Feeds:
Articoli
Commenti

 

Nella giornata del ventiseiesimo compleanno di Libreria Atlantide, Cristiano Governa presenta LA STRATEGIA DELLA CLARISSA (Bompiani). Dialoga con l’autore Valerio Zanotti, direttore di Leggilanotizia.it

Libreria Atlantide, Castel San Pietro (Bo)– Mercoledì 4 dicembre 2019, ore 20.30

 

Ne La strategia della clarissa Cristiano Governa, giornalista, scrittore e sceneggiatore, dona vita ad una originale coppia di investigatori: un commissario bolognese fuori dagli schemi e la sorella, ex conduttrice radiofonica, divenuta monaca di clausura. I due insieme daranno vita ad un giallo ben congegnato con citazioni da libri, film e musiche di qualche decennio fa, caratterizzato dalle riflessioni sull’ambiente socio culturale in cui viviamo, il territorio che si estende tra Bologna e la Riviera.

Un giallo amatissimo dai lettori di Atlantide!

LA SCHEDA DEL LIBRO. Carlo Vento, commissario di polizia a Bologna, ama la buona cucina e le canzoni che hanno almeno trent’anni. Odia il mare e gli investigatori delle serie tv, che risolvono le indagini riflettendo sotto la doccia e hanno bellissime ex, pronte a consolarli. Lui, invece, può contare solo su sua sorella Paola, splendida e irrequieta, che per anni ha tenuto una trasmissione musicale in una radio locale e poi si è fatta suora. Clarissa di clausura, ma decisamente anomala, Paola non disdegna l’improperio, il costume a due pezzi, e ogni settimana esce di nascosto dal convento per andare acena da lui. Un giorno Paola si accorge che in chiesa, nel “Libro delle Grazie”, qualcuno supplica Santa Caterina di far morire delle persone. Nelle stesse ore, a Carlo viene affidato il caso della sparizione di una quindicenne. E come se non bastasse, in uno stabilimento balneare di Cervia viene rinvenuto un cadavere…

Cristiano Governa (1970), vive e lavora a Bologna. È giornalista, scrittore e autore per cinema e teatro. Collabora o ha collaborato con diversi quotidiani, fra i quali “la Repubblica”, “Il Domani di Bologna”, il “Corriere della Sera”, “l’Osservatore Romano” e periodici, “Il Venerdì”, “D” di Repubblica” e “GQ”. Ha pubblicato il romanzo noir Il catechista (Aliberti) e le raccolte di racconti Un saluto ai ragazzi – racconti Fortitudo,  Le lettere cattive (Pendragon) e Baranowski (Croce  editore).

Valerio Zanotti, giornalista, è direttore de http://www.leggilanotizia.it

Per ulteriori informazioni contattare Libreria Atlantide al numero di telefono 0516951180 o a mezzo email a info@atlantidelibri.it

 

“Che abbiamo vissuto,

che abbiamo toccato le strade

coi piedi che andavano allegri,

non lo saprà nessuno.

Che abbiamo visto il mare

dai finestrini dei treni,

che abbiamo respirato

l’aria che si posa

sulle sedie dei bar,

non lo saprà nessuno.

Siamo stati

sulla terrazza della vita

fintanto che sono arrivati gli altri.”

Nino Pedretti, citato nel libro

 

 

 

“Lunedì 2 Dicembre

Medicina – Biblioteca comunale
dalle 21:00 alle 23:00

Lunedì 2 dicembre (ore 21.00) lo scrittore Andrea Tarabbia, sarà a Medicina per presentare il suo romanzo “Madrigale senza suono” vincitore del Premio Campiello 2019.

All’interno dell’accogliente Sala del Camino della Biblioteca comunale (via Pillio 1), la scrittrice medicinese Caterina Cavina dialogherà con l’autore.

L’evento è organizzato in collaborazione con il Gruppo di Lettura di Medicina “Libri Gabbiani”.

Margaret Capaccio leggerà alcuni brani del libro.

Carlo Gesualdo da Venosa, il celebre principe madrigalista di fine Cinquecento, è il centro attorno a cui ruota Madrigale senza suono. Carlo Gesualdo uccide la moglie, Maria D’Avalos, perché colpevole di averlo tradito con il nobile Fabrizio Carafa. La legge dell’epoca non può perseguirlo perché ha fatto il suo dovere per proteggere il casato e ha agito nel pieno del suo diritto: una moglie fedifraga minaccia la continuità della stirpe nobiliare e va punita.

Da questo momento la storia finisce e iniziano le leggende: nascono ballate, voci popolari che alimentano la percezione di Carlo come un demonio, un sanguinario capace di strappare il frutto illegittimo della colpa dal ventre di Maria morente.

In questa vicenda terribile, che porta un uomo a uccidere la donna che ama per sottostare alle consuetudini della sua epoca, Carlo scopre il suo talento: inizia a comporre, diventando uno dei musicisti più originali e autorevoli del suo tempo.

Tarabbia, che precedentemente ha pubblicato, tra gli altri, Il giardino delle mosche, libro con cui è stato finalista al premio Campiello nel 2016, scrive la storia tormentata di Carlo, che nella finzione del romanzo è letta da Igor Stravinskij, che ne trova il diario.

Per info:

Biblioteca comunale – 051/6979313

Gruppo di Lettura – gdl.medicina@gmail.com

In collaborazione con Libreria Atlantide di Castel San Pietro Terme”

Andrea Tarabbia, vincitore del Premio Campiello 2019, presenta il suo libro “Madrigale senza suono”

 

“Hanno piantato il cactus, l’agave, il carrubo. Tenacemente nel mio profondo di lava. L’agave col suo abbraccio materno frena il bianco furore della montagna. La rupe, ammasso immenso di furore concentrato, sbatte sull’azzurro implacabile del cielo”. Lavoreranno su Goliarda Sapienza le partecipanti al laboratorio teatrale Non voglio mica la luna condotto da Fulvia Lionetti. Tutti i giovedi tra le 19 e le 21, nel centro diurno Ali Blu in via Mazzini 27 a Castel San Pietro.

 

I piccoli editori.

I piccoli editori (come le piccole librerie) combattono ogni giorno contro un mondo popolato da giganti, plasmato in loro favore. La loro passione, competenza, speranza e umanità aggiungono colore ad un panorama che altrimenti resterebbe di un grigio tristissimo.
 
La biodiversità non è importante solo in natura: le nicchie culturali, i progetti dei piccoli editori danno vita ad un variopinto ambiente.
La loro esistenza viene spesso ignorata dai media principali, ma garantiamo che le loro voci meritano rispetto ed attenzione, e che daranno al lettore piacevolissime sorprese: per questo Atlantide è da sempre attenta ad amplificare i loro messaggi. 
Venerdì 22, alle 18, vi faremo conoscere un editore toscano. E’ praticamente tutto pronto, potrete già sfogliare i loro libri della collana “I luoghi dell’anima”.
 INCONTRI CON L’EDITORE:  Aldo Ferrucci delle Edizioni Aska, in compagnia dell’autore Tito Barbini, incontrano il pubblico. Conduce la serata lo scrittore Paolo Casadio.
 
Libreria Atlantide, via Mazzini 93 – Castel San Pietro Terme (BO)Venerdì 22 novembre 2019, ore 18.00
 
 
”http://askaedizioni.it/collane_10_11/17_i-luoghi-dell-anima.html.

 

dobbiamo ringraziare l’editore Aska per la collana Luoghi dell’anima, che ci propone tra gli altri l’ottimo L’aria ride, di Elisabetta Mari e Paolo Ciampi, dedicato alle terre che assistettero alla passione amorosa tra Dino Campana e Sibilla Aleramo.

Vi aspettiamo venerdi 22 alle 18 per farvi conoscere con l’editore Aldo Ferrucci i libri in catalogo, in compagnia dello scrittore Tito Barbini (parlerà del suo Ritorno in Vietnam – I luoghi del riso e della pioggia), intervistati da Paolo Casadio . Pomeriggio ricchissimo!

 

 

 

http://askaedizioni.it/2017_5_8/290_l-aria-ride-in-cammino-per-i-boschi-di-sibilla-e-dino.html

 

Il libro si articola in due parti: nella prima Paolo Ciampi racconta un suo viaggio a piedi tra Il Barco e Marradi, inseguendo la vita e la poesia di Dino Campana, cercando di vedere i monti dell’Appennino con i suoi occhi, cercando di riflettere anche sulle connessione che esistono tra il cammino e la poesia. Cerca una narrazione che abbia anche una colorazione poetica. Nella seconda Elisabetta Mari, attrice legata a Casetta, racconta storie e leggende del “nido d’amore”. Si completa con alcune pagine di informazione sul cammino, sui trasporti e i posti tappa, sui libri da portarsi dietro…

 

Ci sono cammini che si fanno parola e parole che si fanno cammino. E ci sono boschi che sembrano fatti apposta, per i cammini e per le parole. E che a volte si fanno addirittura poesia.

 

E dunque in questo libro c’è Dino Campana, che sul suo Appennino sembra sottrarsi più facilmente agli stereotipi del poeta maledetto. Ma soprattutto ci sono i suoi sentieri, splendidi e forse oggi persino più selvaggi, dopo che un’intera civiltà della montagna è stata spazzata via in pochi anni.

 

Sono i luoghi della tormentata storia di amore con Sibilla e dei tanti vagabondaggi di Dino, poeta irrequieto, poeta delle partenze e dei ritorni. Ma per tutti noi è ancora possibile scoprirli e con loro scoprire la bellezza che è fuori e che è dentro.

 

Luoghi dell’anima, che attraverso Dino e i tanti poeti che idealmente lo accompagnano, rivelano tutto ciò che si può incontrare quando ci si mette in cammino.

 

Un libro sulla bellezza dei monti e delle parole.

 

 

 

 

INCONTRI CON L’EDITORE:  Aldo Ferrucci delle Edizioni Aska, in compagnia dell’autore Tito Barbini, incontrano il pubblico.

Conduce la serata lo scrittore Paolo Casadio

Libreria Atlantide, via Mazzini 93 – Castel San Pietro Terme (BO)

Venerdì 22 novembre 2019, ore 18.00

 

Il lavoro delle librerie indipendenti procede spesso di pari passo con quello dimarchi editoriali piccoli, capaci però di distinguersi per la qualità e la passione con cui danno vita ai libri. Con questo incontro intendiamo fare conoscere il lavoro, la storia e la linea editoriale delle edizioni Aska, in compagnia dello scrittore Tito Barbini, autore de “Ritorno in Vietnam. I luoghi del riso e della pioggia dal delta del Mekong alle sorgenti del Tibet”. Presentazione a cura di Paolo Casadio.

ASKA viene fondata, nel 2001, dall’incontro di diverse esperienze nel settore dell’editoria, con l’obiettivo di fornire consulenza e servizi destinati ad imprese, organizzazioni ed enti locali.

Aska vuol dire “vaso” in etrusco, l’antica lingua delle terre di Toscana.

Il vaso non è un mero e passivo ricettacolo, bensì un piccolo e amorevole luogo di accoglienza, di attenta cura, di intensa ricezione, un vaso si dice fosse il Graal, del resto. Un vaso è una coppa, un ‘urna, un seppur umile scrigno per fiori, nettari, sentimenti, ricordi. Tale è Aska, per il sapere accolto in quei preziosi vasi che sono i suoi libri.

Aska Edizioni è un progetto editoriale che, partendo dalla Toscana, intende, attraverso le proprie collane ed i propri libri, riempire di contenuti preziosi questo vaso ed offrirlo ai nuovi viaggiatori e agli amanti dei tantissimi territori, ancora talvolta inesplorati, di questo nostro bellissimo paese.

Tra le sue collane, ricordiamo quella denominata I LUOGHI DELL’ANIMA, dedicata a ”

Luoghi dove  riuscire  a trovare  se stessi, a riflettere, a ricordare e a provare emozioni. Racconti semplici  e  profondi  al  tempo stesso.

Sullo sfondo territori e città, dove sono stati trascorsi momenti particolari, che hanno lasciato ricordi e tracce indelebili, “I luoghi dell’anima”. ”

http://askaedizioni.it/collane_10_11/17_i-luoghi-dell-anima.html

I libri della collana li trovate cliccando sul link.

 

TITO BARBINI. Sindaco di Cortona dal 1970 al 1980, è stato presidente della provincia di Arezzo ed ha ricoperto altri incarichi nella sua regione.

Amico personale di François Mitterrand, nel 2004 ha interrotto la sua esperienza politica per intraprendere un viaggio lungo 100 giorni, con uno zaino come unico bagaglio, che lo ha portato dalla Patagonia all’Alaska. Al ritorno ha scritto del viaggio nel libro “Le nuvole non chiedono permesso” e da quel momento si è dedicato a raccontare nei suoi libri i suoi viaggi successivi.

Per l’occasione, parlerà della sua ultima fatica, Ritorno in Vietnam – I luoghi del riso e della pioggia.

“Sono passati più di dieci anni dal mio viaggio lungo il grande Mekong, da quando, nel 2007, ho risalito la sua corrente dal Delta fino alle sorgenti nella parte himalayana del Tibet. In questi dieci anni ho visitato e scritto di altri mondi. I luoghi più remoti: dalla Patagonia all’Alaska, dalla Terra Del Fuoco al deserto di Atacama, perfino in Antartide. Ma in fondo ho viaggiato e scritto per ritrovare me stesso, per ritrovare il senso di una esperienza di vita, per ritrovare le mie radici. Sono tornato in Vietnam nell’inverno del 2017 e rientrando a casa da questo viaggio mi è presa la voglia di rimettermi al computer, utilizzare i copiosi appunti per riproporre un testo aggiornato e diverso del mio libro “I Giorni del Riso e della Pioggia” ormai esaurito da molti anni.” Tito Barbini

 

PAOLO CASADIO nasce a Ravenna nel 1955, nella cui provincia attualmente vive e negli anni si appassiona alle ricerche storiche sui giornali d’epoca. Nel 2015, pubblica con Piemme il romanzo “La quarta estate” , a cui seguirà nel 2018 il  “Il bambino del treno”. Entrambi i libri si sono aggiudicati numerosi premi di importanza nazionale.

 

Per ulteriori informazioni contattare Libreria Atlantide al numero di telefono 0516951180 o a mezzo email a info@atlantidelibri.it 

«Disperato, ho scritto al conte Mattei a Milano, che mi ha mandato un libro e delle gocce, che Dio lo benedica». Così si esprime IL DIAVOLO, afflitto da fastidi articolari, ne I FRATELLI KARAMAZOV.

Medico autodidatta. Fondatore dell’Elettroomeopatia, osteggiato dai medici. La fama del bolognese Cesare Mattei, nominato conte nel 1847, aveva raggiunto la Russia: lo Zar era suo cliente, come l’imperatore d’Austria, e non solo, visto che nel 1884, al massimo splendore, i depositi autorizzati nel mondo per la vendita dei suoi prodotti erano 107.

Il mago dell’Appennino. La leggenda del Conte Mattei e della sua Rocchetta. Laura Falqui, La Mandragora edizioni
– Domenica 17 novembre ore 17, Rocca di Bagnara di Romagna

Tra realtà e immaginazione l’autrice, in dialogo con Raffaele Milani, professore ordinario di Estetica al Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, delinea la figura del signore della Rocchetta di Riola del Vergato

In queste pagine il conte Cesare Mattei, signore della Rocchetta di Riola di Vergato, rinasce a nuova vita tra realtà e immaginazione, sulle tracce di una personalità misteriosa e amante del segreto. L’autrice ha disegnato una biografia immaginaria, dove la narrazione del fantastico si unisce alle atmosfere della Bologna ottocentesca, del paesaggio tosco-emiliano, tra evocazioni occultiste e suggestioni cosmiche.

Laura Falqui è saggista, drammaturga e specialista di arti visive. Studiosa del Preraffaellitismo inglese, ha dedicato a questo argomento una trilogia di saggi in volume e diversi altri scritti.

Tutti gli appuntamenti della rassegna TRMAE inizieranno alle 17 e sono a ingresso libero; conducono gli incontri Lisa Emiliani e Sara Malerba della cooperativa “Il Mosaico”. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.comune.bagnaradiromagna.ra.it , oppure chiamare i numeri 0545 905501 e 0545 905514.


La rassegna si concluderà domenica 24 con Lisa Laffi, L’ultimo segreto di Botticelli, Tre60 edizioni, è organizzata dal Comune di Bagnara di Romagna in collaborazione con la cooperativa “Il Mosaico”.

Libreria Atlantide curerà il bookshop.