Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Uncategorized’ Category

 

Gennaio, Rainer Maria Rilke

Respirano lievi gli altissimi abeti
racchiusi nel manto di neve.
Più morbido e folto quel bianco splendore

riveste ogni ramo, via via.
Le candide strade si fanno più zitte:
le stanze raccolte, più intense.
Rintoccano l'ore. Ne viene
percosso ogni bimbo, tremando.
Di sovra gli alari, lo schianto di un ciocco
che in lampi e faville , rovina.
In niveo brillar di lustrini
il candido giorno là fuori s'accresce,
diviene sempiterno, infinito.

Auguri per un sereno nuovo anno, pieno di buone letture!

Read Full Post »

Un saluto ad Amos Oz, con le sue parole: “Non ho mai incontrato un fanatico dotato del senso dell’umorismo. E se potessi concentrare il senso dell’umorismo in un vaccino, vincerei il Nobel per la Medicina. Seriamente, sono convinto che la letteratura, la buona letteratura sia un antidoto al fanatismo. La letteratura è cugina del gossip. Il gossip a sua volta è il risultato della nostra volontà di guardare dentro le finestre degli altri per sapere come vivono, cosa mangiano. La letteratura però fa un passo in più: non solo vuole vedere cosa c’è dentro la finestra altrui, ma indaga su che cosa si vede da quella finestra. La letteratura permette cioè di assumere lo sguardo altrui sul mondo. Un persona capace di vedere se stesso o l’universo con gli occhi degli altri non può essere un fanatico, perché una persona così sa che ci sono tanti modi di vedere e leggere la realtà. Un uomo o una donna che frequenta la letteratura sa che non esiste un solo linguaggio. John Donne ha scritto che nessuno è un’isola. Io dico che siamo tutti una penisola. Per il pensiero di stampo totalitario siamo solo una molecola di una cosa più grande (il continente), per il pensiero neo-liberale radicale siamo un arcipelago di isole senza legami. Io propugno una via di mezzo: in parte siamo legati a qualcosa di grande e collettivo, ma di fronte all’amore e alla morte siamo soli, esposti esclusivamente al silenzio dell’oceano e della montagna” (da un’intervista a Repubblica).  https://www.illibraio.it/amos-oz-morto-945067/

Read Full Post »

Fine anno, arriva il rapporto Istat sulla lettura nel corso del 2017. Dati sostanzialmente stabili rispetto al 2016. Comunque tristissimi, se avrete la pazienza di leggere l’articolo e il rapporto in integrale. Vogliamo confrontarci con la Norvegia ( 90%)? I norvegesi leggono tanto anche ai loro figli: il 78% dei genitori legge coi propri bambini almeno 2-3 volte a settimana. E vanno in libreria: il 72% della popolazione infatti frequenta le librerie e l’80% ha comprato almeno un libro nel corso del 2015. Francia, siamo all’84%, In Spagna siamo al 62 per cento. In Germania quasi 68. Negli Stati Uniti 73. In Canada 83.
 
 
Nel 2017, sono il 41% le persone di 6 anni e più che hanno letto almeno un libro per motivi non professionali – Ecco i dati (non entusiasmanti) dell’ultimo rapporto Istat sulla lettura. segue sul sito.

Read Full Post »

Il tempo degli auguri.

Ci sono molte cose, credo, che possono avermi fatto del bene senza che io ne abbia ricevuto profitto e Natale è una di queste… un periodo di gentilezza, di perdono, di carità, di gioia, nel quale uomini e donne sembrano concordi nello schiudere liberamente i cuori serrati e nel pensare alla gente che è al di sotto di loro come se si trattasse realmente di compagni nel viaggio verso la tomba, e non di un’altra razza di creature in viaggio verso altre mete.
[Charles Dickens, Canto di Natale]

Auguri! Per un Buon Natale e per un Sereno Anno Nuovo, pieno di buone letture, di editori piccoli e grandi, per adulti o per piccoli, brevi o lunghe, sempre scelte in una libreria indipendente!Una scelta etica!
E che sia un BUON ANNO anche per il pianeta, e i suoi abitanti.

GRAZIE per l’affetto che ci avete dimostrato nel corso di questi ultimi dodici mesi del 2018.

M.M.M. Melania, Marcello e Marco, librai di Atlantide.
P.S. Il 24, giorno di vigilia, praticheremo l’ORARIO CONTINUATO 8,30 – 19,30!

Lo staff di Libreria Atlantide
Melania, Marcello e Marco

Read Full Post »

«A dicembre io chiudo la porta / chiudo gli occhi e penso lontano / e percorro stupendi sentieri / sulle ruote dei miei pensieri» (Roberto Piumini).
 
 
Il campanile scocca la mezzanotte santa
-Le poesie di Natale che abbiamo letto a scuola
Walter Fochesato
 
«Il campanile scocca la mezzanotte santa» è uno dei ritornelli natalizi nell’orecchio di chi è stato bambino dal dopoguerra fino agli anni settanta e ottanta. Dai libri di lettura delle scuole elementari ecco un gioco della memoria e dell’immaginario collettivo. Chi non ricorda le poesie di Gozzano, Ada Negri, Rodari o Piumini? Molte sono raccolte in questa antologia, con le illustrazioni originali, su Gesù Bambino, presepe, albero di Natale, befana e anno nuovo. A ridarci un’infanzia mai perduta

Read Full Post »

E’ un amico, è UNA GUIDA, è una macchina del tempo, è un oggetto decorativo, è una meraviglia, è un ponte, è un argomento di conversazione, è un generatore di sogni (e di domande, e di risposte), è capace di rinforzare le tue difese immunitarie..

 

Read Full Post »

 

Read Full Post »

Older Posts »