Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘libri bambini’

“Mamma di pancia,
mamma di cuore
 
ma cosa importa
dove nasce l’amore”
 
Sonia Maria Luce Possentini, Dove nasce l’amore, Curci
 
Quasi un silent book, splendidamente illustrato da Sonia Maria Luce Possentini, dedicato all’amore tra genitori e figli, e, in particolare, al tema dell’adozione. I brevi testi sono ispirati alla canzone di Lorenzo Tozzi, Mamma di pancia, mamma di cuore, ascoltabile online con il QR Code all’interno del libro. Perché ogni bimbo cresca consapevole di essere frutto di un’autentica scelta d’amore, indipendentemente dal suo luogo di nascita. –

Read Full Post »

Cominciamo la settimana con un libro per i piccoli.
Una storia bellissima e commovente con tanti colori per parlare di morte ai più piccoli. Volpe si è addormentata per sempre, in una radura, circondata dalla neve. Ma resterà nel cuore degli amici per quanto ha offerto loro, per i momenti condivisi, e grazie anche a quei ricordi qualcosa nascerà nuovamente.. Britta Teckentrup, un grande talento.

https://www.galluccieditore.com/scheda/?id=1009
L’albero dei ricordi
Britta Teckentrup –  disegni: della stessa autrice

Gallucci Editore

Volpe aveva avuto una vita lunga e felice, ma ormai era molto stanca.

Diede un ultimo sguardo al suo amato bosco, chiuse gli occhi e si addormentò per sempre.

Un inno alla vita e ai ricordi, che restano con noi e ci danno forza anche quando chi abbiamo amato non c’è più.

Read Full Post »

Bruno Tognolini, NINO E NINA, FATATRAC
 
 
Lo scorrere del tempo non fa paura quando si è bambini, ogni stagione ha la sua bellezza e Nino e Nina lo sanno bene. Dodici poesie li guidano mese dopo mese nelle loro attività, nelle loro scoperte, nei loro giochi.
Lo scrittore Bruno Tognolini racconta così l’anno che passa, accompagnato dai colori e dalle meravigliose illustrazioni di Paolo Domeniconi. L’incontro tra i due autori ci regala ”Nino e Nina”, uno splendido albo illustrato evocativo ed emozionante, perfetto per i grandi e i piccoli lettori.
ECCO FEBBRAIO:
 
È febbraio, comincia Carnevale
Dice Nina: “Farò la principessa”
Dice Nino: “E io l’eroe spaziale”
“Ma fai sempre lo stesso!”
“E tu sempre la stessa!”
“E allora mascheriamoci, però da cose strane!”
 
Nina si maschera da vetro di finestra
Nino si maschera da cacca di cane
Nina si maschera da gonna di maestra
Nino si maschera da nespola di bosco
Nina gli dice: “Così ti riconosco!”
 
Arrivano le mamme, è tempo di vestirsi
Coi bei costumi veri per andare a divertirsi
Si vestono, si guardano, si prendono un po’ in giro
Lei solita fatina, lui solito vampiro
 
Indossano i costumi, si guardano allo specchio
Accostano le teste, si parlano all’orecchio
“Con questo vestitino” – “Con questa mascherina”
“Mi sento un po’ cretino” – “Mi sento un po’ cretina”
 
Ma poi finisce Carnevale!
“Meno male!”
“Così son Nina ogni mattina”
“Per fortuna!”
“E io son Nino, sempre io”
“L’amico mio!”
nino

Read Full Post »

broccoli

un appuntamento con Francesca Broccoli, per parlare di rabbia infantile:
 
BIBLIOTECA DI CASTEL SAN PIETRO TERME
 
Via Marconi 29 – Castel San Pietro
 
 
051-940064, biblioteca@cspietro.it
 
 
Sabato 15 ottobre ore 10.30
 
FRANCESCA BROCCOLI, psicoterapeuta relazionale
 
presenta il suo libro Lascia che si arrabbi
 
Come mai i bambini si arrabbiano tanto? Indicazioni pratiche per affrontare le esplosioni di rabbia nei bambini e come aiutarli a contenerla.
 
 
Lascia che si arrabbi
Francesca Broccoli, Sperling Kupfer
Lorenza non ha nessuna intenzione di comprare le merendine al figlio Matteo. Lui urla, strepita e si butta a terra scalciando. Che cosa fare: accontentarlo, ignorarlo o gridare più forte di lui? Qualunque soluzione sembra sbagliata, soprattutto perché la mamma non capisce che cosa ha scatenato questa reazione esagerata.
Le sfuriate dei bambinisono un problema sempre più diffuso, che lascia spesso i genitori in preda ai sensi di colpa, disorientati e impotenti.
Tante sono le possibili cause – un’educazione troppo severa o permissiva, eventi traumatici, cambiamenti improvvisi, stress, tensioni famigliari, modelli comportamentali contraddittori – e tante le manifestazioni, che cambiano anche in base alla fascia di età, dall’irritabilità ai dispetti, dagli sbalzi d’umore ai disturbi del sonno.
Mai reprimere d’autorità, spiega Francesca Broccoli, psicologa e psicoterapeuta: la rabbia è un’emozione fondamentale per lo sviluppo emotivo e sociale dei più piccoli, che sono i primi a spaventarsi per quel grumo di malessere – un mostro che li invade – e devono riuscire a comunicarlo. Ma nel modo giusto.
Partendo dai casi reali incontrati nella sua esperienza e nei suoi corsi, Francesca Broccoli mostra come interpretare i segnali dei bambini e capire le ragioni del loro disagio, dà suggerimenti pratici sulla risposta più opportuna e ci guida nel dialogo con i nostri figli, per spiegare, in un linguaggio accessibile anche a loro, a capire, conoscere e gestire la rabbia. Senza pianti e musi lunghi.
 
 
 
libreria atlantide sarà presente con un banchetto tematico.

 

Read Full Post »

“Mi sembra di non essere stato altro che un bambino che gioca sulla spiaggia,
felice nel trovare ogni tanto un ciottolo più levigato,
una conchiglia più bella delle altre,
mentre il vasto oceano della verità si stende di fronte a me,
inesplorato”.
Isaac Newton

Questo si legge prima di cominciare il libro, a mò di dedica all’immaginazione, che è un po’ il tema di questo fantastico nuovo capolavoro di Orecchio acerbo, impreziosito illustrazioni squillanti e piene di fascino: una gita al mare, l’avventura, lo stare insieme, lo scorrere lento del tempo, il cielo.. Bonus, sembra di calarsi negli scenari dei mari del nord, senza troppi ombrelloni accatastati o stabilimenti balneari accessoriati!

 

 

 

 

La zattera

di Olivier de Solminihac 

illustrazioni di Stéphane Poulin 

traduzione di Paolo Cesari , Orecchio Acerbo

 

 

 

Eccoci finalmente su una spiaggia con le dune, lontano dalla ressa degli ombrelloni. Non ci resta che metterci in costume, stendere il telo, e buttarci tra le onde. Peccato che tutto -anche il secchiello e la paletta- sia rimasto a casa. Michao ha dimenticato di metterli nel bagagliaio! E adesso? Nessuna paura. Ci sono alghe, conchiglie, pezzetti di legno… tutto l’occorrente per mettere in cantiere una piccola zattera… Una zattera per salvarsi dalla noia grazie all’abilità delle mani e all’immaginazione.

 

zattera

Read Full Post »

TANTI MOTIVI PER REGALARE LIBRI AI BAMBINI

 

I libri creano una atmosfera particolare tra “il lettore” e il bambino: provatela! Se poi il bambino è vostro figlio, è ancora meglio: scegliete il momento del sonno come ideale per creare questo speciale legame emotivo, lo ricorderete per tutta la vita!

I libri aiutano i bambini a sviluppare il linguaggio, ad espandere il vocabolario, molto più di altri media media…

I libri sono interattivi: spingono al pensiero. Fanno sviluppare nuove idee, espandono l’universo interiore e sono fonte per una immaginazione senza confini

I libri sviluppano la capacità critica: è il lettore che in autonomia decide se il libro gli piace o no, se ne preferisce uno ad un altro, se certe parti lo entusiasmano o meno..

I libri permettono di provare esperienze con la fantasia prima di realizzarle nella vita.

I libri aiutano a preparare i bambini alla loro prossima fase della vita, seguendo il loro percorso di crescita.

I libri ci aiutano a capire noi stessi e il mondo, da dove veniamo (e dove andiamo) rinforzano la nostra autostima.

I libri danno risposte.

I libri creano domande.

I libri aiutano i bambini a sviluppare un senso morale, un codice etico, a riflettere su quanto è giusto e cosa è sbagliato, a costruirsi una propria scala di valori.

I libri stabiliscono un ponte con gli altri esseri umani, attraverso le condivisioni delle esperienze di lettura e con la conoscenza dell’ “altro”.

I libri ci fanno capire che possono esserci diversi punti di vista.

I libri ci fanno conoscere il mondo, e spesso con una profondità maggiore di altri media.

I libri sono un gran bel passatempo, una fonte di evasione, e vi permettono di vivere tante vite, tutte diverse…

I libri sono passatempi economici, più dei giocattoli, degli aggeggi elettronici: a volte addirittura gratis (se scegliete una biblioteca)

I libri sono un’ottima compagnia: i piccoli non saranno mai soli insieme ad un libro.

I libri ci confortano: attraverso loro, possiamo capire che non siamo soli nel mondo, che condividiamo altre emozioni o situazioni con altri.

I libri arredano le case (più di un anonimo poster con i fiori…)

I libri fanno sognare.

I libri possono darci gli spunti necessari per raggiungere i nostri desideri..

I libri creano un ponte tra generazioni: vostro figlio leggerà al suo il romanzo che ha amato da piccolo..

I libri fanno crescere culturalmente anche il Paese. Con benefici per tutti!

  I LIBRI, L’UNICO REGALO CHE E’ POSSIBILE APRIRE PIU’ VOLTE! Altri giochi e regali saranno dimenticati dopo pochi giorni, un libro invece dura per sempre!

Il libraio vi aiuterà a trovare la giusta lettura, dai sei mesi in su!

Bundesarchiv Bild 183-20728-0003, LPG Güsen, V...

Bundesarchiv Bild 183-20728-0003, LPG Güsen, Vorsitzende der LPG mit Kind (Photo credit: Wikipedia)

 

 

Read Full Post »

un gruppo di ragazzi e l’avventura, anche quella di crescere e diventare grandi. Il libro che La nuova frontiera propone è del 1970, ma ha tutto il fascino dei classici contemporanei, della letteratura nordica che ha cambiato le carte in tavola con Pippi Calzelunghe:

Il piccolo capitano, Paul Biegel, La nuova frontiera

Il piccolo capitano vive in cima alle dune, nella barca scaraventata lì da una furiosa tempesta. Con l’aiuto degli altri bambini ripara l’imbarcazione in attesa di una grande onda che la spinga nuovamente in acqua. Quando arriva la tempesta dormono tutti, tranne Bombolo, Marinella e Tonino il fifone che partono di nascosto sulla Maiunafalla alla ricerca dell’Isola dei Grandi, dove si cresce in fretta.

Questa colorata e divertente odissea per bambini è probabilmente il titolo di maggior successo di Paul Biegel, considerato il Roald Dahl olandese. Al di là dell’aspetto giocoso e favolistico, “Il piccolo capitano” nasconde temi importanti come il desiderio d’avventura e i timori legati all’ignoto, la voglia di crescere e allo stesso tempo la paura di diventare adulti. Raramente lo spirito di un bambino è stato compreso così profondamente e catturato in una maniera così irresistibile.

Per la prima volta in italiano un classico della letteratura olandese per bambini, con le illustrazioni originali di Carl Hollander.

 

Read Full Post »