Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘ROMANZI GIAPPONE’

il nostro libro del cuore della settimana ci porta lontano:

Tokyo tower

Tokyo tower (Photo credit: apple 94)

trad. A. Pastore

che splendida atmosfera si respira tra le mille cose in vendita nella quieta bottega  di “robe vecchie” del signor Nakano! Siamo a Tokyo, ma dalla quiete che vi respira parrebbe di essere negli anni cinquanta in un paesino di provincia. Gli affari non è che vadano granchè bene, non è che i clienti si sprechino in acquisti esagerati, ma va bene così. I tre personaggi che vi lavorano, il titolare, il silenzioso Takeo e l’inquieta Hitomi, e qualche personaggio che spesso si affaccia nei saloni, come la sorella di Nakano ed un misterioso anziano signore, danno vita ad una commedia lieve tutta dedicata alle relazioni che si creano tra esseri umani che si frequentano, ironica, densa di poesia e di quella leggiadria che solo gli autori giapponesi possono conferire ad una storia!

LA SCHEDA DEL LIBRO
Benvenuti nella bottega del signor Nakano. A Tokyo, in un quartiere lontano dalle strade piú commerciali, il suo negozio di rigattiere è un rifugio per oggetti originali e stravaganti: come a volte lo sono i cuori degli uomini e delle donne che lo frequentano. La bottega del signor Nakano è un piccolo mondo di affetti, di incontri, di amori, sospeso in un tempo che sembra accoccolarsi su se stesso come un gatto che dorme. Un luogo in cui vi sentirete leggeri, forse un po’ malinconici, ma di certo accolti. E non vorrete piú andare via.

La bottega del signor Nakano è un po’ speciale. Innanzitutto, come tiene a specificare il proprietario, «non è un negozio di antiquariato ma di roba vecchia»: soprammobili fuorimoda, ciotole usate, manifesti di epoche dimenticate, malinconici reperti di vite sconosciute che potete comprare per pochi spiccioli, oggetti particolari e scompagnati come, in fondo, sono gli uomini e le donne che girano intorno al negozio. A cominciare dal signor Nakano: eccolo lí, dietro la cassa, magrissimo, un berretto di lana calato sulla fronte e una certa qual debolezza per il fascino femminile. A dargli una mano ci sono due ragazzi, Takeo, tanto laconico da apparire misterioso, e Hitomi, una ragazza allegra e inquieta. I due giovani si studiano, s’innamorano, nasce un legame toccante e maldestro che sembra destinato a inciampare su ogni incomprensione. Ma anche Nakano e la sua romantica sorella Masayo devono affrontare le impreviste complicazioni che nascono dal desiderio. Sarà proprio Hitomi, e il suo sguardo curioso e sensibile, ad accompagnare il lettore attraverso la girandola di incontri e personaggi che ruotano intorno alla piccola, vivace bottega del signor Nakano. Sono vicende comuni quelle che ci racconta Kawakami Hiromi, con una delicatezza che nulla toglie alla profondità dei sentimenti, all’intensità di relazioni umane che iniziano quasi per caso e si sciupano senza che sia colpa di nessuno. Una scrittura soave e luminosa, pervasa da un sottile rimpianto per quello che poteva essere e invece non è stato, e al tempo stesso da un confortante calore umano. Perché tutti, almeno una volta, ci siamo detti: «Che cosa complicata è l’amore!»

Enhanced by Zemanta

Read Full Post »