Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘romanzi anni sessanta’

la nascita di una amicizia,la ricerca di un riscatto e il possibile epilogo in tragedia in un angolo di mondo disperato come Brewster, una cittadina operaia alla fine degli anni Sessanta che non ha niente da offrire a grandi e bambini, in cui le famiglie sono piegate dalla fatica o da disastri come alcool e violenza. Una prosa lirica e ben intonata per dare voce a sentimenti puri nati in un mare di fango, un’ottima lettura, definita in qualche angolo della rete “Bromance” ovvero romance con le musiche dei BEATLES sullo sfondo.. (e di quanto si poteva ascoltare alla fine di quel decennio)

 

 

L’età delle promesse, Mark Slouka, Ponte alle Grazie

 

Jon, Ray, Frank e Karen, come dire avere diciassette anni a Brewster, cittadina operaia nello Stato di New York, nell’America di fine anni Sessanta. Un’amicizia vera, spontanea, a tratti disperata, unisce i quattro compagni di liceo, che sognano di riscattarsi dalle miserie delle proprie vite, da famiglie troppo poco disposte ad amarli. A un’età in cui tutto sembra possibile, anche nell’orizzonte limitato di Brewster, i protagonisti cercano una via di salvezza: Ray nell’amore per il fratellino e per Karen, e nella fuga dal padre alcolizzato e violento; Frank nella religione e in una promettente carriera atletica; Jon nella corsa, in cui sfoga la rabbia per una madre che lo considera morto da anni. Per tutti, il grande sogno è la libertà, lo stesso che arroventa la loro epoca, e che nel caso dei quattro ragazzi esigerà un prezzo altissimo.

Narrato con un linguaggio semplice, laconico ma ad alta tensione emotiva, il nuovo romanzo di Mark Slouka mette in scena un conflitto interiore degno di una tragedia greca. Pur nella drammaticità dei fatti raccontati, l’autore infonde in queste pagine una luce dolce, la luce del miracolo: quello dell’amicizia in un momento della vita che è ancora l’età delle promesse. Una luce che nessuna tragedia, nessuna delusione, nessuna caduta può spegnere, e che rende questo romanzo così intenso, così appassionato, così necessario.

 

I GIUDIZI

“Straordinario… In questo romanzo si respira un eterno desiderio.”

The Boston Globe

“Leggendo L’età delle promesse si ha la sensazione di entrare in una canzone di Bruce Springsteen. Un misto di grazia e vigore. Slouka ha scritto un romanzo magnifico che ha ridestato il mio stanco cuore.”

Colum McCann

L’oscuro fiume sotterraneo che ne attraversa la prosa lo trasforma in un romanzo ipnotico, che con maestria, originalità e coraggio, trascina il lettore nell’America di provincia alla fine degli anni Sessanta.”

Jennifer Egan

“Un capolavoro… il vero successo di Slouka è aver individuato l’ambra del dolore, il modo in cui l’amore e il tempo cristallizzano i ricordi in qualcosa di tanto splendido quanto devastante.”

Washington Post

 

UN BRANO

“Potevamo cambiare il mondo, rimettere in sesto il mondo, ma l’impressione non era mai stata questa. Non a Brewster. L’impressione era che qualcunodue volte più forte di te ti tenesse una mano attorno alla gola. E o soffocavi o combattevi.”

 

 

Read Full Post »