Feeds:
Articoli
Commenti

Posts contrassegnato dai tag ‘libri al cinema’

 

il trailer del cartone d’animazione LA MECCANICA DEL CUORE, prodotto dalla casa di produzione del regista francese Luc Besson, l’Europacorp. Basato sul libro omonimo di Mathias Malzieu, è stato realizzato grazie alla collaborazione con Nicoletta Ceccoli per la realizzazione del character design, mentre la colonna sonora è stata curata dai Dionysos, band rock di cui fa parte Malzieu.

 

 

 

e la scheda del libro

LA MECCANICA DEL CUORE, MATHIAS MALZIEU, FELTRINELLI

Traduzione di Cinzia Poli

Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. L’amore, innanzitutto. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L’impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell’incantevole creatura, in compagnia dell’estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L’amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, La meccanica del cuore è al tempo stesso una coinvolgente favola e un romanzo di formazione, in cui l’autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un’indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »

E’ Scarlett Johansson la protagonista di Under the Skin, il thriller sci-fi diretto da Jonathan Glazer , co-sceneggiato con Walter Campbell e basato sul romanzo di Michael Faber, l’autore de Il petalo cremisi. Sotto la pelle si interroga sul modo in cui ci relazionamo con quanto abbiamo intorno, il pianeta, la natura, quello che abbiamo combinato e che minacciamo di distruggere.

 

Michael Faber, Sotto la pelle, Einaudi

la scheda del film

Una macchina percorre più volte al giorno una statale deserta nelle Highlands scozzesi. Alla guida c’è una donna, Isserley. Sembra che stia cercando qualcosa. All’improvviso nota sul ciglio della strada un giovane robusto seduto sul suo zaino, gli fa cenno di salire a bordo. Il ragazzo la ringrazia del passaggio, non ha motivo di diffidare di una bella ragazza dall’apparenza inoffensiva. La fattoria in cui Isserley lo conduce è una base sotterranea, un labirinto di cucine, camere frigorifere e gabbie in cui altre prede attendono di essere macellate. Isserley appartiene a un’altra specie, che si definisce umana per distinguersi da quella dei “vodsel”, la razza inferiore che riempie le strade e le città e che il suo popolo usa come cibo. I Vodsel siamo noi.

 

Una scena qui:

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »

al cinema, da L’uomo duplicato di Josè Saramago,

Da L’UOMO DUPLICATO di Josè Saramago
Regia di Denis Villeneuve con Jake Gyllenhaal

http://www.youtube.com/watch?v=KjRk2HQ-0l0

Protagonista del romanzo è un professore di Storia di scuola media dal nome altisonante, Tertuliano Màximo Afonso. Separato dalla moglie senza ricordare né perché si è sposato né perché ha divorziato, ha difficoltà nelle relazioni col prossimo e si può definire un depresso. Conduce una vita solitaria e noiosa, fino al giorno in cui non fa una scoperta sensazionale: dietro consiglio di un collega, noleggia una commedia leggera in videocassetta ed eccolo faccia a faccia con una comparsa che, ben più che somigliargli, è lui. Un autentico doppio, la cui esistenza travolge quella di Tertuliano, che da quel momento farà di tutto per scoprire chi sia quell’attore, cosa faccia, che storia abbia, e si immerge così in un’inquietante realtà parallela, ricca di suspense e di spunti di riflessione sull’identità.

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »

Sul grande schermo, l’esordio alla regia di Carlo Lucarelli.  L’isola dell’angelo caduto!

REGIA: Carlo Lucarelli
SCENEGGIATURA: Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi, Michele Cogo
ATTORI:
Giampaolo Morelli, Gaetano Bruno, Rolando Ravello, Sara Sartini, Giuseppe Cederna, Daniele Monterosi, Adolfo Margiotta, Stefano Gragnani, Laura Glavan, Veronica Gentili, Lorenzo Perpignani, Roberto Mantovani, Francesco Rossini, Luciano Curreli

 

 

Il film è ambientato negli anni dell’ascesa di Mussolini, in un’isola prigione abitata dal vento e da strane apparizioni che sembra nascondere un segreto feroce e innominabile. Quella che inizialmente appare un’inchiesta poliziesca si trasforma in un thriller colmo di tensione e di inquietudine, sospeso tra Storia e mistero.

Read Full Post »

sul grande schermo, l’esordio alla regia di Carlo Lucarelli.  L’isola dell’angelo caduto!

REGIA: Carlo Lucarelli
SCENEGGIATURA: Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi, Michele Cogo
ATTORI:
Giampaolo Morelli, Gaetano Bruno, Rolando Ravello, Sara Sartini, Giuseppe Cederna, Daniele Monterosi, Adolfo Margiotta, Stefano Gragnani, Laura Glavan, Veronica Gentili, Lorenzo Perpignani, Roberto Mantovani, Francesco Rossini, Luciano Curreli

Il film è ambientato negli anni dell’ascesa di Mussolini, in un’isola prigione abitata dal vento e da strane apparizioni che sembra nascondere un segreto feroce e innominabile. Quella che inizialmente appare un’inchiesta poliziesca si trasforma in un thriller colmo di tensione e di inquietudine, sospeso tra Storia e mistero.

Read Full Post »

Il primo uomo” è uno dei capolavori di Albert Camus, incompiuto a causa della tragica morte dell’autore in un incidente stradale. Un romanzo autobiografico, ora adattato per lo schermo da Gianni Amelio

 

 

Français : Albert Camus, gagnant de prix Nobel...

Tra i rottami dell’automobile sulla quale Camus ha trovato la morte fu rinvenuto un manoscritto con correzioni, varianti e cancellature: la stesura originaria de “Il primo uomo”, sulla quale la figlia Catherine, dopo un meticoloso lavoro filologico, ha ricostruito il testo qui pubblicato. Ne risulta una narrazione forte, commovente e autobiografica, una sorta di romanzo di formazione a ritroso che molto ci dice del suo autore e della genesi del suo pensiero. Attraverso le impressioni e le emozioni del protagonista che, nel desiderio di ritrovare il ricordo del padre scomparso durante la prima guerra mondiale, torna in Algeria per incontrare chi l’aveva conosciuto, Camus ripercorre parte della propria vita: l’infanzia algerina, le innumerevoli esperienze del periodo della povertà, la quotidianità, le amicizie, le tradizioni, i sentimenti, i sogni vissuti in “un anonimato dove non esiste né passato né avvenire”, dai quali emerge la figura di un uomo ideale, il “primo uomo”, appunto.

Albert Camus nacque in Algeria, dove studiò e iniziò a lavorare come attore e giornalista. Affermatosi nel 1942 con il romanzo Lo straniero e con il saggio Il mito di Sisifo, raggiunse un vasto riconoscimento di pubblico nel 1947 con La peste. Oltre a questi titoli, di Camus sono usciti per Bompiani Caligola, Il rovescio e il diritto, Tutto il teatro, La caduta, L’uomo in rivolta, Il primo uomo e Taccuini 1935-1959. Nei Classici Bompiani è disponibile il volume delle Opere.

I dettagli della versione per il grande schermo.

 

Un film di Gianni Amelio. Con Jacques Gamblin, Catherine Sola, Maya Sansa, Denis Podalydès, Ulla Baugué.

Titolo originale Le premier homme. Drammatico, durata 98 min. – Italia, Francia, Algeria 2011.
il trailer del film:

http://www.mymovies.it/film/2011/lepremierhomme/

Read Full Post »

al cinema, ONE DAY – Un giorno, dall’omonimo romanzo di David NICHOLLS, una delle

sorprese letterarie del 2010. Eccone il trailer inglese:

http://www.youtube.com/watch?v=uLUWHW5NxwI

 

 

Regia: Lone Scherfig

Writers: David Nicholls (screenplay), David Nicholls (book)

con: Anne Hathaway, Jim Sturgess and Patricia Clarkson

 

 

David Nicholls

Un giorno, Neri Pozza

 

 

È l’ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un’epoca.

Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l’intera vita, da afferrare a

piene mani.

Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco.

Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali.

Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l’università.

Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola.

Ora sono lì, l’uno accanto all’altra, nell’alba di una vita nuova.

Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta.

Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza.

Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo.

Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e

prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo,

Ian, un comico che non riesce a strappare una risata.

Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra

nell’industria della spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto,

assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente

dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo

mondo.

Ma ogni 15 luglio c’è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma,

cosa farà Dexter?

Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto.Nel corso di venti anni, ogni anno,

per un giorno, saranno di nuovo assieme.

 

 

Due ragazzi si incontrano nel momento più bello della loro vita, quando tutto sembra

possibile. Ma si dicono addio, e le loro strade si dividono.

Per venti anni si inseguiranno, tenendosi in contatto, raccontandosi tutto,

pensando all’altro con nostalgia e desiderio.

Senza poter mai dire se è vero amore.

 

Il romanzo inglese dell’anno. Un bestseller europeo. Un trionfo critico, salutato da

scrittori quali Nick Hornby e Jonathan Coe come un capolavoro al tempo stesso

divertente e profondo.

 

Una commedia romantica, arguta e malinconica, capace di catturare l’energia

sentimentale delle grandi passioni: i cuori spezzati, l’intricato corso delle storie d’amore

e di amicizia, il coraggio, le delusioni e le speranze di chiunque abbia mai desiderato

una persona che non può avere.

 

 

_______________________________________________________

POLLO ALLE PRUGNE

 

Un romanzo sotto forma di fumetto, ambientato in Iran negli anni Cinquanta, racconta

gli ultimi giorni di un famoso musicista che si lascia morire per dispetto, dopo

che la moglie ha rotto il suo prezioso strumento. Una riflessione sul piacere,

un libro sulla scomparsa dello stesso e sulla morte che ne deriva.

E dietro l’agonia del musicista si intravede una storia d’amore finita male e,

soprattutto, il ritratto di una società scomparsa: quella dell’Iran dei nonni dell’autrice,

un paese lacerato tra modernità e tradizione.

 

Il film è un adattamento cinematografico della graphic novel della Satrapi,

da noi uscito con il titolo “Pollo alle Prugne”, e vede nel cast attori come

Mathieu Amalric, Isabella Rossellini, Maria de Medeiros e Chiara Mastroianni.

 

Il trailer francese è qui:

http://www.youtube.com/watch?v=RwRyHTjzh2c

POULET AUX PRUNES, le nouveau film de Marjane Satrapi & Vincent Paronnaud,

après PERSEPOLIS

 

 

__________________________________________________________________________________________

 

Tra i film in concorso a Venezia c’è TINKER, TAILOR, SOLDIER, SPY

che altro non è che LA TALPA di John le Carrè.

 

E noi vi diamo il suo trailer, in inglese

http://www.youtube.com/watch?v=Aco15ScXCwA

 

Cast: Gary Oldman, Colin Firth, Tom Hardy

Directors: Tomas Alfredson

 

Da LA TALPA DI JOHN LE CARRe’,Mondadori

Più che un sospetto è una certezza: ai vertici dei servizi segreti inglesi c’è un traditore.

Un finto amico che fa il gioco del nemico e che è assolutamente necessario smascherare

il più in fretta possibile per la sicurezza della Gran Bretagna e dell’intero occidente.

Esiste solo un uomo capace di snidare la talpa: George Smiley.

Stretto in una rete di menzogne e di dissimulazioni, deve scovare il peggiore dei nemici

proprio tra coloro con cui ha diviso una vita di lavoro e di pericoli.

 

______________________________________________________________–

 

Ruggine, Stefano Massaron, Einaudi 

 

Negli anni Settanta in un cortile di un agglomerato-alveare della periferia milanese,

una banda di bambini si ritrova ogni giorno a giocare.

Sono figli di immigrati meridionali, e nella banda ci sono ragazze, fratelli minori e capi.

Il luogo magico è per i bambini il capannone della ditta di recupero di materiali ferrosi che sorge

nelle vicinanze e i bambini sono gli unici a sapersi orientare al suo interno.

Poi un bambino scompare. Qualche settimana prima una bambina era stata ritrovata morta.

I sospetti cadono su una specie di scemo del villaggio che però per i bambini è innocente
http://www.youtube.com/watch?v=aEcWqBN76hs

 

Regia Daniele Gaglianone
Cast Filippo Timi , Stefano Accorsi , Valeria Solarino,· Valerio Mastandrea

_________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

Con la regia di Tate Taylor, con Emma Stone, Bryce Dallas Howard, Jessica Chastain

e Mary Steenburgen, arriva sul grande schermo L’aiuto, The Help, tratto

da un romanzo di Catherine Stockett

 

Il trailer è QUI:

http://www.youtube.com/watch?v=YjjszdX-evw

 

L’aiuto, Catherine Stockett, Mondadori

È l’estate del 1962 quando Eugenia “Skeeter” Phelan torna a vivere in famiglia a Jackson,

in Mississippi, dopo aver frequentato l’università lontano da casa. Per sua madre, però,

il fatto che si sia laureata conta ben poco: l’unica cosa che vuole per la figlia è un buon

matrimonio. Ma Skeeter è molto diversa dalle sue amiche di un tempo e sogna in segreto

di diventare scrittrice. L’unica persona che potrebbe comprenderla è l’amatissima

Constantine, la governante che l’ha cresciuta, ma la donna sembra svanita nel nulla.

Come Constantine, anche Aibileen è una domestica di colore.

Saggia e materna, ha un candore e una pulizia interiore che abbagliano: per un tozzo di

pane ha allevato amorevolmente uno dopo l’altro diciassette bambini bianchi.

Ma il destino è stato crudele con lei, portandole via il suo unico figlio, morto in

un incidente sul lavoro tra l’indifferenza generale. Minny è la sua migliore amica.

Bassa, grassa, con un marito violento e una piccola tribù di figli, è con ogni probabilità la

donna più sfacciata e insolente di tutto il Mississippi.

Cuoca straordinaria, non sa però tenere a freno la lingua e viene licenziata di continuo

per le sue intemperanze, fino a quando è assunta da una signora nuova del posto,

che per la sua bellezza vistosa e le origini modeste è messa al bando dalla buona società

bianca. Skeeter, Aibileen e Minny si ritrovano a lavorare segretamente a un progetto

comune che le esporrà a gravi rischi.

 

 

 


______________________________________________________________–

 

VAN GULIK (Libri e film)

 

 

 

Robert Van Gulik (Olanda, 1910-1967) è considerato il vero scopritore del giallo

cinese per aver riportato alla luce la figura del magistrato Ti Jendjieh del periodo T’ang

e per averlo trasformato nell’abile giudice Dee, protagonista dei suoi raffinati romanzi

polizieschi ambientati nel celeste impero, di cui O barra O ha già pubblicato 10 titoli:

http://www.obarrao.com/in-Asia/Gialli/

 

I delitti della collana cinese. I casi del giudice Dee

La casa del salice. I casi del giudice Dee

Il fantasma del tempio. I casi del giudice Dee

Il monastero stregato

Il padiglione scarlatto

Assassinio a Canton

La perla dell’imperatore

I delitti dell’oro cinese

Il paravento di lacca

 

 

 

nelle sale dal 26 agosto con Tucker film l’ultima fatica di Tsui Hark,

Detective Dee e il mistero della fiamma fantasma“. Il regista cinese prende la storia

da un racconto popolare scritto durante la dinastia dei Ming, rielaborato nel Settecento

e successivamente tradotto dal diplomatico olandese Robert Van Gulik.

Perché il film raccolga una discreta audience in Occidente, l’astuto Tsui mescola

lo “wuxiapian” (il genere cappa e spada così apprezzato in Cina) con il cinema giallo,

aggiungendo parecchie suggestioni magiche (sullo schermo si vedono cervi che

parlano, visi che si deformano e guerrieri ninja che sembrano volare),

un po’ di umorismo e una ricostruzione storica da manuale.

Il tutto condito da effetti visivi di alto livello e inquadrature ampissime che,

con l’aiuto del digitale, ci restituiscono tutto lo splendore della Cina imperiale.

 

Il trailer del film:

http://www.youtube.com/watch?v=GBgY-kzhGYQ

 

 

 

 

 

GIUDICE DEE

 

Read Full Post »

Jim Sturgess at the 2007 Toronto International...

Image via Wikipedia

al cinema, ONE DAY – Un giorno, dall’omonimo romanzo di David NICHOLLS, una delle sorprese letterarie del 2010, diventata successo grazie al passaparola dei lettori. Eccone il trailer inglese:
http://www.youtube.com/watch?v=uLUWHW5NxwI

Regia: Lone Scherfig
Writers: David Nicholls (screenplay), David Nicholls (book)
con: Anne Hathaway, Jim Sturgess and Patricia Clarkson

David Nicholls
Un giorno, Neri Pozza

È l’ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un’epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l’intera vita, da afferrare a piene mani.
Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali.
Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l’università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l’uno accanto all’altra, nell’alba di una vita nuova.
Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo.
Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata.
Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell’industria della spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo.
Ma ogni 15 luglio c’è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter?
Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto.Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme.

Due ragazzi si incontrano nel momento più bello della loro vita, quando tutto sembra possibile. Ma si dicono addio, e le loro strade si dividono.
Per venti anni si inseguiranno, tenendosi in contatto, raccontandosi tutto, pensando all’altro con nostalgia e desiderio.
Senza poter mai dire se è vero amore.

Il romanzo inglese dell’anno. Un bestseller europeo. Un trionfo critico, salutato da scrittori quali Nick Hornby e Jonathan Coe come un capolavoro al tempo stesso divertente e profondo.

Una commedia romantica, arguta e malinconica, capace di catturare l’energia sentimentale delle grandi passioni: i cuori spezzati, l’intricato corso delle storie d’amore e di amicizia, il coraggio, le delusioni e le speranze di chiunque abbia mai desiderato una persona che non può avere.

«È difficile trovare un romanzo capace di affrontare il passato recente con tanta autorevolezza, ed è ancora più raro incontrarne uno in cui i due personaggi principali siano raccontati con una solidità, con una dolorosa fedeltà alla vita che davvero quando chiudiamo il libro abbiamo la sensazione di conoscerli quanto i nostri amici più cari. È impossibile non ammettere il talento straordinario dello scrittore che ha creato tutto questo».
Jonathan Coe

«Uno splendido libro: divertente, acuto, saggio, compassionevole e, a volte, incredibilmente triste… il miglior romanzo sociale inglese dai tempi di La famiglia Winshaw di Jonathan Coe… l’arguta prosa di Nicholls ha una trasparenza che ricorda Nick Hornby».
The Times

«Intelligente e profondo, coinvolgente e irresistibile, un ritratto brillante degli ultimi anni della nostra vita».
Nick Hornby

«Con una strizzata d’occhio a Harry ti presento Sally, il romanzo di David Nicholls, divertente ed emotivamente trascinante, è il libro perfetto da mettervi in valigia».
Daily Mail

Read Full Post »

Da LA STRAORDINARIA INVENZIONE DI HUGO CABRET

English: Kristin Scott Thomas at the Cannes fi...

Image via Wikipedia

(di cui, grazie alla preziosa collaborazione di una amica\traduttrice disponiamo di una copia con dedica ad Atlantide), in arrivo ad inizio febbraio la versione cinematografica di Martin Scorsese:

http://www.hugomovie.com/#home

 La straordinaria invenzione di Hugo Cabret,
Selznick Brian, Mondadori
La luna, le luci di una città, una stazione affollata, due occhi spaventati. Le immagini a carboncino scorrono come in un cinema di carta fino a inquadrare il volto di Hugo Cabret, l’orfano che vive nella stazione di Parigi. Nel suo nascondiglio segreto, Hugo coltiva il sogno di diventare un grande illusionista e di portare a termine una missione: riparare l’automa prodigioso che il padre gli ha lasciato prima di morire. Ma, sorpreso a rubare nella bottega di un giocattolaio, Hugo si imbatterà in Isabelle, una ragazza che lo aiuterà a risolvere un affascinante mistero in cui identità segrete verranno svelate e un grande, dimenticato maestro del cinema tornerà in vita. Tra romanzo, cinema e graphic novel, un libro in cui le parole illustrano le immagini.

______________________________________________________________________________________________________________________-

Basato sull’omonimo romanzo di grande successo di Jonathan Safran Foer, Molto Forte, Incredibilmente Vicino racconta la storia del viaggio di un ragazzo da una perdita devastante alla scoperta di se stesso, sullo sfondo gli eventi tragici dell’11 Settembre.

http://www.google.com/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=3&ved=0CDAQtwIwAg&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3Ddw0HHlsd1d0&ei=Jl39TtufOcqP4gTtopmSCA&usg=AFQjCNFq6nLZrehaiXxUwoFw9kr30xLBgA

Molto forte, incredibilmente vicino,
 Foer Jonathan S., Guanda

A New York un ragazzino riceve dal padre un messaggio rassicurante sul cellulare: “C’è qualche problema qui nelle Torri Gemelle, ma è tutto sotto controllo”. È l’11 settembre 2001. Tra le cose del padre scomparso il ragazzo trova una busta col nome Black e una chiave: a questi due elementi si aggrappa per riallacciare il rapporto troncato e per compensare un vuoto affettivo che neppure la madre riesce a colmare. Inizia un viaggio nella città alla ricerca del misterioso signor Black: un itinerario ricco di incontri che lo porterà a dare finalmente risposta all’enigmatico ritrovamento e ai propri dubbi. E sarà soprattutto l’incontro col nonno a fargli ritrovare un mondo di affetti e a riaprirlo alla vita.

______________________________________________________________________________________________________________________-

Con la regia di Steven Spielberg, con Tom Hiddleston e Benedict Cumberbatch, approda sul grande schermo il romanzo di Michael Morpurgo:

http://www.warhorsemovie.com/

Michael Morpurgo, War Horse, Rizzoli
urante la Prima guerra mondiale oltre un milione di cavalli inglesi partirono per il fronte.
Poco più di sessantamila fecero ritorno in patria. Jo ey era uno di loro.
Albert e Joey sono cresciuti insieme; poi la guerra li separa. Albert, ancora troppo giovane per fare il soldato, è cos tretto a lasciar partire il suo Joey, venduto alla cavalleria inglese. Giunto in Francia, Joey combatte al fianco degli inglesi, e poi, caduto nelle mani del nemico, si trova a servire i soldati tedeschi, sempre con grande coraggio e generosità. Ma la determinazione che nasce dall’amore non ha confini, e non appena Albert ha l’età per arruolarsi parte a sua volta per il fronte, deciso a ritrovare il suo amato cavallo e a riportarlo a casa.

______________________________________________________________________________________________________________________-

Dobbiamo parlare di Kevin,
Regia: Lynne Ramsay
Cast: Tilda Swinton, John C. Reilly, Ezra Miller

http://www.imdb.com/video/imdb/vi566533657/

Dobbiamo parlare di Kevin,
  Shriver Lionel, Piemme
A 16 anni, Kevin ha preso l’arco con cui si esercitava da tempo e ha ucciso sistematicamente, nella palestra della scuola che frequentava, sette compagni, un inserviente e l’insegnante di algebra. Uccidere, nella sua logica distorta, era il mezzo per uscire dalla massa indistinta e diventare protagonista. E ora lo è, nel carcere minorile in cui è rinchiuso, temuto e rispettato dagli altri giovani reclusi. A raccontarcelo è la madre, Eva Katchadourian, newyorkese di successo, in una serie di lettere al marito assente. Attraverso le sue parole si snoda la storia della famiglia e dei suoi componenti: Eva, con il suo rapporto ambivalente nei confronti della maternità, il marito Frank, sempre pronto a giustificare il figlio in totale contrasto con lei, e lo stesso Kevin, un piccolo genio del male da quando ha aperto gli occhi sul mondo. Lettera dopo lettera, è un susseguirsi di fatti e di episodi che scavano nella vita familiare e ci restituiscono un quadro lacerante, sofferto, filtrato dalla lucida intelligenza e dalla profonda umanità di Eva, che non smette di chiedersi se non sia anche sua, e del rapporto di malcelata ostilità con il figlio, la colpa di quanto è

______________________________________________________________________________________________________________________-

Tratto dal romanzo di Tatiana De Rosnay,  un intenso racconto sul rastrellamento del Vél d’Hiv nella Parigi del 1942 e sulle conseguenze del raggiungimento della verità.

Regista: Gilles Paquet-Brenner
Attori principali: Kristin Scott Thomas, Mélusine Mayance, Frédéric Pierrot,

http://www.youtube.com/watch?v=XPy9vnVEnug

La chiave di Sara, Rosnay Tatiana de, Mondadori
È una notte d’estate come tante altre, a Parigi. La piccola Sarah è a casa con la sua famiglia, quando viene svegliata dall’irruzione della polizia francese e prelevata insieme ai genitori. Ha solo dieci anni, non capisce cosa sta succedendo, ma è atterrita e, prima di essere portata via, nasconde il fratello più piccolo in un armadio a muro che chiude a chiave. È il 16 luglio del 1942. Sarah, insieme a migliaia di altri ebrei, viene rinchiusa nel Vélodrome d’Hiver, in attesa di essere deportata nei campi di concentramento in Germania. Ma il suo unico pensiero è tornare a liberare il fratellino. Sessant’anni dopo, Julia, una giornalista americana che vive a Parigi, deve fare un’inchiesta su quei drammatici fatti. Mette mano agli archivi, interroga i testimoni, va alla ricerca dei sopravvissuti, e le indagini la portano molto più lontano del previsto. Il destino di Julia si incrocia fatalmente con quello della piccola Sarah, la cui vita è legata alla sua più di quanto lei possa immaginare. Che fine ha fatto quella bambina? Cosa è davvero successo in quei giorni? Quello che Julia scopre cambierà per sempre la sua esistenza.

______________________________________________________________________________________________________________________-

E, finalmente, LO HOBBIT!

http://www.youtube.com/watch?v=JTSoD4BBCJc

Peter Jackson, “The Hobbit”

 

_______________________________________________________

 

chiusura con PI. LIFE OF PI, tratto dal fantastico libro di Yann Martel. Arriverà forse a fine 2012, con la regia di Ang LEE? riusciremo a vedere sul grande schermo l’avventura sull’oceano di Piscine Molitor Patel e di Roger Parker?

http://www.imdb.com/title/tt0454876/

 

Read Full Post »

Paolo Giordano

Image via Wikipedia


Al cinema, quello che è il più grande successo dell’editoria italiana degli ultiimi anni, tradotto e amato dalla critica in numerosi Paesi: La solitudine dei numeri primi:

Il trailer
http://www.film.it/la-solitudine-dei-numeri-primi/trailer

REGIA:

Saverio Costanzo

CAST:
Filippo Timi
Isabella Rossellini (Adele)
Alba Rohrwacher (Alice)

La scheda dellibro di Paolo Giordano, edito da Mondadori
Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. È una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano “primi gemelli”: due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d’esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza.

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 303 follower