Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Un figlio del sole’

london

Il Lupo di mare fu uno dei primi scritti di Jack London, e già conteneva le caratteristiche che lo rendono amatissimo anche oggi: la natura, la contrapposizione tra l’istintività e la ragione, tra la legge del più forte e le regole della società. Come accade con i grandi classici, i lettori avranno la senzazione di essere a bordo del Phantom, di vivere le stesse avventure del protagonista, alle prese con la potenza del mare, con le disgrazie delle vicende umane, con la violenza e la morte.

Jack London, Il lupo di mare, Mursia

Si tratta di un classico della letteratura, recentemente rieditato, ed è anche il primo romanzo di Jack London, scritto nel 1900. E’ la storia di Lupo Larsen, l’arcigno comandante della nave “Fanthom” che percorre la rotta da San Francisco alle coste del Giappone a caccia di foche. Imbarcato sulla nave, per caso, c’è un giovane scrittore, ingaggiato suo malgrado come cuoco, che deve subire le angherie dei superiori e sottostare alla legge dei più forti, ma che riesce ad intrecciare un rapporto e un dialogo con il comandante. E’ un racconto di vita di mare, con storie di marineria, vicende umane, violenza e morte, coronato però da una storia d’amore. C’è molto di autobiografico in questo romanzo, poiché l’autore stesso ebbe un’infanzia difficile, poi una vita avventurosa e si imbarcò come mozzo sulla “Sophie Sutherland” una goletta addetta alla caccia alle foche. E il suo carattere, la sua esperienza e le sue sofferenze emergono in molti suoi personaggi, non solo nel protagonista del romanzo.

Robin edizioni invece propone un’altra storia di mare, ambientata nei mari del sud. Forse meno accattivante de Lupo di mare, ma pur piena di fascino e suggestione:
Jack London ,
Un figlio del sole ,
Le avventure di David Grief ,
Robin

David Grief è un ricco avventuriero con gli occhi azzurri e la pelle abbronzata. Come Jack London approda sugli atolli che circondano lagune di cristallo veleggiando sopra golette che sfiorano le scogliere coralline e navi a vapore che sfidano bufere equatoriali. Incontra indigeni simili a semidei e pirati mezzi diavoli e mezze bestie, in un mondo da leggenda dominato dalle emozioni e dall’avventura, dove il denaro viene sperperato con una partita a carte o conquistato a caro prezzo.
Durante le sue scorribande sui Mari del Sud conosce e redime alcolisti cronici e canaglie, ricchi rampolli viziati e truffatori, re indigeni obesi e sottomessi, capi cannibali scheletrici e collerici. Malgrado tutto, è questo il vero Eden perduto, dove si vive ancora la vita vera, che va affrontata come un rischio da correre per il semplice gusto del rischio.

Questo libro di Jack London, riproposto dalla Robin in una nuova traduzione dopo cinquant’anni di assenza dalle librerie, fa parte di quel gruppo di romanzi d’avventura sui mari tra i quali spicca il celebre “Il lupo di mare”.

Read Full Post »