Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘giuseppe pederiali’

Giuseppe Pederiali è un vero e proprio signore tra gli autori. Lo abbiamo incontrato diverse volte, e ci ha sempre colpito per la spontaneità, la genuinità e la gentilezza con cui si metteva a disposizione del pubblico (e dei librai), per la sua capacità di raccontare la sua terra e di coinvolgere gli spettatori, per la conoscenza enciclopedica dei fatti che narrava. Un insieme di cose che raramente si presentano in una sola persona!
Con LA VERGINE NAPOLETANA Pederiali lascia la sua Pianura Padana per scendere a Sud, immergendosi nelle atmosfere del genere storico. Il suo è un affresco ottimamente riuscito di un Medioevo in cui asprezza e bellezza si fondono armonicamente, dove l’avventura e la passione, la storia universale e quella personale dei protagonisti si combina con sapienza. Si è documentato molto Giuseppe Pederiali per restituirci le avventure dei tanti personaggi che affollano questo romanzo storico, da Federico II a Corradino di Svezia, da Carlo d’Angiò a Celestino V, ai tanti popolani: un ottimo esempio di romanzo storico italiano!

La Vergine Napoletana di Giuseppe Pederiali, Garzanti

«La fanciulla era rimasta bella come da bambina. Bastava guardarla per capire che possedeva anche grazia e pudore. Sebbene vestisse una camicia di rozza tela legata alla vita da una corda, e i piedi calzassero zoccoli di legno, non avrebbe sfigurato accanto alle più nobili dame napoletane. Il contrasto tra la sua grazia e l’ambiente dove viveva, e tra la sua bellezza e la modestia degli indumenti, era talmente forte che Cicella ne guadagnava ancora più di quel che le spettasse . . non le mancava niente, inclusa quella vera o presunta malizia nello sguardo, comune alle giovinette pronte per un marito.»

LA STORIA

Due cavalieri, uno bianco e uno nero, partono alla ricerca dell’ultimo discendente di Federico II. In un paese dilaniato dalle guerre tra fazioni e piegato dalla carestia, il modenese Giovanni Vezzani e il saraceno Yusuf Ibn Gwasi vogliono rilanciare l’utopia del grande imperatore svevo. Inseguono l’esile filo d’una le ggenda: perché prima di salire al patibolo, il giovane Corradino di Svevia, nipote di Federico, avrebbe sposato una vergine napoletana che gli avrebbe dato un figlio…

Inizia così un susseguirsi di imprevedibili avventure, da Lucera, splendida città-giardino araba, alle brumose campagne padane, dalla rocca di Castel del Monte nelle Murge alla Toscana. Al centro del romanzo c’è la Napoli medievale, con la struggente bellezza dei suoi luoghi e della sua gente, che Pederiali dipinge con tinte vivacissime.

La vergine napoletana intreccia nella maniera più appassionante storia e leggende, personaggi storici come Carlo d’Angiò e Celestino V ma anche figure rubate al mito, come il nano-mago Iennarone e il femminiello Fabiello oppure l’Orco che blocca un passo appenninico. Non mancano, tra vicoli e castelli, affascinanti personaggi femminili: la dolce Cicella, la «vergine napoletana» che giace con il bellissimo e sfortunato Corradino; o la bella e spregiudicata Zeza, che si esibisce con Pulcinella nelle piazze della città; o ancora Allegra, la figlia dell’ebreo Saul Mantino, che vive in quello che diventerà vico Scannagiudei. E poi monache innamorate e osti buongustai, sicari implacabili e un popolo che può passare in un attimo dalla festa al massacro.

Giuseppe Pederiali ci porta in un Medioevo di forti contrasti, vivace e appassionato: certo segnato dalla violenza e dalla carestia, da crudeltà e tradimenti, ma anche ravvivato da storie d’amore vere profonde, dalla lealtà al proprio signore e da grandi ideali.

Giuseppe Pederiali è nato a Finale Emilia e vive a Milano. E’ autore di romanzi storici di grande successo, come Il tesoro del Bigatto, Donna di spade, Stella di piazza Giudìa, I ragazzi di Villa Emma. Per Garzanti ha pubblicato i thriller Camilla nella nebbia, Camilla e i vizi apparenti e Camilla e il Grande Fratello, i racconti L’osteria della Fola e Il paese delle amanti giocose, il romanzo-biografico Il sogno del maratoneta.

Read Full Post »

2 agosto

“Scrittori Dopocena”

alla Casa della Conoscenza

Quattro chiacchiere con uno scrittore e un brindisi! Cambia la formula del tradizionale appuntamento letterario del mercoledì alla Casa della Conoscenza.

Arrivano gli “Scrittori Dopocena”. Quattro appuntamenti serali per parlare di letteratura conversando con autori e brindando insieme al termine della serata.

L’iniziativa è a cura della Biblioteca Cesare Pavese in collaborazione con il ristorante  Il Bettolino della Stazione e la Libreria Solea.

Mercoledì 14 maggio 2008 ore 21,00. Casa della Conoscenza; Via Porrettana 360, Casalecchio di Reno (BO)

Il sogno del maratoneta.

Il romanzo di Dorando Pietri.

di Giuseppe Pederiali
(Ed. Garzanti)

Un’immagine che conosciamo tutti: un uomo barcolla faticosamente verso il traguardo della maratona all’Olimpiade di Londra, il 28 luglio 1908. Quell’uomo è Dorando Pietri, un’icona dello sport mondiale: tutti sanno che venne squalificato da quella gara perché un giudice di gara lo sorresse negli ultimi passi e che poi Alessandra, la regina d’Inghilterra, lo volle premiare ugualmente il giorno dopo con una coppa speciale. la storia del ragazzo che divenne l’atleta più famoso (e probabilmente più ricco) del suo tempo. Perché attraverso la vicenda di Pietri scopriamo che lo sport all’inizio del secolo era già un business, e che qualcuno ricorreva al doping (anche se era un doping meno sofisticato dell’attuale). La vita romanzesca e avventurosa di un «italiano vero», e uno spicchio appassionante della nostra storia e della storia dello sport.

dorando

L’incontro, vedi a fianco, si svolgerà presso la Casa della Conoscenza di Casalecchio, Via Porrettana 360

Chi c’è mercoledì prossimo

Giuseppe Pederiali:  è nato a Finale Emilia (Modena) nel 1937. Vive a Milano. Ha fatto il marinaio ed il giornalista. Opera nei suoi romanzi un felice impasto tra le fantastiche metamorfosi del reale e i terrestri incantesimi (con proiezioni lunari e arcane) dell’immaginazione spirituale. Le sue favole narrative, spesso storico-antropologiche, combinano abilmente la semplicità dell’avventura e l’ambiguità della metafora.

Tra i suoi romanzi più noti ricordiamo: Il tesoro del bigatto (1980); La compagnia della selva bella (1983 e 1992) (Premio Chiavari); Il drago nella fumana (1984) (Premio Penne, Premio Sorrento); Donna di spade (1991) (Premio Campione d’Italia); Stella di piazza Giudìa (1995) (Premio Sirmione-Catullo ); L’amica Italiana (1998) (Premio Frontino Montefeltro, Premio Fenice Europa; ) Padania felix (1999) (Premio Estense); Il paesaggio che verrà (con Piero e Alberto Angela e Franco Fontana, 2000); Il lato A della vita (2001); L’Osteria della Fola (2002). E’autore anche di romanzi per ragazzi: I ragazzi di Villa Emma (1990), Il re di Saba (1993).

I suoi libri sono tradotti in molte lingue.

Pederiali collabora saltuariamente con il cinema, la radio e la televisione (ha condotto alla RAI la trasmissione “I giorni”).

pederiali

Giorgio Bernardi: docente di storia dello sport all’Università di Bologna, membro della Società italiana di storia dello sport, autore, tra l’altro, de “La storia dello sport a Bologna” e curatore del museo di storia dello sport on line: http://www.museodellosportbologna.it/

Francesco Borsari: responsabile dell’ Ufficio sport del Comune di Casalecchio, dirigente della Polisportiva Masi

I successivi appuntamenti di
Scrittori dopocena

Mercoledì 21 maggio

Paolo Giacomoni e Eros Drusiani presentano

Antologia degli ignoti. Autori da non dimenticare” (Gruppo Perdisa editore)

A vent’anni dal ritrovamento del primo frammento del “falso omero”, l’antologia degli ignoti vede finalmente la luce. In essa sono state pazientemente raccolte le biografie e il meglio delle opere di venti autori ignoti di tutti i tempi, talmente ignoti che al 95% non sono neanche esistiti, benchè perfettamente inseriti nella storia letteraria, della quale hanno, naturalmente, subìto le influenze. A questa loro quasi totale inesistenza non c’è un vero perchè, come d’altronde non c’è un perchè agli autori che esistono.

E allora, che vicende, che voce dare allo scrittore mai nato? Quali le sue realizzazioni più riuscite? Ecco la domanda a cui Eros Drusiani e Paolo Giacomoni, i due curatori di questa Antologia, non hanno saputo dare una risposta, ma venti. Però questo è un libro che non si scrive: accade che un giorno lo si ritrovi già scritto: è accaduto negli anni che due individui diversi, benchè legati da vincolo d’amicizia, abbiano confortato se stessi e pochi amici con “cose” che li hanno fatti divertire (sia i primi che i secondi), e un giorno quelle “cose” erano l’antologia degli ignoti: non è escluso che ora possano divertire anche altri.

Mercoledì 28 maggio, ore 21

Licia Giaquinto presenta Cuori di nebbia (Flaccovio)

Conversa con l’autrice Serenella Gatti Linares

Mirella ha un marito che frequenta le prostitute che stazionano nei pressi del suo casolare. Nicola, che da piccolo ha spiato spesso i genitori mentre facevano sesso nei campi o nella stalla, è un inguaribile guardone. Natascia è una spregiudicata ragazza ucraina. Da bambina, dopo la tragedia di Chernobyl, ha trascorso lunghi periodi presso una famiglia di Ravenna. Da grande ha deciso di fare molti soldi, e subito. Filippo è il marito di Mirella e uno degli allocchi caduti nella rete di Natascia. Francesco è un ex bambino obeso, ossessionato dal cibo. Patrizia è una ragazza colta che ha scelto consapevolmente l’eroina. Mirco è un giovane sensibile che, dopo il suicidio del padre, una mattina esce di casa e non vi fa più ritorno. Queste storie si intrecciano e si confrontano, in un gioco a incastri, formando il quadro di una Padania disillusa, disperata e gretta.

libreria Solea Via Pascoli 5/2
Casalecchio di Reno (BO)40033

solea

I libri di Scrittori dopocena sono acquistabili presso la Libreria Solea.
I rinfreschi al termine della serata sono offerti dal ristorante Il bettolino della stazione, Via Ronzani 12 Casalecchio di Reno (051 19980072).http://www.ilbettolinodellastazione.it

Read Full Post »