Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘LETTERATURA FRANCIA’

 

 

certo, viene in mente il Natale di Ungaretti leggendo questo romanzo, finalmente pubblicato anche in Italia (è del 1957). La condizione di estraneità e stranimento del soldato in licenza, incapace di ritornare ad assaporare la vita quotidiana, viene perfettamente rappresentata nel breve ritorno a casa dei tre protagonisti di questo libro.

 

Da un autore francese resistente durante la seconda guerra mondiale, un vibrante atto d’accusa alla guerra d’Algeria, alla disumanità della guerra!

 Daniel Anselme, La licenza, Guanda

ALN R.A. propaganda poster in Algiers, "T...

ALN R.A. propaganda poster in Algiers, “The Algerian Revolution, a people at war against colonialist barbarity.” (June 29, 1962, Rocher Noir) (Photo credit: Wikipedia)

 

Tre soldati francesi arrivano in licenza a Parigi dopo diciotto mesi trascorsi al fronte in Algeria. Si immergono nella grande città per dimenticare una guerra assurda, che Parigi ha trovato più comodo ignorare, costringendoli così a ricordarla continuamente.
Quando, alla fine degli anni Cinquanta, Daniel Anselme, poeta e giornalista allora trentenne, scrisse questo romanzo, fu come se la Francia ricevesse un colpo in piena faccia. È il romanzo di una generazione «perduta», al centro di un grande dramma francese ed europeo. Non descrive il conflitto, non esibisce i morti; racconta le scorribande parigine dei tre soldati, alla ricerca di vecchi amici, di nuovi amori, di una rissa o anche solo della consolazione di una ubriacatura. Eppure i loro tristi vagabondaggi in una città – stupendamente dipinta – che finge di non vederli restituiscono gli orrori di questo ultimo conflitto coloniale meglio di quanto farebbe la più cruenta delle descrizioni: con la forza di un pensiero costante e ossessivo. E per noi, che leggiamo il libro ora, questi tre giovani consapevoli di un destino ineludibile evocano in modo struggente un mondo, un’epoca, le sue atmosfere. Un romanzo riproposto da numerosi editori internazionali, che sa esercitare oggi, forse ancora più che un tempo, la sua singolare magia.

 

 

Daniel Anselme, nato nel 1927, fu partigiano della Resistenza francese. In seguito lavorò come giornalista e fu personaggio noto nei caffè della Rive Gauche. Fermo oppositore della guerra in Algeria, affrontò l’argomento nel sul primo romanzo, La licenza (1957). Pubblicò un secondo romanzo nel 1964 e un resoconto semi-autobiografico delle sue esperienze di guerra nel 1984. Morì cinque anni dopo a Parigi.

 

 

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »

Viviane cerca di destreggiarsi in molti ruoli, donna in carriera, madre, casalinga amante, in u mondo ancora dominato dal pensiero maschile, ma non sempre si riesce ad essere all’altezza di tanti compiti.. Con una scrittura tagliente, affilata, entreremo nei pensieri di una donna che ha appena commesso un omicidio, in un esordio capace di svelare le ansie della società moderna.

Julia Deck, Viviane Elisabeth Fauville, Adelphi

English: Street sign of the Avenue des Champs-...

English: Street sign of the Avenue des Champs-Élysées in the , France. (Photo credit: Wikipedia)

Traduzione di Lorenza Di Lella, Giuseppe Girimonti Greco

 

In una stanza disperatamente vuota una donna culla su una sedia a dondolo una bambina di pochi mesi. Ha l’impressione di avere commesso qualcosa di terribile, ma non ne è certa, tutti i suoi ricordi sono sfocati. Contempla la piccola quasi si aspettasse da lei una risposta, una rivelazione. Poi, un bagliore: ha quarantadue anni e ha abbandonato il bel marito che l’ha lasciata per un’altra e lei si è rintanata lì, in un appartamento spoglio, in un quartiere popolato di bazar orientali dov’è una straniera. Il giorno prima ha ucciso a coltellate il suo analista, incapace di alleviare le crisi di terrore di cui soffre, in segreto, da tre anni. Di quel che è stata – ambiziosa direttrice della comunicazione con ufficio a due passi dagli Champs-Élysées, moglie e figlia devota – non le resta che un nome, Viviane Élisabeth Fauville, regale e fragile relitto di un’esistenza inappuntabile, della scrupolosa obbedienza alle leggi dell’abitudine e della necessità. Certa solo del delitto che ha commesso, e del colpo di grazia che non potrà tardare, per tutti allarmante e impenetrabile, ancorata alla realtà solo dal fardello della figlia, Viviane esce dai binari che guidavano il suo destino, si addentra in una Parigi oscura e parallela, affonda, e ci trascina, in un gorgo di insostenibile angoscia, di acuto disagio – sino all’esplosivo epilogo. Sorretto da una scrittura secca e minuziosa, capace di farci vivere dall’interno il frantumarsi di una personalità, Viviane Élisabeth Fauville è un noir che non dà tregua e insieme il ritratto, sconcertante, di una donna che si libera della sua fallace identità come si appende un abito a una gruccia, che accoglie la follia e la deriva come unica via di salvezza.

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »