Cristiano Cavina è cresciuto nelle case popolari con la madre e i nonni materni. Le sue passioni sono evidenti fin da piccolo: leggere tantissimo e di tutto, avventura, fantascienza, classici russi, americani contemporanei… e inseguire il pallone nel campo dell’AC Casola, dove gioca in tutte le categorie, dai pulcini agli esordienti, fino all’under 18.

I suoi libri sono i tanti volti di Cristiano Cavina, quello del bambino legato al paese e alla famiglia; c’è il mondo vissuto attraverso i racconti della nonna Cristina, dove rivediamo l’Italia degli anni cinquanta, c’è il mondo delle scuole elementari, fatto di giochi, fantasie, paure e sogni adolescenziali, c’è il mondo adulto, di oggi, contemporaneo, ma che resta sempre aperto al passato, con “fantasmi” che rientrano nella vita del protagonista ma non dall’ingresso principale.

Dopo i precedenti “Alla grande”, “Nel paese di Tolintesàc” e “Un’ultima stagione da esordienti”, è uscito in questi giorni “I frutti dimenticati”.

Protagonista del nuovo romanzo di Cristiano Cavina è “Cristiano Cavina”. Se nei precedenti libri l’aveva tenuto fuori, stavolta il suo nome è continuamente presente: la storia, erede di decine di altre storie umane e di paese (la Casola dove l’autore vive), è un gioco della memoria, dove passato e presente si incrociano, dove i personaggi si perdono e si ritrovano, un ciclone narrativo dove tutto si cristallizza, alla fine, nella propria esatta dimensione.

C’è la storia dei frutti dimenticati, quelli coltivati dai preti e dalle suore dove il piccolo Cristiano studia; c’è la storia della nonna e della sua devozione al Creatore talmente intensa da farla eleggere santa già in vita; della madre, ligia parrocchiana di paese che compie un solo atto fuori dal normale: lasciarsi sedurre dall’unico uomo della sua vita. Nove mesi dopo quell’incontro, nascerà appunto il protagonista: un protagonista divertito e divertente, guascone, eroico e libero. E adesso, a trentatré anni compiuti, proprio mentre sta per diventare padre a sua volta, il protagonista viene contattato dal suo padre, fino ad allora assente e mai conosciuto. L’impresa di diventare figlio e padre negli stessi giorni mette in discussione il Cristiano uomo, non ancora maturo per questi sconvolgimenti esistenziali. Il registro del libro, contrariamente al solito, si fa greve, e in queste pagine non più scanzonate incontriamo per la prima volta un Cavina narratore di grande spessore e onestà.
Con quel sottile velo di autocritica che caratterizza il suo personaggio, ne “I frutti dimenticati” fino all’ultima pagina si sente e si vive il protagonista con le sue sofferte prese di coscienza.

Non mancate!!!
_______________________________________________

Libreria Moby Dick
Via XX Settembre, 3/b
48018 Faenza (RA)
Tel. e fax: 0546/663605

Read Full Post »

cavina
Cristiano Cavina è quasi “uno di famiglia”: dopo aver assistito a diverse sue sempre brillanti presentazioni, dopo aver letto i suoi precedenti testi dedicati al microcosmo casolano, dopo averne gustato la spontaneità e il clima che riesce a ricreare sulle pagine, non si può che essere contenti come quando si reincontra un vecchio amico all’annuncio di un suo nuovo libro.
Libro ambizioso questa volta, in cui l’autore si confronta con la sua prima parte della vita.
Il più personale di Cristiano: insieme alle figure familiari e dell’immancabile substrato casolano, sempre presenti nei precedenti, questa volta è proprio l’autore ad essere raccontato in un momento difficile della sua vita: l’arrivo di un figlio con una ragazza che forse non ama più, il primo incontro con il padre, mai conosciuto, e prossimo alla morte. Con la consueta schiettezza, il solito tocco lieve, ci troveremo a contatto con l’animo dell’autore, desideroso di raccontarsi e di farci partecipi senza veli di quei giorni, in quello che ci pare il “libro definitivo” sull’universo casolano e sulla famiglia Cavina.

ecco l’anuncio da parte del suo editore, Marcos y Marcos:

“Cari amici,
siamo felici di annunciare l’arrivo in libreria del quarto romanzo di Cristiano Cavina.
A noi tutti in casa editrice sembra il più forte, il più riuscito: ci ha commosso e divertito, l’abbiamo sentito vicino.
A narrare, come può raccontarci qualcosa un amico, questa volta è una voce adulta.
Un uomo di trentatré anni che guarda in faccia i propri errori,
le proprie inadeguatezze, e trova la forza di ripartire accogliendo gli errori altrui, e il richiamo alla vita che gli lancia il figlio appena nato.

Cristiano Cavina ci assomiglia: è passionale, spericolato, indipendente.
Come ci ha ricordato stamattina, siamo della stessa ciurma.
Anche per questo, I frutti dimenticati è una parte di noi.

Cristiano Cavina
I FRUTTI DIMENTICATI
208 pagine, 14,50 euro

Suo padre, ignoto da sempre, è sulle sue tracce.
E la sua ragazza aspetta un figlio.
Dopo trent’anni di avventure, pasticci e bugie, non è certo uno scherzo diventare figlio e padre nello stesso momento.
In più, il rapporto con la futura madre di suo figlio è in crisi nera.
In piena burrasca, c’è un faro che illumina a giorno.
Un pozzo senza fondo di amicizie, passioni e racconti, avventure reali e immaginarie che lo aiutano a vedere oltre.
A salvare ogni possibile frutto dimenticato.
E trovare una lingua segreta con cui parlare al proprio figlio di pochi mesi.

Un tributo all’amore.
Dal più fresco esponente della narrativa di casa nostra.

Il 6 novembre, giorno dell’uscita, I frutti dimenticati sarà il libro del giorno a Fahrenheit.
Su Radio Rai Tre
dalle 17.25 alle 18
Cristiano Cavina parlerà con Carlo D’Amicis del suo nuovo romanzo

Non perdetevelo!

Buone letture,
Marcos y Marcos”

Read Full Post »