Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘libri cecenia’

 

 

La nuova frontiera è l’editore più adatto per proporre questo affascinante romanzo, che ci conduce appunto in una terra di limite, il Caucaso, un vero e proprio Far West del XXI Secolo, sospeso tra l’oscuro potere centrale Russo e l’avanzare del fondamentalismo. Quasi senza possibilità di salvezza, il mondo si disgrega e collassa. Le vecchie certezze scompaiono, la cultura caucasica sparisce, e il nuovo è quanto mai ammantato di nebbia…. Non guasta al libro l’ironia di fondo, la capacità di far rispecchiare i propri personaggi nei rispettivi stereotipi, i russi visti dai caucasici, e viceversa!

 

Alisa Ganieva, La montagna in festa, La nuova frontiera

Quando Shamil arriva al giornale trova la redazione in subbuglio: secondo una voce che sta facendo il giro del paese i russi hanno innalzato un muro per isolare il Caucaso dal resto della federazione. La situazione diventa subito incandescente: manifestazioni e scioperi si susseguono giornalmente mentre i sostenitori dei movimenti islamici si scontrano con quelli dei partiti nazionali. Shamil vorrebbe continuare la sua vita come se niente fosse ma stenta a credere ai suoi occhi quando vede la fidanzata, Madina, indossare il velo e seguire i combattenti salafiti sulle montagne. Il sangue inizia a scorrere per le strade ma Shamil continua a esitare, non vuole scappare, fino a quando non è travolto dagli eventi. Alisa Ganieva ci racconta la storia di una catastrofe imminente, del declino di una società dilaniata dall’interno dove – come una visione – nel mezzo di quello che sembra un incubo, l’immagine della montagna in festa appare come un rifugio contro tanta violenza e intolleranza.

TRADUZIONE: ZONGHETTI C.

 

 

un vero e proprio Far West il Caucaso uscito dal disfacimento dell’Unione Sovietica. Il miglior libro che conosciamo su quel mondo è di un polacco, lo segnalavamo alcuni anni fa, lo riproponiamo:

 

 

Periodicamente, la miccia innescata nel Caucaso prende fuoco, con le conseguenze che abbiamo visto in Georgia. Sono passati secoli da quando Lermontov raccontava ne Un eroe del nostro tempo il disprezzo dei russi verso i ceceni, e quell’angolo di mondo non pare davvero essere cambiato di tanto. Confini usati per dividere popoli, immigrazioni di lavoratori russi, nazionalismi e folli presidenti, città devastate da guerre o banditi, questo è il Caucaso.

 

Chi ama gli splendidi reportage di viaggio di Kapuscinski, troverà altrettanto interessante questo libro di un suo connazionale che indaga quell’ampia e poco conosciuta regione che è il CAUCASO, un vero e proprio Far West dove tutto può accadere. Una inchiesta svolta “dal basso”, incontrando la gente, per risalire poi alle ragioni che risiedono dietro i fatti.

 

Wojciech Gorecki,

 

PIANETA CAUCASO,

 

Bruno Mondadori

 

http://www.brunomondadori.it

 

«Un grande reportage su una delle regioni più affascinanti e drammatiche del mondo. Górecki ha superato le enormi difficoltà nelle quali, in quelle regioni, sempre si imbatte un reporter giungendo nei luoghi più inaccessibili e incontrando persone fuori dal comune che ci colpiscono per la loro semplicità e per il loro grande cuore. Sotto la sua penna viva e precisa non soltanto tutto il Caucaso settentrionale, ma anche le differenti popolazioni che lo abitano, ci appaiono come isolati, piccoli satelliti, così che alla fine riusciamo a comprendere tutta la ricchezza e la multinazionalità del “cosmo” Caucaso. La sua passione, il suo sforzo, la sua resistenza ci offrono uno dei libri più preziosi degli ultimi anni.» (Ryszard Kapuscinski). Trad. Verdiani V.

 

English: Tiflis, 1837 Русский: «Вид Тифлиса» (...

English: Tiflis, 1837 Русский: «Вид Тифлиса» (1837; картон, масло; ГЛМ). Был подарен Лермонтовым его родственнику ген. П. И. Петрову в Ставрополе в 1837. Общий вид города со стороны Авлабарского предместья. Авторство Лермонтова подтверждается живописной манерой, сближающей эту картину с № 6, а также семейным преданием Петровых. (s:Рисунки и живопись (Лермонтов)) (Photo credit: Wikipedia)

 

 

Read Full Post »