Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘miraggi edizioni’

SCRIVE romanzi, racconti, poesie, testi teatrali, testi di canzoni, tra gli altri, per Mina, Antonello Venditti, Garbo, Subsonica. Ed altro ancora. Un ritratto di Luca Ragagnin, autore de IL BAMBINO INTERMITTENTE, la nostra prossima presentazione (Lagosteria, venerdi 28, alle 18):

https://www.miraggiedizioni.it/autore-corrente/luca-ragagnin/?__cf_chl_jschl_tk__=6f5745893374dda5147ddf4015dd5e30ca4da526-1621929773-0-AUlM_olUlazM6F31q3gLvB8NHU0RcZFt6u-XtNotqesmffrMt78lcTJFk1YeUUji84bn4JXuONMWXa-IyxWhHG2swQDpkbkFwjM1J6tV1YB1WGIR-rL9aWFAuiGW4z-qCC7_PfLQkSyEDDsBLmxjh-n-U2jq051PbKXqmDlQugIodAsgTddP3Su79nYpTFs6vo6eFurz6MGMC2ZjNv_wYfeohinvsu1V_86gYCSfPt7aUSoCqtKV2fcRDgvme3V-2oVvkq_pi1RYNP9LNlk0jBM_lKpRSco4q_kn-Dsqxo5BU-UVL37vnZ_AiT8iok3rJNfuTLNa_PZcklBZRGNzoTiMx-CSWbsdbb_4jY3UGCdrHL_Eckc60LJKqbSRjvrINbptHDv8O8QEkvLsm5d10HmkIvoJe1krP8wImbUYGmDZx6pSioxAV-o5JNQToIU2Vw

Luca Ragagnin (Torino, 1965) è uno scrittore e paroliere italiano.Incomincia a scrivere racconti e poesie nei primi anni ’80 e a pubblicare su rivista all’inizio dei ’90. Nel 1992 il testo teatrale “Eclisse del corpo” viene rappresentato a Torino e a Bologna presso il Teatro di Leo de Berardinis. Dal 1994 collabora come paroliere con musicisti di varia estrazione. Nel 1995 vince il Premio Montale per la poesia con una silloge inedita, letta nello stesso anno da Vittorio Gassman nel ciclo televisivo “Cammin leggendo” e pubblicata l’anno successivo dall’editore Scheiwiller. Nel 1996 viene invitato al Festival Internazionale di Poesia di Bar, in Montenegro, e un’antologia di sue poesie viene tradotta in serbocroato. Collabora con quotidiani e riviste di vario genere e, dal 1998 al 2003, ha tenuto una rubrica fissa su “Duel”, mensile di cinema e cultura dell’immagine. Nel 2007, insieme a Enrico Remmert, adatta per ii teatro il libro Elogio della sbronza consapevole”. Lo spettacolo viene portato in tournée in Italia e in Francia da Assemblea Teatro. Nel 2009, sempre con Enrico Remmert, scrive “2984”, testo teatrale ispirato a “1984” di George Orwell. Lo spettacolo debutta al Festival delle Scienze di Genova con la regia di Emanuele Conte e la produzione del Teatro della Tosse. Nel 2011 collabora alla stesura di “Operetta in nero”, testo teatrale scritto e musicato da Andrea Liberovici e scrive, con Michele Di Mauro, “Alla fine di un nuovo giorno”, spettacolo commissionato da Torino Spiritualità e portato in scena dallo stesso Di Mauro e dal compositore messicano Murcof.

Nel 2012 scrive per Lella Costa “Elsa Shocking”, monologo basato sull’autobiografia di Elsa Schiaparelli Shocking Life, che va in scena il 20 ottobre al Teatro Carignano di Torino. Nel 2014 scrive per Angela Baraldi lo spettacolo “The Wedding Singers”, che debutta al Teatro della Tosse di Genova, con la regia di Emanuele Conte. Le sue poesie sono tradotte in Francia, Svizzera, Portogallo, Polonia, Romania e Montenegro.È autore di romanzi (Marmo rosso, Arcano 21), racconti (tra gli altri, Pulci e Un amore supremo), testi teatrali (Misfatti unici, Cinque sigilli) e poesie (tra le altre, le raccolte Biopsie e La balbuzie degli oracoli) e testi di canzoni (tra gli altri, per Subsonica, Delta V, Serena Abrami e Antonello Venditti).

Con Miraggi ha pubblicato il volume di racconti Musica per Orsi e Teiere; il saggio Capitomboli; insieme ai Totò Zingaro, la trilogia musicale Imperdibili perdenti, composta dai dischi «Il fazzoletto di Robert Johnson», «Salgariprivato» e «Fiodor», di cui è autore di tutti i testi; l’excursus musicale-­narrativo Autoritratto in vinile; e i romanzi Agenzia Pertica e Pontescuro.

http://www.lucaragagnin.it

Read Full Post »

Venerdì 28 maggio, ore 18.00 presso Lagosteria, Laghetto Scardovi – Viale Terme, 1060 – Castel San Pietro Terme

Presentazione de Il bambino intermittente (Miraggi editore) di Luca Ragagnin, intervistato da Alberto Alberici, secondo appuntamento del ciclo di incontri letterari Castello: strade di parole. Rassegna a cura di libreria Atlantide, in collaborazione con l’autore e amico Alberto Alberici, con il patrocinio del Comune e in collaborazione con Pro loco di Castel San Pietro Terme.

LA REALTÀ VISTA ATTRAVERSO L’IMMAGINAZIONE DI UN BAMBINO ECCEZIONALE
«L’infanzia è tutto tranne che infantile.»

Il piccolo Berg vive in una città del Nord con la madre professoressa. Ha molti nomi inventati e da un certo punto in avanti anche una sorella (immaginaria?). Ha un padre che possiede un Maggiolino giallo a pois rosa e gli insegna i nomi degli alberi e dei funghi. Ha dei nonni di città che lo educano all’uso filosofico degli agnolotti e alla contemplazione del Meccano. Ha dei nonni di mare che lo accompagnano nella crescita, da una cucina con finestra sulle onde e da uno sgabuzzino magico.


Berg cresce rimodellando la realtà, in un travaso continuo di immaginazione, e così attraversa l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta. Da bambino ha molti “ nemici ”, conosce man mano il pericolo metafisico degli oggetti, l’inesorabilità dei pensieri altrui, gli anni di piombo; da ragazzo – stupito e incredulo – l’amore e il risveglio di un’intera città industriale; da adulto la forza e l’abbandono, l’affollamento muto e una solitudine che continua a sfrigolare con le sue molteplici voci interiori.
Trova Dio in una cabina da spiaggia – poi lo perde in una mensa sotterranea.
È un musicista mancato, un commesso in un negozio di dischi, un lavoratore della New Economy nella “città da bere”. È comico, goffo, riflessivo e silenzioso, inarrestabile e chiassoso.
Berg ha molti nomi e molte età: è lui il bambino intermittente. E questo romanzo è la storia della sua intermittenza, delle sue innumerevoli identità che si richiamano dagli innumerevoli angoli e pianerottoli di una “architettura impossibile”. Un racconto componibile e anch’esso intermittente che saltabecca tra le varie epoche della vita di Berg, che sono anche le epoche della nostra storia recente e che sono, forse, le epoche della vita di tutti noi.

Luca Ragagnin (Torino, 1965) è autore di una vasta opera in prosa e in versi. Ha pubblicato cinque romanzi, sette raccolte di racconti e volumi di saggi, poesia, teatro e saggistica. Come autore di testi musicali ha scritto per Mina, Venditti, Subsonica e molti altri. La sua ultima collaborazione musicale è “Testimone di passaggio” (Vrec, 2020), album solista di Flavio Ferri (Delta V). Il suo ultimo romanzo è “Il bambino intermittente” (Miraggi, 2021). 

Alberto Alberici nasce a Castel San Pietro Terme nel 1965. Dopo studi universitari in economia entra nel mondo della moda dove da oltre trent’anni opera tra Milano, Bologna e Firenze. Appassionato di letteratura e scrittura, pubblica con la casa editrice Minerva due romanzi, “Ceralacca” nel 2017, “Ero” nel 2019. 

Il ciclo di incontri proseguirà giovedì 10 giugno 2021, Cortile Ex Asilo nido – Piazza G. Galilei: Melissa Magnani presenta Teodoro (Bompiani editore).

La rassegna è supportata anche da alcune realtà locali quali Giardino degli Angeli, Lagosteria, Erboristeria Camomilla, E.B.Abbigliamento.

L’incontro si terrà nel rispetto delle normative vigenti, con distanziamento e registrazione dei dati dei partecipanti. Per la necessaria prenotazione contattare Libreria Atlantide: tel. 0516951180; email: info@atlantidelibri.it  . Eventuali posti non assegnati saranno resi disponibili il pomeriggio stesso.

Read Full Post »