Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Le sultane’

FINALISTI E VINCITORE DEL PREMIO SCERBANENCO 2014
IL premio dedicato al miglior noir italiano dell’anno.

Il vincitore dell’edizione 2014 è :

GIANRICO CAROFIGLIO, UNA MUTEVOLE VERITA’, EINAUDI
Un buon investigatore deve essere capace di costruire una storia, immaginare che cosa è successo prima e dopo il crimine, come in un romanzo. Poi, costruita la storia, deve andare in cerca di ciò che la conferma e la contraddice. Così pensa il maresciallo dei carabinieri Pietro Fenoglio, piemontese trapiantato a Bari, che si trova a indagare su un omicidio dove tutto appare troppo chiaro fin dall’inizio. Non fosse che al principale sospettato, su cui si concentra ogni indizio, mancava qualsiasi movente per commettere il delitto.

ROBERTO COSTANTINI, IL MALE NON DIMENTICA, MARSILIO
Grandiosa conclusione della trilogia noir dell’autore, dedicata al Commissario Balisteri e in definitiva alla storia d’Italia. Ottimo davvero! Premio speciale della Giuria.

MARILU’ OLIVA, LE SULTANE, ELLIOT
Tre insolite attempate protagoniste per un noir decisamente molto “bolognese!

    ROMANO DEL MARCO, IO LA TROVERO’, FELTRINELLI
Era il miglior poliziotto di Milano. Ora, dieci anni dopo, Marco Tanzi è un clochard, un barbone che vive nei parchi e agli angoli delle strade, mimetizzandosi con il degrado di una città che non ha spazio per gli sconfitti. Capelli lunghi, barba incolta, vestiti sporchi, dell’uomo di un tempo rimane ben poco: un gigante di un metro e novantotto che annega nell’alcol il suo male di vivere. Un giallo dal ritmo spietato e travolgente, primo di una serie ambientata a Milano. La nuova, grande voce del giallo italiano.

NICOLA LA GIOIA, LA FEROCIA, EINAUDI
In una calda notte di primavera, una giovane donna cammina nel centro esatto della strada statale. È nuda e coperta di sangue. A stagliarla nel buio, i fari di un camion sparati dritti su di lei. Quando, poche ore dopo, la ritroveranno ai piedi di un autosilo, la sua identità verrà finalmente alla luce: è Clara Salvemini, prima figlia della piú influente famiglia di costruttori locali. Per tutti è un suicidio. Ma le cose sono davvero andate cosí? utilizzando le forme del noir, del gotico, del racconto familiare, l’autore mette in scena il dramma degli anni che stiamo vivendo.

 

http://www.noirfest.com/2014/Scerbanenco1.asp

Read Full Post »

I MIGLIORI GIALLI DEGLI ULTIMI MESI, SECONDO ATLANTIDE

ROBERTO COSTANTINI, IL MALE NON DIMENTICA, MARSILIO

Grandiosa conclusione della trilogia noir dell’autore, dedicata al Commissario Balisteri e in definitiva alla storia d’Italia. Ottimo davvero!

PIERGIORGIO PULIXI, L’APPUNTAMENTO, E.O

Un noir incentrato sui dialoghi, sull’angoscia crescente che divampa pagina dopo pagina, in questo “appuntamento” particolare tra un uomo ricco sfondato alla ricerca di sensazioni forti e una donna: il Male è dietro l’angolo…

INGRID ASTIER, OMICIDI SULLA SENNA, BOMPIANI

il clima fuori inizia ad essere quello giusto per calarsi nelle fredde atmosfere parigine: è il grande fiume il protagonista di questo ottimo polar

ARTURO PEREZ REVERTE, IL CECCHINO PAZIENTE, RIZZOLI

Un noir sullo sfondo del mondo dei writer, dello strapotere dei grandi collezionisti d’arte. Dall’autore de Il club Dumas!

GUCCINI – MACCHIAVELLI, LA PIOGGIA FA SUL SERIO, MONDADORI

La coppia di giallisti italiani più simpatica del pianeta offre in dono ai lettori un nuovo gustoso thriller ambientato sul nostro Appennino: da non perdere

FERDINAND VON SCHIRACH, TABU’, LONGANESI

Un noir denso di psicologia sul significato della colpa, i limiti della giustizia, le tante contraddizioni e i lati oscuri che si celano dietro ogni verità.

ROBERT KARYEL,LO SVEDESE, RIZZOLI

Il primo ministro inglese finisce sotto ricatto per uno scandalo sessuale. Spy story, thriller, incubi terroristici in questo godibilissmo libro!

WULF DORN, PHOBIA, CORBACCIO

un attenta indagine nei meandri della mente umana, cercando di viaggiare nei sottili confini che separano normalità e follia. Un thriller psicologico elegante e conturbante! «L’unica cosa di cui aver paura è la paura stessa.»

MARCO MALVALDI, IL TELEFONO SENZA FILI, SELLERIO

Ancora belli vitali i vecchietti del Bar Lumen

DIVIER NELLI, COMA, GALLUCCI

Un noir psicologico capace di inchiodare il lettore alla pagina!

JO NESBO, IL CONFESSORE, EINAUDI

Anche senza il suo personaggio principale, Jo Nesbo è ai vertici del genere thriller al momento

DONATO CARRISI, IL CACCIATORE DEL BUIO, LONGANESI

Thriller psicologico, esoterico, ed altro ancora! Un autore secondo cui il male è intorno a noi e molto più diffuso del bene, capace sempre di acchiappare il lettore!

DAVIDE LONGO, IL CASO BRAMARD, FELTRINELLI

Un ex commissario ferito dal dolore, isolato in un paesino tra le montagne, misteriose lettere che continuano a raggiungerlo con cadenza annuale, cercando di rinnovare quella pena. Tessere avvincenti di un gran bel libro,!

ROBERT GALBRAITH, IL BACO DA SETA, SALANI

Un nuovo caso per Cormoran Strike, un investigatore molto particolare. Nato dalla penna di JK ROWLING, l’autrice del libro che pubblica sotto pseudonimo.

SANDRONE DAZIERI, UCCIDI IL PADRE

Una poliziotta in congedo, un esperto in indagini su abusi infantili e persone scomparse: una indagine serrata ed agghiacciante, con richiami a XXXXXX

LISA GARDNER, TOCCATA E FUGA, MARCOS Y MARCOS

Tessa Leoni, una nuova indagine, una ricca famiglia scomparsa nel nulla..

BEN PASTOR, LA STRADA PER ITACA, SELLERIO

Nuova indagine, in quel di Mosca nelle settimane che precedono il via dell’operazione Barbarossa per Martin Bora, il detective della Wermacht, un uomo retto che indossa una divisa sbagliata. Una serie di thriller da non lasciarsi sfuggire!

MAURIZIO DE GIOVANNI, IN FONDO AL TUO CUORE – INFERNO PER IL COMMISSARIO RICCIARDI, EINAUDI

Anni Trenta, un nuovo caso per il commissario della Regia Polizia di Napoli!

STUART MACBRIDE, VICINO AL CADAVERE, NEWTON COMPTON

Con Logan McRae si va ad Aberdeen, per la sua ottava avventura: ancora una volta emerge un lato non stereotipato della Scozia, terra in preda ad una violenza che può esplodere: lasciatevi guidare dalla penna sicura e decisa di Stuart MacBride!

MARILU’ OLIVA, LE SULTANE, ELLIOT

Tre insolite attempate protagoniste per un noir decisamente molto “bolognese!

Jo Nesbø at Gothenburg Book Fair 2007, Jo Nesb...

Jo Nesbø at Gothenburg Book Fair 2007, Jo Nesbø på Bok- och biblioteksmässan 2007 (Photo credit: Wikipedia)

Read Full Post »

 

 

Wilma, Nunzia e Mafalda, le tre SULTANE del titolo, sono tre pensionate “tipo” di Bologna, con le loro storie e vicende personali alle spalle. C’è Bologna e la società contemporanea in questo spaccato sociale che la brava Marilù Oliva offre ai propri lettori dopo i successi incontrati con le indagini della Guerrera. Un tessuto urbano sgretolato e sfilacciato, in cui i valori della civile convivenza sono ormai tramontanti, per lasciar spazio ad un inquietante presente, che poi è quello che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Con ironia e penna tagliente, Marilù Oliva centra nuovamente il bersaglio!

 

Marilù Oliva, Le sultane, Elliot

 

 

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le Sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, piccola e astuta mercante in grado di vendere l’acqua santa al diavolo, che nomina incessantemente il suo morto. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica, che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo; Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer; Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù…

 

Read Full Post »