Feeds:
Articoli
Commenti

le ferie

 

LIBRERIA ATLANTIDE

resterà

 chiusa per ferie dal 13 al 16 agosto 2018 (compresi)

Buone ferie e buone letture.

 

Gianni Rodari, Il PAESE DELLE VACANZE

Il Paese delle Vacanze

non sta lontano per niente:

se guardate sul calendario

lo trovate facilmente.

Occupa, tra Giugno e Settembre,

la stagione più bella.

Ci si arriva dopo gli esami.

Passaporto, la pagella.

Ogni giorno, qui, è domenica,

però si lavora assai:

tra giochi, tuffi e passeggiate

non si riposa mai.

un memento, così potete ripassare.
 
 
Il razzismo spiegato a mia figlia. Con «1998-2018. Il razzismo è in buona salute»
Tahar Ben Jelloun
Editore: La nave di Teseo
Mentre mi accompagnava a una protesta contro un disegno di legge sull’immigrazione, mia figlia mi ha chiesto del razzismo. Abbiamo parlato molto. I bambini sono in una posizione migliore di chiunque altro per capire che non nasciamo razzisti ma a volte lo diventiamo. Questo libro, che cerca di rispondere alle domande di mia figlia, è per i bambini che non hanno ancora pregiudizi e vogliono capire meglio la realtà. Per quanto riguarda gli adulti che lo leggeranno, spero che li aiuti a rispondere alle domande, più imbarazzanti di quanto pensano, dei propri figli.
Secondo anno, Bologna, 1 agosto 1992
LE ANTIGONI DELLA TERRA
 
PIAZZA MAGGIORE
testo di Bruno Tognolini e Marco Baliani
…..
TIRESIA
Io so i nomi dei nemici.
Io so i nomi dei responsabili di questa che viene chiamata peste.
Io so i nomi dei responsabili della prima strage, e di tutte le altre stragi dopo quella, in cui trovarono morte uomini presi dal mazzo alla rinfusa.
Io so quando e perché questa sciagura ci ha colti. L’ho vista nascere, crescere, mutare denti e aspetto, tentare forme nuove e peggiori, fino a questa matura e possente della peste.
Io so i nomi dei responsabili di questo.
E so perché questo sapere non germoglia.
Io dico che senza saperlo voi tutti tenete i rapporti più stretti con le abitudini più turpi.
Il vostro piccolo potere quotidiano vi rende ciechi.
Voi vedete, ma non vi accorgete più in quale sciagura vi trovate, come vivete, insieme a chi abitate.
Ma se un giorno un brandello di verità venisse ripetuto nei templi, nelle assemblee, nelle piazze davanti a tutti come ora: allora sentite qual’è la profezia.
La verità diventerà catastrofe, inarrestabile risalirà la china fino ad altezze vietate, a nomi impronunciabili.
In quel momento roderà le fondamenta dello stato.
E cadrà il re.
 
 
Esplode il suono delle troccole, e tutto il CORO occupa l’intera collina, eseguendo la “DANZA DELLA TERRA”. Alla fine si blocca in una posizione di attesa, guardando Edipo, che riprende la parola per la sua ultima battuta.
 
 
EDIPO
Hai parlato, indovino, e ti ho sentito.
Hai parlato per mio ordine, e ho ascoltato.
Ora ascoltate voi.
Due strade rimangono a un uomo, e a un re che governa il suo stato, a questo punto.
La prima è la strada del re.
Non crederò una sola parola di quanto abbiamo sentito.
Ritorcerò l’accusa sull’accusatore.
Mi stupirò, con formule rituali, che tutto salti fuori proprio adesso.
Denuncerò un complotto, contro di me e il mio regno.
Denuncerò questo cieco ciarlatore, ordinerò alle mie guardie di sorvegliare i giudici, i templi, le piazze: ovunque possa annidarsi uno che indaghi, quello sarà nemico dello stato.
Il regno vivrà nella peste, ma vivrà.
La seconda è la strada dell’uomo.
E’ quella che io comunque prenderò.
Crederò alla verità del veggente, che ha visto ed ha parlato, come deve.
Da lì m’incamminerò, e andrò avanti, senza fermarmi più davanti a nulla.
I vostri morti avranno sepoltura. Faremo i nomi dei loro assassini. La terra fresca della verità coprirà finalmente i loro corpi. Poi si leverà il vento, e il contagio della peste svanirà.
Ma avete sentito l’indovino.
Noi scopriremo insieme cose atroci.
Se Edipo apre l’istruttoria contro Edipo, se è lo stato che smaschera lo stato, non è Edipo, è lo stato che crolla.
O quella parte di stato che fu sua. Che non è poca, vi assicuro, non è poca.
Io sono pronto.
Voi siete pronti a questo?
Lo stato verrà guarito, e crollerà.
O gli sarà amputata parte grande del corpo.
Credete che la parte restante sia capace, ora, di ricreare un nuovo corpo?
Credete che questo corpo sarà sano?
Avete le pietre, gli uomini, il progetto, necessari a riedificare una città?
Li avete ORA?
 
Lo  spettacolo venne proposto al pubblico di Bologna nel 1992, per ricordare la terribile ricorrenza. Nel 1991 100 giovani attori avevano dato vita ad ANTIGONE DELLE CITTA’
o dell’insepoltura del corpo del fratello . I testi sono disponibili qui http://www.webalice.it/tognolini/Ant-sag1.html

 

 

LA NOSTRA SELEZIONE DI GIALLI E THRILLER

 

JANE HARPER, LA FORZA DELLA NATURA, BOMPIANI

Cinque persone in una landa inospitale del continente australiano, gente di città, tutti colleghi di lavoro: il loro è un trekking destinato a cementare la forza del gruppo, ma una di loro non tornerà a casa… Di cosa siamo capaci quando tutto e tutti sono contro di noi? Un nuovo caso per Aaron Falck, già protagonista de Chi è senza peccato.

MIRKO ZILAHY, COSI’ CRUDELE E’ LA FINE, LONGANESI

“Zilahy fa brillare Roma di una luce nera, bellissima.» – Donato Carrisi Un nuovo episodio con il Commissario Mancini, un altro thriller ad alta tensione narrativa!

MARION PAU, LA RAGAZZA CHE NON SAPEVA, NERI POZZA

Una famiglia e i suoi segreti, brillantemente raccontati in questo noir psicologico in cui è il rapporto tra una madre e la figlia ad essere il fulcro della trama.. Un giallo vincitore in Olanda di diversi premi!

BELINDA BAUER, IL LADRO DI BAMBINI TRISTI, MARSILIO

Terza opera narrativa ambientata nel villaggio di Shipcott nell’Exmoor, ancora la brughiera inglese protagonista di questa trilogia. Una sorta di gotico rurale,  in cui troveremo ancora alcuni protagonisti degli altri due libri, compreso Steven Lamb, divenuto ormai diciassettenne. Vi piaceranno molto le descrizioni degli abitanti del paese, le loro debolezze ed i loro caratteri, posti di fronte ai fatti narrati con arguzia, un tocco di ironia, e siamo certi che lentamente non riuscirete ad abbandonarme le pagine.

KARN BRYNARD, TERRA DI SANGUE, EDIZIONI E.O

L’astro nascente della letteratura noir sudafricana in un vibrante thriller in cui si rispecchiano tutte le contraddizioni del suo Paese

RUTH WARE, IL GIOCO BUGIARDO, CORBACCIO

Dopo il successo de La donna della cabina 10, ecco il nuovo ottimo giallo psicologico, tutto incentrato su una amicizia speciale tra quattro amiche, tra cui si annida però un risentimento..

ELIZABETH GEORGE, PUNIZIONE, LONGANESI

Il grande ritorno della “regina incontrastata del mistery”, «Straordinario. Elizabeth George affronta tematiche sociali delicatissime con sensibilità inarrivabile. Una resa magistrale dei personaggi e dell’ambiente, un thriller sapientemente costruito.» – Publishers Weekly

STEFANO TURA, A REGOLA D’ARTE, PIEMME

Stefano Tura, il giornalista  doc trapiantato in Inghilterra, regala ai suoi lettori un nuovo libro con il detective McBride, supportato da un bolognesissimo Alvaro Gerace, con una indagine che si dipana tra le piogge e le nebbie….

PASQUALE RUJU, STAGIONE DI CENERE, E.O

Franco Zanna, fotoreporter a caccia di scoop  in una Costa Smeralda animata come ogni estate, con gli yacht, le attricette, gli arricchiti, i locali notturni. E quegli incendi, che scuotono l’estate, che forse sono il frutto di interessi milionari. E una morte sospetta, su cui meditare..

JACK RITCHIE, IL GRANDE GIORNO, MARCOS Y MARCOS

“Dal maestro del noir più amato da Alfred Hitchcock, quattordici storie dal meccanismo perfetto e senza una parola di troppo”

CRISTINA CASSAR SCALIA, SABBIA NERA, EINAUDI

Dalla Sicilia, terra di Montalbano, ecco il vice questore Giovanna Guarrasi:Testarda, scontrosa, tormentata dalla morte del padre e dalla fine di una relazione difficile; appassionata di vecchi film e amante della buona tavola: il vicequestore Vanina Guarrasi è semplicemente formidabile.

ILARIA TUTI, FIORI SOPRA L’INFERNO, LONGANESI

La nuova promessa del noir italiano, in via di traduzione in diverse nazioni. Un thriller palpitante, tra boschi e pareti rocciose, ottime descrizioni dei luoghi,e una grande protagonista,dalle mille sfaccettature..

SARA BLAEDEL, LA FORESTA ASSASSINA, FAZI

Doveva essere la grande notte per Sune, quindicenne cresciuto in una comunità capace di strani riti neopagani. Sulle tracce della sua scomparsa, per fare breccia in un mondo chiuso ed ostile, troveremo Louise Rick (Le bambine dimenticate)

C.J.TUDOR, L’UOMO DI GESSO, RIZZOLI

Un thriller ispirato alla miglior tradizione anglosassone, in cui solo alla fine i numerosi tasselli si comporranno!

YRSA SIGRDARDOTTIR, IL CACCIATORE DI ORFANI, MONDADORI

Acclamata come la maggior scrittrice islandese di thriller, Yrsa Sigurðardóttir inaugura una serie straordinaria con al centro una coppia di investigatori imbattibile: un poliziotto e una psicologa, un tempo amanti e ora ai ferri corti, costretti a portare a termine la loro indagine più difficile!

BRIAN PANOWICH, COME LEONI, ENNEENNE

Un western dai toni noir, ancora nelle terre di Bull Mountain. La pace che regna dopo l’uccisione del fratello da parte dello Sceriffo Clayton Burroughs è apparente, nuovi gruppi di fuorilegge cercano di farsi strada.

CLAIRE MASSUD,RAGAZZA CHE BRUCIA,BOLLATI BORINGHIERI

Altra brillante prova di questa autrice, una appassionante storia di amicizia al femminile, di formazione e crescita, che si trasforma pagina dopo pagina in un ottimo thriller psicologico

GABRIEL TALLENT, MIO ASSOLUTO AMORE, RIZZOLI

Definito da King un capolavoro:  una storia che, per quanto terribile possa apparire(l’amore ossessivo di un padre per la propria figlia, spinto alle estreme conseguenze) riesce ad essere narrata senza oltrepassare certi limiti, a restare in equilibrio.

CORRADO PELI, I BAMBINI DELLE CASE LUNGHE, TIME CRIME

Un noir che si nutre dei silenzi e delle nebbie del paesaggio della bassa, luoghi capaci di nascondere a lungo dolorosi segreti all’interno delle piccole comunità che li abitano, destinati fatalmente a riemergere, prima o poi.

 

BARBARA BARALDI, OSSERVATORE OSCURO, GIUNTI

“Molti enigmi in questo nuovo, appassionante thriller: come si può tracciare il profilo psicologico di un soggetto che sfugge a ogni regola comportamentale? E chi è la misteriosa bambina che si presenta alla stazione di polizia ma che, ignorata dai funzionari, scompare nel nulla? Il grande ritorno di Aurora Scalviati, la giovane profiler profiler della polizia di Sparvara

E, naturalmente, l’inossidabile ANDREA CAMILLERI, con il nuovo MONTALBANO..

 

 

Arbasino lo considera il secondo libro più bello del mondo, dopo Don Chisciotte. .”La fascinazione per la betise, per la stronzaggine umana, da nessun autore è mai sentita con un’ingordigia così entusiastica e parossistica”. Perchè i due stupidotti protagonisti di Bouvard e Pécuchet diventano tragicamente attuali, con la loro sicumera di poter governare qualsiasi argomento nonostante la propria inesperienza, armati di credenze e frasi fatte. I risultati ottenuti potrete scoprirli leggendo il testo..
Romanzo tanto spassoso quanto crudele nei confronti dell’umanità: Flaubert si preparò all’opera leggendo migliaia di testi, e non vide mai il frutto della sua fatica. Incompiuto, venne pubblicato pochi mesi dopo la morte dell’autore.
 
 
 
 
 
Gustave Flaubert,
Bouvard e Pécuchet, Quodlibet
Con un testo di Ermanno Cavazzoni
 
«Bisognerebbe piuttosto mandarli in manicomio.»
 
Bouvard e Pécuchet, romanzo mirabile, famoso e di divertente lettura, di Gustave Flaubert, l’ultimo che ha scritto e che non ha terminato, anche se ha annotato come avrebbe dovuto concludersi; pubblicato nel 1881, un anno dopo la morte. I due copisti, il gioviale Bouvard e il segaligno Pécuchet, lasciato il modesto lavoro d’ufficio a Parigi, si insediano in campagna, dove per occupare il tempo si avventurano, da principianti inesperti ed eroicomici, in tutti i campi del sapere umano, con risultati ogni volta disastrosi e spassosi: agronomia, giardinaggio, arte delle conserve (ma tutto va a male e i barattoli scoppiano), chimica, medicina, geologia, teatro, politica, spiritismo, religione, pedagogia… in uno scivolamento di scienza in scienza, di mania in mania, sempre dissolto dalla loro ridicola incapacità. Eroi del fallimento perenne, prototipi della nostra umanità tutta scienza, progresso e stupidità. E finiranno come? a fare l’unica cosa che sanno fare, i copisti. Libro profondamente dissacratorio e satirico.

la stagione autunnale porta un bel regalo ai lettori. Un inedito di Tiziano Terzani:

 

ECCOCI, questi sono I MIGLIORI ROMANZI DEL 2018, secondo Atlantide.

AUDUR AVA OLAFSDOTTIR, HOTEL SILENCE, EINAUDI

Dall’autrice de Rosa Candida un libro palpitante di emozione, la ricerca di senso in una vita che pare ormai priva di aspettative..

ALI SMITH, AUTUNNO, SUR

Tra i migliori del 2017 per diverse testate di lingua inglese, confermato anche da noi! Pagine bellissime, in cui l’autrice riesce a dare vita ad un testo che fotografa il momento storico vissuto dall’Inghilterra della Brexit con una storia toccante sui sentimenti, sulle cose non dette, all’interno di un rapporto particolare tra un anziano artista e una ragazzina prima, divenuta donna poi..

MADELEINE BOURDOUXHE, MARIE ASPETTA MARIE, ADELPHI

Marie ama profondamente il marito, ma durante una vacanza  il desiderio reclama i suoi diritti, prendendo le forme di un ragazzo di vent’anni. Trama banale? Considerate che il libro è del 1940, che l’autrice è dotata di una prosa magnifica, potente ed evocativa dei sentimenti e dei luoghi: Madeleine Bordouxhe dona intensa voce ad una protagonista luminosa, capace di percorrere la strada più pericolosa per conoscere se stessa. Davvero, una splendida riscoperta letteraria.

JIM SHEPARD, IL MONDO CHE VERRA’, BOMPIANI

Racconti ambientati in differenti epoche storiche, a volte con protagonisti realmente esistiti come i Fratelli Mongolfier e l’esploratore John Franklin, un autore perfettamente in grado di ricostruire inpoche pagine una ambientazione perfetta, e di rappresentare la natura umana.

OLIVIER GUEZ, LA SCOMPARSA DI JOSEF MENGELE, NERI POZZA

Prix Renaudot 2017, la storia romanzata della fuga di uno dei più efferati criminali nazisti: l’angelo della morte.

WILLIAM KENT KRUEGER, LA NATURA DELLA GRAZIA, NERI POZZA

Un romanzo di formazione alla maniera di Dennis Lehane, sul prezzo da pagare per diventare adulti, in  una caldissima estate degli anni Sessanta, tra Minnesota e South Dakota.

SIRI RANVA HJELM JACKOBSEN, ISOLA, IPERBOREA

Una saga di famiglia potente, dal linguaggio poetico ed evocativo, ben adatto a quel luogo che forse non è più Europa, in mezzo all’Atlantico,  18 isole rocciose battute dal vento e con scogliere che si tuffano, le  Faroer, un luogo comunque che è ancora possibile chiamare “casa”.Consigliato da Jón Kalman Stefánsson

SYLVIE SCHENK,VELOCE LA VITA, KELLER

Un romanzo breve quanto intenso, dalla prosa limpida: un testi dalle molteplici letture che racconta la storia di una donna, della sua indipendenza, della sua forza, delle sue scelte e degli amori, dei ponti tra le lingue, dei libri letti, dei sogni, delle ombre e della sorte che la storia assegna ad ogni essere umano, per le colpe dei padri, o della propria terra.

KAOUTHER ADIMI, LA LIBRERIA DELLA RUE CHARRAS, L’ORMA

Le librerie non tollerano i muri, e la storia di questa libreria di Algeri lo dimostra chiaramente. Piccolissima, ma frequentata da Camus, Gide, Saint Exupery, il sogno diventato realtà di creare un ponte tra le sponde del Mediterraneo.

 

 

GUADALUPE NETTEL, BESTIARIO SENTIMENTALE, LA NUOVA FRONTIERA

Cinque racconti in cui la vita degli animali che ci circondano scorre in parallelo con quella dei loro umani di riferimento, storie ordinarie forse, ma narrate con grande talento , cogliendo con precisione i momenti di frattura dai quali non sarà più possibile tornare alla vita di un tempo.

CARSON MCCULLERS, INVITO A NOZZE, EINAUDI

C’è tutto il vecchio Sud degli Stati Uniti in questo libro, tra i capolavori di una autrice da leggere in toto, capace come pochi di raccontare la solitudine, l’umanità minore.  L’atmosfera tra il sonnecchiante e l’indolente, lo status di segregazione razziale, i pregiudizi sessisti…Una ragazza desiderosa di fuggire da quei luoghi, di trovare un proprio posto nel mondo, di rompere l’isolamento ed uscire da una situazione di inquietudine.

IAN MCGUIRE, LE ACQUE DEL NORD, EINAUDI

Un incantevole romanzo storico ambientato sul mare, libro d’avventura, giallo, introspettivo! Chi non vorrebbe imbarcarsi su una baleniera? «Le acque del Nord di Ian McGuire è un libro d’avventura esplosivo, inquietante, che non si riesce a smettere di leggere. McGuire è un narratore nato». Michiko Kakutani, «The New York Times»

MAYLIS DE KARANGAL, CORNICHE KENNEDY, FELTRINELLI

Sì, l’autrice sa come non concedere un attimo di respiro al lettore, con la sua prosa serrata, viva e palpitante, ricca di sensazioni, emozioni, in ogni riga. Un trionfo della sfrontatezza dell’adolescenza, della pienezza di una vita fatta di quotidiane esplosioni di “tutto”, in questo incrociarsi di vite. I ragazzi della piattaforma, un commissario e una ragazza agiata danno vita ad un magnifico ritratto di gioventù.

WILLIAM SAROYAN, RAGAZZO CORAGGIOSO, MARCOS Y MARCOS

Amato da Fante e Vittorini, tra i pochi se non l’unico a rifiutare il Premio Pulitzer, la fama letteraria in Italia di William Saroyan (La commedia umana è un long seller dell’editore) è destinata ad aumentare con questo entusiasmante tassello, a 110 anni esatti dalla sua nascita. Tutta la sua capacità di raccontare l’uomo e il suo tempo traspare da questa raccolta di racconti, da cui emerge un caleidoscopico ritratto traboccante di vita dell’America. Un libro decisamente da inserire nella lista di quelli consigliati, e mica solo per le vacanze estive.

PAOLO CASADIO, IL BAMBINO DEL TRENO, PIEMME

Una famiglia e un cane, una minuscola stazione lungo la linea ferroviaria Faenza-Firenze, un piccolo microcosmo negli anni compresi tra il 1935 e quelli della guerra, quando quel quieto universo apparentemente distante dalla quotidianità del conflitto verrà sconvolto dall’arrivo di un treno diverso dai soliti.

JESMYN WARD, SALVARE LE OSSA, ENNEENNE

Aspettando l’arrivo dell’uragano, in una povera comunità degli States: “Jasmyn Ward gioca con le aspettative del lettore, offre dolcezza quando ci aspettiamo violenza, e sangue quando vorremmo dolcezza” The New York Times Book Review

RICARDO PIGLIA, RESPIRAZIONE ARTIFICIALE, SUR

Nuova edizione. La verità, la parola, la letteratura e la filosofia, la vita, la storia di una nazione. Ricardo Piglia si è meritato con Respirazione artificiale una pagina nel libro d’oro della letteratura argentina, mescolando le carte abilmente per lasciare il compito al lettore di decifrare il lato nascosto del racconto.