Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘recensioni di libri per ragazzi’

Una storia aspra come la natura in cui è ambientata, (la Terra del Fuoco, molto presente nelle pagine del libro), triste e bella, che ci fa partecipare la difficoltà di vivere di tre personaggi segnati da una esistenza non facile, apparentemente incapaci di sottrarsi al proprio destino. Con uno stile aspro seguiremo con un pizzico d’ansia e molta trepidazione la sorte di Pablo, il ragazzo ingenuo che si troverà a convivere sotto lo stesso tetto con l’assassino dei suoi genitori, e un altro ricco viandante giunto chissà da dove, che gli insegnerà a leggere. Giorno dopo giorno, le cose cambieranno, colpa e redenzione assumeranno nuovi connotati, un ragazzo diventerà uomo.

Premiatissimo in Francia (tra i quali il Prix Sorcieres, fra i più importanti oltralpe per la letteratura per l’infanzia), Le lacrime dell’assassino è un romanzo potente che appassionerà i ragazzi dai dodici anni in su, che colpisce per l’originalità dei temi e la capacità di uscire dagli schemi classici, trattando temi difficili.

Le lacrime dell’assassino, Anne Laure Bondoux, San Paolo
Bondoux Anne Laure La storia è ambientata ai confini del mondo, nella terra del Fuoco, in un luogo talmente lontano e primitivo da risultare quasi una metafora del mondo. Lì un assassino in fuga si rifugia e la sua anima di ghiaccio viene lentamente riscaldata e scossa dall’innocenza innata e spontanea di un ragazzino bisognoso di guida e appoggi. Una storia al limite del possibile, uno stile crudo e rigoroso, che non si ferma davanti all’enormità della tragedia e che scava nei pensieri di un assassino che non ritrova più l’uomo che è in lui. Quando però i due lasciano la loro vita solitaria nella fattoria isolata e vanno in città, l’assassino si ritrova a contatto con il mondo, la Polizia che lo cerca e le dinamiche sociali da cui era fuggito. Il ragazzo è assetato di vita e di relazioni e cerca una vita più normale, la il vecchio assassino si sente braccato, l’unica sua possibile vita è ai confini del mondo alla fattoria. L’intreccio si complica, l’avventura si anima e gli imprevisti si infittiscono. Non si può scendere a patti con le colpe e la giustizia, ma allo stesso tempo non si può fermare un ragazzo che ha tutta la vita davanti a sé come un meraviglioso vaso prezioso da colmare.

Così la critica:

“Una provocatoria e coinvolgente fusione di allegoria e realismo; un racconto colmo di fascino di ruvida denuncia sociale che rompe con ogni possibile definizione di genere” (Booklist).

“Sconvolgente . . . . sì, con la certezza che sia nata una grande autrice. Anne-Laure Bondoux, mi inchino al tuo cospetto” (Anna Gavalda, ELLE).

Anne-Laure Bondoux è nata nel 1971 e vive nella provincia di Parigi. Ha iniziato a scrivere le prime storie verso i 10 anni e questa passione non l’ha mai abbandonata. Dopo aver fatto, in modo disordinato, studi letterari, teatro e due figli, ha scoperto la narrativa per ragazzi nel 1996, dopo essere entrata nella casa editrice Bayard Presse. I suoi primi racconti sono stati pubblicati su varie riviste (“Astrapi”, “J’Aime Lire”, “DLire”). Dal 2000, si dedica esclusivamente alla scrittura dei suoi romanzi. Nei prossimi anni spera di trovare il tempo di viaggiare . . Forse fino al Cile, chissà? Questo romanzo ha vinto il Prix Sorcières 2004. I suoi libri in Italia sono stati pubblicati daEL e Giunti.

Read Full Post »

Il Rumore. L’autore di questo libro per young adults forse si è accorto del Rumore che ci circonda, quella valanga di suoni, messaggi, suggestioni, ronzii, telefoni ecc ecc che ci circondano, e ci ha scritto sopra un’opera che non è semplice classificare, ma che ci piace. Piace anche a molti critici, visto che è finito nella Shortlist del Guardian Children Fiction Prize e di un paio di altri riconoscimenti, finendo poi per vincere il primo che vi abbiamo segnalato.
Un’opera visionaria, apocalittica, in cui un ragazzino che sta per diventare uomo in un mondo sconvolto da qualcosa dove non esistono più le figure femminili, si troverà al centro di una avventura dove ad una trama forte si accompagnano frequenti colpi di scena, mentre il protagonista affronterà un suo percorso di crescita.

Scrive Frank Cottrell Boyce, autore di Millions
“Per capire quanto sia favoloso questo romanzo basta leggere la prima frase.” (The Guardian). Nell’incipit, il personaggio protagonista spiega quanto poco ci sia di poetico nel poter ascoltare il pensiero degli animali, nella fattispecie del cane che lo accompagna: cane vuole correre, cane fare pipì, e altre cose del genere. E ascoltare in continuazione il brusio prodotto dagli esseri viventi che ci circondano può essere davvero una dannazione!

Patrick Ness, Il buco nel rumore, Rizzoli

E se si potessero sentire i pensieri degli altri? Se si potesse sentire tutta la gioia, tutto il dolore, la pena, i rimpianti, i desideri e i segreti degli altri? Se i pensieri di tutti – tuoi e di chi ti sta intorno – fossero un Rumore che ti travolge e che non puoi fermare? Che cosa faresti tu? Che cosa faresti tu se un giorno scoprissi che nonostante quei pensieri come una voce continua, nonostante il Rumore, tutti, da sempre, ti hanno mentito sul mondo in cui vivi?

Ps: un appunto per Rcs Editore: cambiare sempre formato alle proprie proposte per ragazzi, non avere una idea precisa di come proporre i propri testi, affidarsi a grafiche diverse e non chiarire bene cosa ci si può attendere dal libro che si acquista, può disorientare il lettore, e annullare gli sforzi per proporre testi interessanti. . . .

In questo podcast, Patrick Ness racconta cosa significa scrivere per gli adolescenti:
‘People have realised that a teenage audience is receptive’
http://www.guardian.co.uk/books/audio/2008/sep/25/childrens.book.prize

Read Full Post »

Davvero originali le proposte del 2008 in formato tascabile di Nuove Edizioni Romane: per ragazzi dai 9 agli 11 anni, dopo averci divertito con quel brillante romanzo di cappa e spada che era Colpi segreti di Sebastiano Ruiz Mignone, continuano a farci ridere con le Avventure in cucina di Emanuela Da Ros (dove i lettori troveranno una storia e infarinature di arte culinaria), e con una nuova edizione de Il fantasma di Canterville.

Emanuela Da Ros
Avventure in cucina
Ricette per ridere
Nuove Edizioni Romane

Illustrazioni di Gloria Francella

Questo è un libro “doppio”. La storia narrata infatti, ricca di gustosi imprevisti, serve anche da pretesto per far conoscere ai ragazzi alcune basi dell’arte culinaria e, magari, per invitarli ad alimentarsi meglio di quanto a volte non facciano. Protagonisti di avventure che si sviluppano tra tegami e salami, coperchi e coperti, sono degli amici che, pasticciando con pasta, carne, frutta, fantasia e qualche guaio, si cimentano nella missione quasi impossibile di far funzionare un ristorante. E per sapere se ci sarà un “dolce finale”, come in un vero menù, sarà necessario assaporare prima i vari capitoli, dall’antipasto al digestivo.


Oscar Wilde
Il fantasma di Canterville
Illustrazioni di Oski

Ritorna, con una cura grafica completamente rinnovata sia nella copertina che negli interni, il celebre racconto di Oscar Wilde, qui nella sua migliore traduzione italiana dovuta a Renato Pedio, che sottolinea la scatenata ironia dell’originale.
Il testo è arricchito dalle graffianti illustrazioni dell’illustratore sudamericano Oscar Conti, noto come Oski, che offrì il suo splendido segno al racconto ove si narra di come la famiglia americana dei Signori Otis, con quattro terribili figli, sbarchi nel Vecchio Mondo, e affronti fantasmi e castelli polverosi con tecnologie moderne ed esiti imprevisti.

Read Full Post »

« Newer Posts