Feeds:
Articoli
Commenti
Con la nuova legge sulla lettura, in vigore dal 25 marzo 2020, un libro ha lo stesso prezzo ovunque.
Una libreria vi offre tanto di più, perché i libri devono essere venduti da chi li ama e li conosce: il libraio è un professionista competente ed informato, pronto a consigliarvi, a darvi idee per un regalo, a cercare per voi il libro che desiderate. (grazie a Francesca Ballarini per la grafica)
GIA’, lo ricordiamo alle biblioteche intente alla compilazione delle liste per gli acquisti da DECRETO RILANCIO. Sono tanti gli scaffali degni di attenzione, anche quelli che di solito vengono ben poco presi in considerazione. Per esempio, un rifornimento di nuovi libri a tema sportivo sarebbe capace, se resa nota agli utenti, di attrarre nuovi lettori, magari facendone leggere qualche passo online da personalità sportive del proprio paese.
 
#biblioteche #decretorilancio #Libridisport #cittàchelegge

ATLANTIDE CURERA’ QUESTO BOOKSHOP:

Conversazioni in giardino -Autori, libri e lettori nel cortile di Casa Bondi

Settembre 2020

Mercoledì 16/09 alle ore 20.30

Marcello Dòmini presenta Di guerra e di noi

Conversano con l’autore Maurizia Martelli e Luca Sancini

Letture Elisa Tinti (Gruppo Lettori Volontari Biblioteca Castenaso)

Due fratelli, Candido e Ricciotti; un mulino di famiglia nella campagna di Castenaso tra il 1917 e il 1945; due diversi percorsi di vita intrecciati alla storia bolognese e italiana della prima metà del Nocevento, in un grande affresco d’epoca

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

nel rispetto delle normative anticontagio

Mascherina obbligatoria negli spostamenti

Cortile Casa Bondi – via XXI Ottobre 7, Castenaso – 051/788025

biblioteca@comune.castenaso.bo.ithttp://www.comune.castenaso.bo.it

la scheda del libro, edito Marsilio

«Gli fu improvvisamente chiaro cosa significava essere il maggiore: sarebbe stato lui a doversi prendere cura del fratello per il resto della vita, perché erano uniti da qualcosa che non si poteva spiegare ma che c’entrava col papà e la mamma, con l’amore, la famiglia, con tutti quelli che erano venuti prima di loro e tutti quelli che erano venuti prima di loro e tutti quelli che sarebbero seguiti poi.»

 

«Di guerra e di noi» è la storia di due fratelli e copre l’arco di due guerre mondiali, correndo a perdifiato dal 1917 al 1945; comincia nelle campagne intorno a Bologna, e da lì non si sposta. Quando il marito non torna dalla Prima guerra mondiale, la madre dei due, ormai sola, è costretta a separarli. Il più grande, di nome Ricciotti, va a studiare in collegio a Bologna. Il più piccolo, Candido, rimane al mulino. Il collegio di Ricciotti è una scuola da ricchi, e la vita di Candido al mulino è una vita da poveri. Finiti gli anni avventurosi e duri del collegio, Ricciotti sarà segnalato per andare a lavorare nella neonata sede del Fascio di combattimento bolognese, dove incontrerà Leandro Arpinati, che diventerà suo mentore e amico. Candido resterà invece a lavorare nelle campagne frequentando sempre più quegli uomini e quelle donne che, col passare degli anni, andranno a formare le bande partigiane. Ricciotti però non è fascista, e Candido, d’altra parte, non è più di tanto interessato alla politica. Pensano entrambi a mandare avanti la famiglia, a proteggere la madre e i braccianti, pensano a correre dietro alle ragazze – donne avvolte di colori, nonostante partecipino e soffrano la guerra quanto gli uomini –, pensano a innamorarsi e poi sposarsi, e soprattutto a comportarsi bene quando molti intorno a loro, a causa della guerra, si comportano male. Come per Oskar Schindler, tuttavia, la grande occasione per trasformare la loro azienda agricola in un progetto onesto ma più ambizioso sarà proprio la guerra. Raccontando gli anni del fascismo con un’epopea dove le storie dei personaggi – mai del tutto innocenti, mai del tutto colpevoli – dialogano magistralmente con la grande Storia, Marcello Dòmini segue le peripezie dei due fratelli Chiusoli lungo ventotto anni, e segue, senza mai perderle di vista, le vite di tutti coloro che gli si muovono intorno – compagni di scuola, segretarie, squadristi, mogli, crocerossine, staffette partigiane… –, e lo fa rovesciando situazioni, svelando fondi segreti (dei muri e dei personaggi), collegando incontro a incontro, fatto a fatto, con una voce profonda, potente e in fondo scanzonata, perché è sempre la giovinezza a partire per la guerra. Il grande romanzo popolare di uno scrittore al suo esordio.

 

Un aggiornamento!
Ricordate, il previsto incontro dell’8 settembre con Enrico Galiano è stato rinviato al 18, ed anticipato di qualche minuto:
 
 
Dormi stanotte sul mio cuore
Presentazione del libro di Enrico Galiano (Garzanti, 2020)
 
In questo libro torna il professore che dà voce alle storie di un’intera generazione di adolescenti. Questa è la storia di Mia, della sua amica del cuore Margherita, che un tempo è stata la sua maestra e di Fede, il ragazzo che la famiglia di Mia ha preso in affido e che se n’è andato via senza spiegazioni.
Da allora Mia non riesce ad avvicinarsi alle persone, non riesce nemmeno a sfiorarle, si è chiusa in un guscio più duro dell’acciaio. E non vuole più uscire.
L’autore ne parla con Alessandra Giovannini, giornalista.
 
Prenotazione obbligatoria 0542/602657-602619
 
In diretta streaming sul canale Fb della Biblioteca
 
venerdì 18 settembre ore 20.30
 
Enrico Galiano nato a Pordenone nel 1977, ritorna al romanzo dopo Eppure cadiamo felici, Tutta la vita che vuoi, Più forte di ogni addio e Basta un attimo per tornare bambini, e propone una nuova storia, che mostra perché bisogna fidarsi dell’istinto e credere al proprio cuore.
finalmente! martedì 1 settembre 2020, ore 21.00
I bambini di Svevia
Presentazione del libro di Romina Casagrande (Garzanti, 2020)
Una storia quasi dimenticata, la storia dei bambini Sud del Tirolo che ogni anno si incamminavano alla volta della Svevia, per trovare lavoro nelle campagne bavaresi.
Protagonisti di un triste capitolo di storia è frutto di un lungo lavoro di indagine e ricerca per ricostruire la tragedia di questi bambini, chiamati bambini delle rondini perché partivano ogni primavera per tornare in autunno.
Ne parla con l’autrice Annarita Briganti, giornalista.
Freschi di stampa 2020
Incontri con gli autori
La Bim Biblioteca comunale di Imola propone anche per l’estate 2020, “Freschi di stampa”, il consueto calendario di incontri con libri e scrittori, giunto alla diciannovesima edizione, che accompagnerà il pubblico imolese per tutta l’estate, aumentando il numero degli incontri e le possibilità di ritrovarsi in Biblioteca.
Gli spazi della biblioteca saranno organizzati in modo da consentire una visione sicura e distanziata, pertanto la partecipazione sarà gratuita ma con prenotazione telefonica obbligatoria (0542/602657 – 602659)
martedì 1 settembre 2020, ore 21.00
Romina Casagrande vive e insegna a Merano, in provincia di Bolzano. Laureata in lettere classiche e appassionata di storia, ha collaborato con alcuni musei, realizzando percorsi didattici interdisciplinari.
LIBRERIA ATLANTIDE curerà il bookshop.
#book
#reading
#booklover
#bookworm

 

Atlantide in Giardino,

rassegna di incontri con l’autore.

L’iniziativa è a cura di libreria Atlantide in collaborazione con l’Associazione Giardino degli Angeli e con il patrocinio del Comune di Castel S. Pietro Terme

Mercoledì 9 settembre ore 18.00

Francesca Casadio Montanari e Natascia Ugliano presentano

 Un’amicizia color del sole, Inknot Edizioni, per lettori dai 5 anni.

 

In via dei Cachi vive un albero amato da tutti gli uccelli e i gatti del vicinato. Il suo nome è Ultimo e, quando in un giorno d’autunno resta senza i suoi amici, inizia a sentirsi solo e a fare brutti sogni. Fino a quando una bambina con un nido di capelli ramati abbraccerà la sua corteccia, cambiando per sempre il suo destino. Una storia che sottolinea il potere dell’amicizia, invitando ad aprirsi alla scoperta, alle nuove possibilità che la vita offre.

montanari amicizia sole

 

 

Francesca Casadio Montanari è naturalista ed educatrice ambientale, in perenne cammino tra boschi e racconti. Ama le storie delle “cose” di natura, quelle dei mondi immaginati e tutto ciò che sta nel mezzo.
Indaga la natura insieme ai bambini, esplora pagine di libri e albi illustrati, legge tanto, e scrive appena può. Spesso, va A spasso con i libri selvaggi, proponendo passeggiate letterarie in natura.
(facebook.com/lacasadifra | lacasadifra.wordpress.com)

 

Natascia Ugliano è nata a Milano, dove tutt’ora vive e lavora. Innamorata da sempre del teatro e del disegno si diploma all’Accademia di Belle Arti di Brera e lavora per diversi anni come scenografa e costumista per il teatro e il cinema. L’amore per i libri l’avvicina al mondo dell’illustrazione e nel 2001 frequenta il primo di una serie di corsi di specializzazione alla Scuola d’Illustrazione Internazionale di Stephan Zavrel a Sarmede.
Dal 2005 lavora come illustratrice freelance per diverse case editrici. La passione per il disegno e l’arte la spingono a frequentare diversi corsi d’incisione, tecnica che utilizza nel suo mondo artistico, insieme alle tecniche miste e alla graffite.
Ama il mare, le conchiglie e le stelle marine, la natura è un elemento d’ispirazione predominante nel suo lavoro

La rassegna, ad ingresso gratuito, si svolgerà presso il Giardino degli Angeli in via Remo Tosi a Castel San Pietro. L’evento si svolgerà nel rispetto delle distanze di sicurezza e delle normative anti-covid. Per questo motivo il numero dei posti disponibili è limitato ed è obbligatoria la prenotazione al numero di telefono 0516951180 o all’indirizzo email info@atlantidelibri.it

 

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________

nella mattinata di Sabato 26 settembre 2020

Torniamo A SPASSO CON I LIBRI SELVAGGI, in compagnia di FRANCESCA CASADIO MONTANARI autrice di libri per bambini e guida ambientale, sulle colline di Castel San Pietro.   Una passeggiata “speciale” osservando tracce di animali, ascoltando i rumori della natura, conoscendo piante ed insetti, in compagnia delle storie che verranno narrate da Francesca.

  LE PRENOTAZIONI SONO APERTE.

  • Per bambine e bambini dai 5\6 ai 10 anni
  • Durata dell’iniziativa: 2 ore circa
  • Luogo e ora del ritrovo: seguirà….
  • Numero massimo partecipanti: 16. Quota di partecipazione € 4,5 per bambino

Libreria Atlantide. Appuntamenti anno 2020

ATLANTIDE IN GIARDINO

Castel san Pietro, Giardino degli Angeli

Venerdi 4 settembre, ore 18,30

Sabrina Grementieri presenta “Esprimi un desiderio”, Fabbri

Intervista a cura dello scrittore Luca Occhi.

Con il patrocinio del Comune di Castel San Pietro, in collaborazione con IL GIARDINO DEGLI ANGELI

Una storia di rinascita e realizzazione nella cornice della Maremma Toscana

 

 

Era figlia, sorella, madre e moglie. Ma in realtà, chi era veramente?

Francesca ha quarant’anni, un (quasi) ex marito arrogante e meschino, due figli che stanno lasciando il nido e una madre anaffettiva. La sua è un’esistenza in gabbia, in cui il vuoto è ormai diventato una presenza dolorosa e costante. Quando si guarda allo specchio prova un senso di smarrimento da togliere il fiato, ma è proprio nel momento in cui la vita sembra averle già svelato tutto che il vento inizia a cambiare. Un vento toscano, che la porta a trascorrere l’estate da sola in Maremma allontanandosi dalla quotidianità e da ciò che conosce. A contatto con la natura e con passioni che credeva dimenticate, Francesca farà i conti con i sensi di colpa, con ciò che gli altri si aspettano da lei e con ciò che lei desidera veramente. E imparerà che prima di prendersi cura degli altri, deve imparare a prendersi cura di se stessa..

 

Sabrina Grementieri, diplomata in lingue e laureata in Scienze politiche a indirizzo internazionale con una tesi sul campo di concentramento di Buchenwald, esordisce con il suo primo romanzo nel 2012. Una seconda occasione e Noccioli di Ciliegie escono con la casa editrice digitale EEE. Nel 2014 esce nella collana Youfeel di Rizzoli Celeste era il mare, seguito da Il Principe Pirata con Emma Books. La Finestra sul Mare è pubblicato dalla casa editrice Sperling & Kupfer nel 2016 ed è stato tradotto in tedesco per la Mira Taschenbuch in Aprile 2018. Un sorriso dritto al cuore è un racconto breve che esce a settembre 2018 per la Oakmond Publishing. Con Fabbri Editori pubblica Il Calore della Neve, 2018, ed Esprimi un desiderio, l’ultimo nato, uscito l’11 Febbraio 2020. Ha scritto racconti per varie antologie – Voci a Matera, Italia terra d’amori, arte e sapori, E dopo carosello tutte a nanna, Amore fra le righe, My corazòn y tu corazòn.

 

Luca Occhi, imolese d’adozione, è fra i fondatori di Officine Wort, (www.officinewort.it), sodalizio che organizza eventi e giochi letterari fra i quali il Romanzo Totale Chi ha ucciso Lucarelli? edito dalla Bacchilega Editore e il concorso Turno di Notte giunto alla XII edizione. Ha vinto diversi premi, tra cui la I edizione del Premio Internazionale M.A.R.E, la I edizione del Concorso Letterario Nazionale Città di Lodi, la VI edizione del Premio Francesco Gelmi di Caporiacco e la I edizione del Premio Letterario Valle del San Lorenzo – “La Baia delle Balene”. Nel 2016 ha vinto la IV edizione del Premio Letterario Internazionale Città di San Giuliano Milanese e il Garfagnana in Giallo per la sezione racconti inediti. Finalista al MystFest di Cattolica nel 2011 e nel 2015, oltre una ventina di suoi racconti sono stati pubblicati in antologie. Nel 2017 è uscito in libreria Il Cainita (Comma21-Damster Edizioni), il suo primo romanzo, che si è classificato al terzo posto nella sezione romanzi editi alla III edizione del Festival Giallo Garda, e nel 2018 il racconto lungo in e-book Tartare (Oakmond Publishing). Nel 2019 ha pubblicato il suo secondo romanzo Della stessa sostanza del buio (Zero-Bacchilega Editore) ed è stato Condirettore Artistico dell’AEmilia Noir Festival. Nel 2020, per Golem Edizioni, ha pubblicato Se perdo te, romanzo scritto a quattro mani con Giorgio Ottaviani.

La rassegna terminerà mercoledì 9 settembre ore 18.00 con l’ultimo appuntamento, dedicato ai lettori più piccoli. Francesca Casadio Montanari, autrice, e Natascia Ugliano, illustratrice presenteranno “Un’amicizia color del sole”, Inknot Edizioni, per lettori dai 5 anni.

La rassegna, ad ingresso gratuito, si svolgerà presso il Giardino degli Angeli in via Remo Tosi a Castel San Pietro Terme (BO). L’evento si svolgerà nel rispetto delle distanze di sicurezza e delle normative anti-covid 19.

Per questo motivo il numero dei posti disponibili è limitato ed è obbligatoria la prenotazione al numero di telefono 0516951180 o all’indirizzo email info@atlantidelibri.it.

 

 

 

 

 

 

questa prima parte dell’anno è stata un tantino movimentata. Giunti alla vigilia delle ferie (dal 13 al 16 agosto compresi) si rende necessario esprimere un GRAZIE ai lettori che ci sono stati vicini durante e dopo il lockdown, fino ad oggi. Il mercato del libro è sempre difficile, per le piccole realtà ci sono solo salite e ben poche discese, ma siamo stati circondati da un grande affetto, che ci fa guardare con ottimismo ai prossimi mesi. Grazie, buone vacanze e buone letture dallo staff di Atlantide, Melania, Marcello e Marco.

che dite, siete contenti se vi portiamo in Irlanda? mini tour di romanzi contemporanei (molto belli).
 
 
Jessica Andrews, Acqua salata, EnneEnne
La vita di Lucy è cambiata molte volte: con le sfuriate e le assenze del padre alcolizzato, con l’ansia e la pena per il fratello sordo, con la bellezza dei viaggi in Irlanda a casa del nonno. E sembra cambiare definitivamente quando si trasferisce a Londra, per studiare e per vivere lontana dalla provincia, libera da ogni legame. Ma appena laureata, Lucy volta le spalle a tutto: va in Irlanda, nel Donegal, nella vecchia casa che il nonno le ha lasciato. Si affida al cielo, al vento, al mare per ritrovare se stessa, e intanto la sua memoria si snoda in racconti brevi e impetuosi come corsi d’acqua. Rivive l’infanzia, il rapporto profondo che la unisce alla madre, gli amori sbadati, le grandi, fameliche ambizioni della giovinezza. Nel suo cammino verso l’età adulta Lucy ha scoperto ciò che non vuole essere. E sceglie di ricostruirsi altrove, su fondamenta fatte di ricordi.
 Before printing this e-mail please make sure that it’s necessary
 
 
 
McCourt Frank, Le ceneri di Angela, Adelphi, traduttore C.V. Letizia
Siamo negli anni fra le due guerre e le travagliate vicende coinvolgono una famiglia così misera che può guardare dal basso la povertà, fra un padre perennemente ebbro e vociferante contro il mondo, gli inglesi e i protestanti, e una madre che sbrigativamente trascina la sua tribù verso la sopravvivenza. Tutto ci arriva attraverso gli occhi e la voce del protagonista mentre vive le sue avventure. Questo ragazzino indistruttibile, sfrontato, refrattario a ogni sentimentalismo, implacabile osservatore crea con le sue parole un prodigio di comicità e vitalità contagiose, dove tutte le atrocità diventano episodi e apparizioni di un viaggio battuto dal vento verso la terra promessa.
 
Tóibín Colm, Brooklyn, Einaudi, traduttore V. Vega
1952. Trovare lavoro a Enniscorthy, nel Sud-Est dell’Irlanda, semina solo frustrazione e desiderio di un benessere che non c’è. La giovane Eilis Lacey, prigioniera del confronto quotidiano con la madre e la sorella Rose, non ha davanti a sé alcuna prospettiva, finché la visita di un prete emigrato, padre Flood, le fa intravedere l’opportunità di un’esistenza migliore, al di là dell’oceano, a New York. Sarà proprio a Brooklyn che Eilis a poco a poco imparerà a sentirsi a casa in una terra dove tutto è possibile. E l’incontro con Tony, un ragazzo italiano, cambierà la sua vita per sempre.
 
McLiam Wilson Robert, Eureka street, Fazi, Traduttore L. Olivieri
Belfast, Irlanda del Nord, 1994. In una città ridotta a un campo di battaglia, Chuckie e Jake, protestante il primo, cattolico l’altro, sono legati da una profonda amicizia. Chuckie, antieroe grasso e sempliciotto, riesce a compiere mirabolanti imprese commerciali grazie a progetti tanto fantasiosi quanto ridicoli, Jake, invece, nonostante la sua scorza da duro, è un inguaribile romantico e non cerca denaro e ricchezza, ma un amore che gli riempia la vita. Sullo sfondo, i conflitti irrisolti del paese che balzano brutalmente in primo piano quando un attentato sconvolge l’atmosfera bislacca e farsesca che pervade il racconto. Sarà la commedia della vita a cancellare il sangue e le vicende improbabili e sgangherate di Chuckie e Jake, e a dominare di nuovo tra le pagine del romanzo.
 
 
 
Sorj Chalandon, Chiederò perdono ai sogni,
Keller
Tradotto da S.Turato
Tyrone Meehan è considerato un informatore degli Inglesi e trascorre gli ultimi giorni a Killybegs in attesa dei sicari dell’IRA. “Chiederò perdono” ai sogni ci racconta la storia di un traditore della sua gente, della comunità cattolica di Belfast, che emerge dalla durezza del conflitto nordirlandese degli anni Settanta e Ottanta. Un romanzo che tocca un argomento ancora scomodo e doloroso per la maggior parte degli Irlandesi. È possibile perdonare? Cancellare, dimenticare
 
 
John Banville, Il mare, Guanda
Max Morden, storico dell’arte in fuga dai fantasmi di un lutto recente, giunge nella località balneare che aveva fatto da sfondo alle vacanze della sua infanzia. In un’estate di molti anni prima, in riva allo stesso mare, Max aveva conosciuto i Grace con i loro due figli gemelli. Sbirciando il corpo statuario della signora Grace aveva provato i primi desideri sessuali; facendo amicizia con i ragazzi aveva sperimentato un timido amore per la coetanea Chloe. Ma il fulgore di quell’estate era stato offuscato dalla morte e dall’ombra di un segreto. Ora si trova nello stesso luogo non solo a ricordare il ragazzo che era stato, ma anche a fare un bilancio della sua vita. E insieme a questo intimo viaggio della memoria, arriva una risposta all’enigma di quell’indimenticabile stagione. Una risposta che gli permetterà di dare un senso al proprio dolore e di riconciliarsi con gli spettri, compreso quello del futuro.
 
 
Paul Lynch
Neve nera, 66thand
traduzione di Riccardo Michelucci
Irlanda 1945. Dopo aver lavorato per anni a New York come operaio, Barnabas Kane torna in Donegal con la famiglia per iniziare una nuova vita nella sua terra d’origine. Ma quando alla fattoria scoppia un incendio e Matthew Peoples, il suo bracciante, si getta tra le fiamme per provare a salvare il bestiame, Barnabas perde ogni cosa: un amico, la stalla e gli animali su cui aveva investito tutti i risparmi. Deciso a resistere, non gli rimane che chiedere aiuto alla comunità di Carnarvan; ma la gente del posto ― rancorosa e «infarcita di superstizioni» ― si rivela diffidente nei confronti dell’ultimo arrivato, che ha vissuto così a lungo lontano da casa da essere considerato uno straniero. E mentre Barnabas, facendo leva sul suo «ingegno perverso», tenta disperatamente di sopravvivere, il figlio si ritrova a fare i conti con un terribile segreto e la moglie è annientata dalle incertezze sul futuro. Neve nera è un romanzo crudo e implacabile, in puro stile Lynch, in cui il paesaggio, spesso lirico, sempre affascinante, funge da sfondo ideale per una storia che indaga la natura più oscura dell’uomo.
 
Sally Rooney, Persone normali, Einaudi
Connell e Marianne frequentano la stessa scuola di Carricklea, un piccolo centro dell’Irlanda rurale appena fuori Sligo. A parte questo, non hanno niente in comune. Lei appartiene a una famiglia agiata e guasta che non le fa mancare nulla tranne i fondamenti dell’amore e del rispetto. Lui è il figlio di una donna pratica e premurosa che per mantenerlo fa la domestica in casa d’altri (quella della madre di Marianne). Nell’inventario di vantaggi e svantaggi, l’inferiorità economica di Connell è bilanciata sul piano sociale. Lui è il bel centravanti della squadra di calcio della scuola e fra i compagni è molto amato, mentre Marianne, che nella pausa pranzo legge da sola Proust davanti agli armadietti, è quella strana ed evitata da tutti. Se la loro fosse una battaglia, o anche solo una sequenza di scaramucce amorose, si potrebbe dire che le frecce al loro arco si equivalgono. Ma Connell e Marianne sono «come due pianticelle che condividono lo stesso pezzo di terra, crescendo l’una vicino all’altra, contorcendosi per farsi spazio, assumendo posizioni improbabili»: nella loro crescita, si appoggiano e si scavalcano, si fanno molto male ma anche molto bene, e la sofferenza che si procurano non è che boicottaggio di sé. Certo, la ferocia informa tutti i rapporti di potere che vigono fra i personaggi, nella piccola scuola di provincia come nel prestigioso Trinity College cui entrambi i ragazzi accedono, nelle dinamiche di genere come negli equilibri famigliari. Perfino in quelle dicotomie sommarie che tanto Connell quanto Marianne subiscono, e in cui essi stessi indulgono: quelle fra persone gentili e persone crudeli, fra brave persone e persone cattive, corrotte, sbagliate, fra persone strane e persone normali. In un modo o nell’altro entrambi aspirano alla normalità, Connell per un’innata benché riprovevole pulsione di conformità, Marianne forse per sfuggire a quella cruda e pervasiva sensibilità che tanto dolore le causa e che facilmente vira all’autodistruttività. C’è Jane Austen in queste pagine, la forza del suo dialogo, la violenza sotterranea delle sue relazioni, e l’omonimia di Marianne con l’eroina del suo romanzo piú celebre ne è un indizio. Per anni Marianne e Connell si ruotano intorno «come pattinatori di figura», rischiando la vita e salvandosela, chiedendosi, promettendosi, negandosi, dimostrandosi che quella che li lega è una storia d’amore.
 
Anne Enright, La strada verde, Bompiani
Rosaleen Madigan è una donna forte, forse troppo, un’irresistibile matriarca irlandese da cui prima o poi bisogna allontanarsi, se si vuole sopravviverle. Dei quattro figli solo Constance è rimasta nella contea di Clare, presa nelle spire di una vita troppo prevedibile; gli altri hanno cercato di sfuggire alla personalità ingombrante della madre, ma non è detto che ci siano del tutto riusciti. Dan l’inquieto ha scelto New York e il mondo eccentrico dell’arte; Emmet è arrivato fino in Mali, dove l’impegno rigoroso sul fronte umanitario non compensa l’incompiutezza di una vita sentimentale fatta di strade non prese; Hanna ha tentato senza successo la carriera di attrice a Dublino. Richiamati a casa per quello che potrebbe essere l’ultimo Natale condiviso Rosaleen, rimasta sola, ha deciso di liberarsi della dimora di famiglia -, dovranno fronteggiare se stessi cresciuti, misurarsi con desideri ancora accesi e aspirazioni appassite, ma soprattutto non potranno più eludere lo scontro con una madre che in un gioco di sguardi giudicanti, silenzi e improvvise asprezze riesce a trascinarli indietro nel tempo, a quello che erano e per lei sono rimasti: bambini per sempre, prigionieri di un’infanzia eterna pronta a rivivere nel momento in cui tornano tutti insieme, domati e definiti dal suo sguardo implacabile.
 
 
Edna O’Brien, Ragazze di campagna, Eliot
Tradotto da Cavallante F
La timida e romantica Caithleen sogna l’amore, mentre la sua amica Babà, sfrontata e disinibita, è ansiosa di vivere liberamente ogni esperienza che la vita può regalare a una giovane donna. Quando l’orizzonte del loro piccolo villaggio, nella cattolicissima campagna irlandese, si fa troppo angusto, decidono di lasciare il collegio di suore in cui vivono per scappare nella grande città, in cerca d’amore ed emozioni. Alla sua pubblicazione, avvenuta nel 1960, l’esordio narrativo di Edna O’Brien, fortemente autobiografico, suscitò reazioni di sdegno e condanna che andarono ben oltre le intenzioni di una sconosciuta autrice poco più che ventenne: il libro fu bruciato sul sagrato delle chiese e messo all’indice per aver raccontato, per la prima volta con sincerità e in maniera esplicita, il desiderio di una nuova generazione di donne che rivendicava il diritto di poter vivere e parlare liberamente della propria sessualità.

Mercoledì 29 luglio 2020 alle ore 18.00 prenderà il via a Castel San Pietro Terme la rassegna di incontri con l’autore “Atlantide in Giardino”.  L’iniziativa è a cura di libreria Atlantide in collaborazione con l’Associazione Giardino degli Angeli e con il patrocinio del Comune di Castel S. Pietro Terme.

 

Ad aprire la rassegna saranno Beatrice Masella e Claudia Conti, rispettivamente autrice e illustratrice di “Davanti a quel muro”, Bacchilega Junior editore. A quarant’anni dalla strage della stazione di Bologna, Beatrice Masella ci riporta a quel periodo attraverso la voce di un ragazzo quindicenne dei giorni nostri che dovrà confrontarsi con quegli eventi e con altri momenti della giovinezza dei suoi genitori, ricavando da questa esperienza il senso dell’importanza della memoria storica. Il libro vanta la collaborazione dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna. Saranno presenti l’Assessore alla Cultura Fabrizio Dondi, Michelle Lamieri, sindaca dei ragazzi del Comune di Castel San Pietro, e i ragazzi di Radio Immaginaria.

 

Maria Beatrice Masella ha pubblicato libri per diverse fasce d’età, in particolare per bambini/e e ragazzi/e. Il tema della memoria è al centro di molti suoi racconti.

Tra i suoi romanzi per ragazzi/e: la trilogia di Hanna & Fou, Respiro (Sinnos) A spasso con Nina (Edizioni Corsare). Appena pubblicati per bambini/e: Viola, la gallina e il soldato (Edizioni Corsare), Cuscus Skate (Pulce Editore).

 

Claudia Conti vive e lavora a Imola. Divoratrice di libri e fumetti, dopo aver studiato all’Accademia di Belle Arti di Bologna e all’Isia di Urbino scopre il mondo delle Biblioteche e se ne innamora. Oggi fa parte di una cooperativa che gestisce alcune biblioteche decentrate del comune di Imola, così si avvera il suo sogno di essere circondata da libri e bambini. Nel frattempo continua a occuparsi di illustrazione, fumetto e grafica. Tiene laboratori creativi per bambini, in particolare sul fumetto, che rimane una sua grande passione. “Davanti a quel muro” è il suo debutto come illustratrice per ragazzi.

 

Radio immaginaria è network degli adolescenti in Europa, fatto diretto e condotto da ragazzi tra gli 11 e i 17 anni, senza “intromissioni” di adulti (eccezion fatta per gli ospiti).

 

La rassegna continuerà venerdì 4 settembre ore 18.30 con Sabrina Grementieri che presenterà “Esprimi un desiderio”, Fabbri editore e mercoledì 9 settembre ore 18.00 per accogliere Francesca Casadio Montanari, autrice, e Natascia Ugliano, illustratrice de “Un’amicizia color del sole”, Inknot Edizioni, per lettori dai 5 anni.

 

La rassegna, ad ingresso gratuito, si svolgerà presso il Giardino degli Angeli in via Remo Tosi a Castel San Pietro Terme (BO). L’evento si svolgerà nel rispetto delle distanze di sicurezza e delle normative anti-covid 19. Per questo motivo il numero dei posti disponibili è limitato ed è obbligatoria la prenotazione al numero di telefono 0516951180 o all’indirizzo email info@atlantidelibri.it.

Per ulteriori informazioni contattare Libreria Atlantide: tel. 0516951180; email: info@atlantidelibri.it

Una parola

Le parole che dicono la verità hanno una vibrazione diversa da tutte le altre.
(Un mese con Montalbano
 
La storia di Atlantide si intreccia con i successi crescenti delle avventure di Montalbano. E come restare impassibili di fronte alla umanità e alla saggezza del suo creatore, Andrea Camilleri.
Oggi, un giorno dopo l’uscita dell’ultima avventura, ad un anno esatto dalla scomparsa dell’autore, viene spontaneo dedicargli una parola, un pensiero, un grande GRAZIE.
E il ringraziamento va esteso anche a quanti hanno supportato Atlantide durante il lockdown prenotando generosamente RICCARDINO.