Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

Le vacanze

Il Buon Lettore aspetta le vacanze con impazienza. Ha rimandato alle settimane che passerà in una solitaria località marina o montana un certo numero di letture che gli stanno a cuore e già pregusta la gioia delle sieste all’ombra, il fruscio delle pagine, l’abbandono al fascino d’altri mondi trasmesso dalle fitte righe dei capitoli.

(Italo Calvino)

Atlantide resterà chiusa per ferie dal 12 al 18 agosto, compreso.

 

Buone vacanze, e buone letture.

 

Read Full Post »

“Camminando la linea d’orizzonte ti dice sempre che tu sei disperso in un punto qualsiasi sulla linea della terra, come le cose che si vedono in distanza. Bisogna cercare un altro punto con cui fare asse, e immaginare che ci si arriverà una volta o l’altra. Bisogna sempre riuscire a immaginare quello che c’è là fuori, altrimenti non si potrebbe fare un solo passo.”
Gianni Celati,  VERSO LA FOCE.

 

Read Full Post »

Il Buon Lettore

 

Il Buon Lettore aspetta le vacanze con impazienza. Ha rimandato alle settimane che passerà in una solitaria località marina o montana un certo numero di letture che gli stanno a cuore e già pregusta la gioia delle sieste all’ombra, il fruscio delle pagine, l’abbandono al fascino d’altri mondi trasmesso dalle fitte righe dei capitoli.

(Italo Calvino)

Ps. Il buon lettore ama le librerie indipendenti.

 

Person Hat Girl Read Nature Female Human Book

 

 

Read Full Post »

CONSIGLI DI LETTURA – ESTATE 2019
Maurizio Naldini, l’inviato speciale che vorremmo sempre leggere, con i suoi reportage dal mondo. La grande storia, e quella di ogni giorno. Ottimo libro!
Ultreya
di Maurizio Naldini, Clichy editore
«Ultreya» è l’incoraggiamento che i pastori della Galizia da mille anni rivolgono ai pellegrini del Cammino di Santiago: «vai oltre», abbi speranza. Naldini, inviato speciale che ha visitato negli anni Africa ed estremo Oriente, mondo arabo, India, America centrale, ex Jugoslavia, raccontando guerre e vicende quotidiane, ne fa il titolo di questo volume che raccoglie gli articoli da lui pubblicati sulla prestigiosa «Nuova Antologia» dal 2011 a oggi. Dalla condizione della donna ai suoi diversi modi di essere e di amare, da soldati e mercenari a eserciti formati da bambini, dalla sacralità e dal culto dei morti al senso del denaro, in un mondo che sempre più sostituisce la pace con la guerra.

Read Full Post »

APPUNTAMENTI.
FRESCHI DI STAMPA 2019 – Rassegna a cura di BIBLIOTECA COMUNALE DI IMOLA
Fuoco al cielo
Presentazione del libro Viola Di Grado (La nave di Teseo, 2019)
 
Fuoco al cielo è una grande storia d‘amore, ambientata in una città della Siberia, teatro di una delle più grandi tragedie radioattive dopo Chernobyl. Ispirato a un fatto di cronaca, il romanzo rappresenta la metafora perfetta, il parallelismo tra le relazioni personali e gli eventi che si susseguono inesorabili.
Viola Di Grado con Settanta Acrilico Trenta Lana (2011) ha vinto il premio Campiello Opera Prima e con Cuore Cavo (2013) è stata finalista al PEN Literary Award.
A Imola presenta il suo ultimo romanzo con la giornalista Annarita Briganti.
 
martedì 23 luglio 2019, ore 21 –
INGRESSO GRATUITO
Atlantide curerà il bookshop tematico.

Read Full Post »

Mariana Leky , Quel che si vede da qui, Keller editore
Tradotto da Scilla Forti

IL NOSTRO LIBRO DEL MESE

 

Il libro scelto dai Librai tedeschi come migliore dell’anno (nel 2017) può collocarsi idealmente tra L’eleganza del riccio di Muriel Barbery e La morte dei caprioli belli, di Ota Pavel. Libri in cui aleggia un particolare clima che avvolge il lettore dalla prima pagina fino all’ultima. Una commedia a tratti divertente, a tratti triste, accattivante e godibile ma non superficiale, capace di rappresentare il mondo attraverso personaggi e situazioni tratteggiate con candore felliniano, partendo da un sogno di sventura, quello di un animale, un Okapi, che in precedenza ha già recato lutti nel paese, nel giorno che segue.

Il villaggio con i suoi originali personaggi viene messo in subbuglio dal sogno dell’anziana, la saggia Selma, visto che come accaduto in precedenza non viene rivelata l’identità del morituro, destinato a lasciare questa valle di lacrime in 24 ore… Sfilerà così una carrellata di personaggi tratteggiati con umanità dall’autrice: li amerete tutti, senza riserve, e alla fine converrete dell’importanza del vivere il momento, dando importanza ad ogni singolo giorno di esistenza…

 

La trama
Selma, un’anziana che vive in un villaggio nel verde Westerwald, ha una dote: può prevedere la morte. Ogni volta che in sogno le appare un okapi, qualcuno in paese muore il giorno dopo. Tuttavia, i sogni non rivelano mai chi stia per morire. Come si può immaginare nel lasso di tempo tra il sogno e la morte tutti nel villaggio vivono in uno stato di agitazione… e Mariana Leky descrive la paura della gente del luogo, ciò che osano ciecamente, che confessano, distruggono o cercano di sistemare. Ma questo non è tutto, proprio per nulla.Questo libro è il ritratto di un paese e della sua comunità. Ma è soprattutto un romanzo sull’amore in circostanze difficili, poiché i vari “oggetti del desiderio” hanno una forte tendenza ad allontanarsi (o al limite a non rispondere come vorrebbero gli altri). Come fa il bel Frederik, il grande amore di Luise che è la nipote di Selma, l’eroina e la voce narrante della storia.Frederik decide di trasferirsi in Giappone e di vivere in un monastero buddista, tornando al villaggio e da Luise solo per alcune settimane d’inverno. Ogni volta – inverno dopo inverno – Luise spera che rimanga per sempre. Ma le parole “per sempre” non vengono pronunciate spesso in un luogo in cui la spada di Damocle assume la forma di un okapi che appare in sogno all’anziana Selma…

Mariana Leky ha studiato Giornalismo culturale presso l’Università di Hildesheim, dopo aver svolto un tirocinio in una libreria. Oggi la sua vita si divide tra Berlino e Colonia. Il romanzo Quel che si vede da qui, pubblicato in Germania nel luglio del 2017, è rimasto per diverse settimane nei primi posti dei best seller e da allora a oggi è stabilmente tra i libri più venduti nelle librerie tedesche. È stato tradotto in più di quattordici lingue e al momento è in corso l’adattamento per il grande schermo.

 

LE NOSTRE RECENSIONI LE TROVATE ANCHE QUI: https://www.leggilanotizia.it/2019/06/27/il-libro-del-mese-quel-che-si-vede-da-qui/?fbclid=IwAR3UL7pE7JLVEK6yNjxZR_kTTpMoykI0KxIreZjwFVrzWlBsyChl6o8MccU

Read Full Post »

DIEGO VALERI

LUGLIO

Rosse vampe leggere
si schiomano tra nuvole nere
per il profondo turchino.
Su l’immoto silenzio supino
della campagna, spossata
dall’urlio delle pazze cicale,
frana improvviso il temporale,
rotola rotola, precipita giù.
Lunga ondata di venti lontani;
da presso, un’altra, più forte.
Un grandinare di fogliette morte
su le mie mani…
Un’altra e un’altra: tutta una cascata
fragorosa s’abbatte
sopra la mia casetta di verdura:
la mortella si storce e si dibatte
nella stretta della paura,
l’edere ai tronchi si stringon tremando.
A un tratto, tutto s’oscura rombando
intorno a me: la pianura
s’abbassa, affonda giù giù.Uno scoppio secco;
ed ecco
tutto il cielo s’annera di spavento.
Cade il vento.
Le cicale non cantano più.

Le cicale hanno smesso di cantare;
ma cantan tutti i galli del paese
e le campane delle quattro chiese.
Chiaman la piova, e già la piova è qui.

La bella piova d’argento vestita
già copre del suo strascico frangiato
la valle azzurra e il borgo ottenebrato,
e or sale al colle giunge fino a me.

La dolce piova dalle mille dita,
ecco, è sul mio rifugio: il cuor l’ascolta
toccar cento tastiere in una volta
e mille voci armonizzare in sé.

L’ascolta ogni altra cosa. Il tuono è spento;
tacciono le campane; il gallo tace.
Dopo la guerra, che profonda pace,
che soavi parole di bontà!
E adesso, ecco, ella move alla pianura
col suo passo frusciante di regina.
Ogni fronda l’invita e le s’inchina;
la terra piange di felicità.

Un lampo turchino,
un palpito d’oro,
fresco riso divino –
e le cicale riprendono il coro.

(da Poesie, 1962)

 

tratto da https://cantosirene.blogspot.com/2011/07/nuove-poesie-per-luglio.html

.

Read Full Post »

Older Posts »