Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘il mondo delle librerie indipendenti’ Category

 

 

INCONTRI CON L’EDITORE:  Aldo Ferrucci delle Edizioni Aska, in compagnia dell’autore Tito Barbini, incontrano il pubblico.

Conduce la serata lo scrittore Paolo Casadio

Libreria Atlantide, via Mazzini 93 – Castel San Pietro Terme (BO)

Venerdì 22 novembre 2019, ore 18.00

 

Il lavoro delle librerie indipendenti procede spesso di pari passo con quello dimarchi editoriali piccoli, capaci però di distinguersi per la qualità e la passione con cui danno vita ai libri. Con questo incontro intendiamo fare conoscere il lavoro, la storia e la linea editoriale delle edizioni Aska, in compagnia dello scrittore Tito Barbini, autore de “Ritorno in Vietnam. I luoghi del riso e della pioggia dal delta del Mekong alle sorgenti del Tibet”. Presentazione a cura di Paolo Casadio.

ASKA viene fondata, nel 2001, dall’incontro di diverse esperienze nel settore dell’editoria, con l’obiettivo di fornire consulenza e servizi destinati ad imprese, organizzazioni ed enti locali.

Aska vuol dire “vaso” in etrusco, l’antica lingua delle terre di Toscana.

Il vaso non è un mero e passivo ricettacolo, bensì un piccolo e amorevole luogo di accoglienza, di attenta cura, di intensa ricezione, un vaso si dice fosse il Graal, del resto. Un vaso è una coppa, un ‘urna, un seppur umile scrigno per fiori, nettari, sentimenti, ricordi. Tale è Aska, per il sapere accolto in quei preziosi vasi che sono i suoi libri.

Aska Edizioni è un progetto editoriale che, partendo dalla Toscana, intende, attraverso le proprie collane ed i propri libri, riempire di contenuti preziosi questo vaso ed offrirlo ai nuovi viaggiatori e agli amanti dei tantissimi territori, ancora talvolta inesplorati, di questo nostro bellissimo paese.

Tra le sue collane, ricordiamo quella denominata I LUOGHI DELL’ANIMA, dedicata a ”

Luoghi dove  riuscire  a trovare  se stessi, a riflettere, a ricordare e a provare emozioni. Racconti semplici  e  profondi  al  tempo stesso.

Sullo sfondo territori e città, dove sono stati trascorsi momenti particolari, che hanno lasciato ricordi e tracce indelebili, “I luoghi dell’anima”. ”

http://askaedizioni.it/collane_10_11/17_i-luoghi-dell-anima.html

I libri della collana li trovate cliccando sul link.

 

TITO BARBINI. Sindaco di Cortona dal 1970 al 1980, è stato presidente della provincia di Arezzo ed ha ricoperto altri incarichi nella sua regione.

Amico personale di François Mitterrand, nel 2004 ha interrotto la sua esperienza politica per intraprendere un viaggio lungo 100 giorni, con uno zaino come unico bagaglio, che lo ha portato dalla Patagonia all’Alaska. Al ritorno ha scritto del viaggio nel libro “Le nuvole non chiedono permesso” e da quel momento si è dedicato a raccontare nei suoi libri i suoi viaggi successivi.

Per l’occasione, parlerà della sua ultima fatica, Ritorno in Vietnam – I luoghi del riso e della pioggia.

“Sono passati più di dieci anni dal mio viaggio lungo il grande Mekong, da quando, nel 2007, ho risalito la sua corrente dal Delta fino alle sorgenti nella parte himalayana del Tibet. In questi dieci anni ho visitato e scritto di altri mondi. I luoghi più remoti: dalla Patagonia all’Alaska, dalla Terra Del Fuoco al deserto di Atacama, perfino in Antartide. Ma in fondo ho viaggiato e scritto per ritrovare me stesso, per ritrovare il senso di una esperienza di vita, per ritrovare le mie radici. Sono tornato in Vietnam nell’inverno del 2017 e rientrando a casa da questo viaggio mi è presa la voglia di rimettermi al computer, utilizzare i copiosi appunti per riproporre un testo aggiornato e diverso del mio libro “I Giorni del Riso e della Pioggia” ormai esaurito da molti anni.” Tito Barbini

 

PAOLO CASADIO nasce a Ravenna nel 1955, nella cui provincia attualmente vive e negli anni si appassiona alle ricerche storiche sui giornali d’epoca. Nel 2015, pubblica con Piemme il romanzo “La quarta estate” , a cui seguirà nel 2018 il  “Il bambino del treno”. Entrambi i libri si sono aggiudicati numerosi premi di importanza nazionale.

 

Per ulteriori informazioni contattare Libreria Atlantide al numero di telefono 0516951180 o a mezzo email a info@atlantidelibri.it 

Read Full Post »

RATAPLAN (Rullo di tamburi). Ecco la nuova classifica di qualità, Complimenti ai vincitori per la sezione NARRATIVA:
1) Matteo Meschiari, L’ora del mondo, Hacca
2) Matteo Trevisani, Libro del sole, Atlantide
3) Chiara Valerio, Il cuore non si vede, Einaudi e agli altri vincitori (li trovate sul sito). Atlantide per la PRIMA VOLTA faceva parte del panel di giurati.
LE SCHEDE DEI TRE LIBRI:
Chiara Valerio, Il cuore non si vede, Einaudi
Una mattina, dopo sogni inquieti, Andrea Dileva si sveglia senza cuore. Non è morto, certo, ma forse non è vivo. Semplicemente sta scomparendo sotto gli occhi severi e distratti delle (troppe?) donne che gli stanno intorno. Perché siamo fatti di legami oltre che di tendini, muscoli e ossa. Di allegrie immotivate, mancanze, ferite, amori imperfetti.
Andrea Dileva, quarantenne, studioso, curioso, professore di greco, si sveglia un giorno senza il cuore. Laura vive con lui, è abituata alle sue mancanze, ma questa proprio non se l’aspettava. Carla in teoria sarebbe la sua amante, ma a casa ha un cane, un bimbo, un marito, e poi con il corpo di Andrea ha sempre avuto un rapporto difficile, in fin dei conti le va bene anche cosí. Forse Simone avrebbe la fantasia per capire com’è che l’amico di mamma sta perdendo i pezzi, d’altronde è stato proprio lui a raccontargli storie di leviatani giganti e donne con la coda di pesce. Ma Simone ha otto anni e nessuno ha chiesto il suo parere. Andrea cerca dappertutto una storia che assomigli alla sua, senza trovarla: eppure era convinto che la mitologia fosse l’archetipo di ogni cosa. Certo, se l’umanità intera ha il terrore di morire, deve prendere atto che per lui è diventato impossibile. Come può smettere di battere un cuore che non c’è piú? Chiara Valerio racconta con una leggerezza rara le metamorfosi delle relazioni e la loro meccanica involontaria. Se la storia di un uomo che scompare scintilla di ironia e passione, questa è l’occasione della letteratura.
Matteo Meschiari
L’ora del mondo
Hacca
Una bambina nasce senza una mano e per questo motivo, forse, la abbandonano nelle Terre Soprane, le regioni sospese tra leggenda e geografia sotto i crinali dell’Appennino modenese. Si chiama Libera, e lo è in molti sensi. Inselvatichita, cresciuta nei boschi con i lupi, viene presa e ridotta alla norma, ma scappa. Sopravvive rubando cibo dalle case dei villeggianti. Continuerebbe così, ma l’Uomo-Somaro le affida un compito: ritrovare il Mezzo Patriarca Perduto. Se non lo farà, le Terre Soprane svaniranno, e loro, i Semidei, non potranno più dialogare con gli animali del mondo. Così Libera parte.
 
Matteo Trevisani, Libro del sole, Atlantide edizioni
Per Eva, giovane astronoma, sono due le strade che possono condurla là dove non è mai stata: la via dell’amore e quella della conoscenza. Il giorno in cui lei e Andrea si innamorano, la biblioteca della loro università prende fuoco: un incendio che sarà un presagio del loro destino. Così, con l’aiuto di un vecchio astronauta e di un’anziana signora cieca, Eva dovrà ricomporre i pezzi di una storia che le rivelerà insieme il suo passato e ciò che la aspetta, tra segreti di famiglia e ambizioni ultraterrene, mostrandole come alla radice delle cose vi sia sempre una brace ardente. Trasmutazione alchemica e astronomia solare, lo spazio infinito e il metallo che fonde, diventeranno lingue dello stesso fuoco, quello dove bruciano i cuori di tutti gli esseri umani.
Dopo il successo di Libro dei fulmini, che ne ha rivelato il talento di narratore visionario, Matteo Trevisani torna con un grande romanzo di amore e conoscenza segreta.
Opera assolutamente unica nel panorama italiano, Libro del Soleè il racconto indimenticabile di un amore straordinario capace di arrivare oltre se stessi e la vita.
“Un uomo non è niente, ma quello che lo abita è tutto”
Libro del Sole, Matteo Trevisani
La Classifica di qualità dell’Indiscreto è stilata tre volte l’anno, a metà dei mesi di febbraio, maggio e ottobre, secondo intervalli proporzionati agli archi della produzione editoriale, e interpella i votanti in merito ai migliori libri italiani di narrativa, saggistica e poesia del periodo immediatamente precedente.

Saggistica

 

1) Valerio Mattioli, Remoria, minimum fax

2) Francesca Matteoni, Dal matto al mondo, effequ

3) Luciano Mecacci, Besprizornye, Adelphi

Poesia

 

1) Bartolo Cattafi, Tutte le poesie, Le Lettere

2) Antonio Prete, Tutto è sempre ora, Einaudi

3) Laura Pugno, L’alea, Giulio Perrone

le classifiche complete, nelle sezioni NARRATIVA, POESIA, SAGGISTICA, le trovate qui.

Read Full Post »

Dall’8 settembre 2018, Giornata mondiale dell’Alfabetizzazione, un gruppo di librerie rigorosamente indipendenti inizia ad offrire ai lettori un segnalibro. L’illustratrice e autrice di libri per bambini Agnese Baruzzi ha disegnato in esclusiva uno splendido segnalibro per ricordarvi che ci sono tanti motivi per scegliere le proprie letture entrando in una libreria indipendente. Tenetevi pronti a scattare in libreria, è ormai pronto il SEGNALIBRO 2019 -2020. Chi sarà il nuovo illustratore?

 

 

 

Read Full Post »

 

pubblicato originariamente qui:

 

https://www.facebook.com/GiornataLibrerieIndipendenti/?__tn__=kC-R&eid=ARCKnV8EViGKauLGfrKQID8gTFdCq27v6YicD2inFkI0lS66s8AJ0aqj11YxlzdToR-iixeq8yqm7tT_&hc_ref=ART9h8M-nqrvakPohUA6xFd25IMJSrfWbG-YMVzX3m9yLaoYiqtODZzuLWRAIKQfBAs&fref=nf&__xts__%5B0%5D=68.ARDLFc63Cb5EQqQ_CqHTXHrtkdg3DFqH7T23nMQLDKAirNuhIsPMO4Er9QG8xAbXgya_fIBwO_h_674otlMSzeHF5r1jXL-QMqhP6drSve41bxwij9C17K3MQ4__ZkIHMRHT8LSfPJIqvNBab9x3wyKLXXNMSMQw__1FR9RC5iRcQrezQdJE3YJWSDS5Yl_UhRvl5zigPa76tSlmztF9ll6C5FZg81dHpoim8g1sHc5MHUrBuBaSXRz2MeWOin8op374zA9G_DnNGZXC9stjuVf02Uq-EDhoRdVseqIklA-hni6MYbFq9OI6SWEtLuxsVYdJK6LRK3LKp1inelaB-7I

Sabato 27 Aprile Giornata delle Librerie Indipendenti.

LIBRERIE E LIBRAI INDIPENDENTI CHE RESISTONO… Venite a trovarci e adottate una Libreria Indipendente attraverso l’acquisto di un Libro.

Come si sostiene una libreria indipendente?

1)Sostenere le attività della libreria

2)Aderire alle iniziative che vi vengono organizzate

3)Consigliare la propria libreria preferita ad amici e parenti

4)Regalare e facendosi regalare libri

5)Tenersi informati sulle attività della libreria

6)Recensire i libri letti e lasciare la tua opinione in libreria

7)Lasciarsi sorprendere da libri sconosciuti

8)Passare il tempo a sfogliare libri insoliti

9)Darsi appuntamento in libreria e portare qualcuno con te quando ci vai

10)Evitare di chiedere sconti perché nelle librerie indipendenti c’è minor margine di guadagno tra prezzo di copertina e prezzo di acquisto del libraio.

Questo è ciò che si può fare per sabato 27 Aprile e comunque in qualche modo lo faremo. ——————————————-

#leggeremania #amoleggere #cultura #linguaitaliana #librerieindipendenti #leggerecreaindipendenza #inlibreria #onreading #inlettura #lettura #book #libro #letteratura #leggere #bookaddict #booklover #bookworm #bookaholic #bookstagram #instalettura #instalibri #instapic #bookreading #incontriletterari #libridalegger

Read Full Post »

Perchè scegliere una libreria indipendente. Il segnalibro delle librerie indipendenti ora lo trovate in tante librerie

 

Dall’8 settembre 2018, Giornata mondiale dell’Alfabetizzazione, avrete un motivo in più per entrare in una libreria indipendente. L’illustratrice e autrice di libri per bambini Agnese Baruzzi ha disegnato in esclusiva uno splendido segnalibro per ricordarvi che ci sono tanti motivi per scegliere le proprie letture entrando in una libreria indipendente.

LA COMUNITA’
I negozianti del territorio sono tuoi amici e vicini, pronti a supportare le attività di scuole, enti culturali e di carità . Più negozi indipendenti offrono più scelta, più varietà e quindi maggior libertà, la possibilità di dare vita ad una comunità come nessun’altra, non standardizzata.
L’AMBIENTE
Comprare “locale” significa meno packaging, meno trasporti, meno infrastrutture, meno inquinamento.
LA SOCIETA’ E LA CULTURA
Più librerie, più editori indipendenti, creano una offerta culturale variegata, valore sostenuto anche dalla Comunità Europea.
L’ECONOMIA
I negozi indipendenti creano posti di lavoro nel tuo territorio, versano per intero le imposte, in Italia, così ne pagate di meno voi.

I libri devono essere venduti da chi li ama e li conosce: il libraio è un professionista competente ed informato, pronto a consigliarvi,a darvi idee per un regalo, a cercare per voi il libro che desiderate.

Entrando in una delle librerie che seguono riceverete in dono il segnalibro a tiratura limitata, fino ad esaurimento delle copie!

1 Liberamente Ravenna

2 Libreria Atlantide Castel San Pietro (BO)

3 Cartacanta Monterotondo (RM)

4 Libreria Garbolino Chivasso (TO)

5 Bufò: Libreria per giovani menti Torino

6 Libreria Dante di Longo Ravenna

7 Il Mosaico Libreria dei Ragazzi Imola (BO)

8 Libreria Il Segnalibro Firenze

9 Acilia Libri Roma

10 Le Corti, Saluzzo (CN)

11 LIBRERIA CAMPUS BARI

12 Nella pancia della balena, libreria per ragazzi Manfredonia (FG)

13 Trame Libreria Bookshop Bologna

14 Libreria Equilibri Roma

15 I Trapezisti Roma

16 Libreria Bubusettete Cervia (RA)

17 L’Armadilla Imperia

18 Cartamarea Libreria Indipendente Cesenatico (FC)

19 Libreria Pavoniana Bologna

20 TUedIO Design Albano Laziale (RM)

21 Libreria Anacleto Cristerna di Latina (LT)

22 LibreriaLettera22 Mazara del Vallo (TP)

23 La-Librellula Gioia del Colle (BA)

24 Unicorni di carta Montalto Uffugo (CS)

25 Pangea Libreria Padova

26 Lapenna delle Storie Andria (BT)

27 Mu-nari • leggere è un gioco San Lazzaro di Savena (BO)

28 Il Giratempo – libri, giochi e altre magie. Roma

29 Libreria Dovilio Caltagirone (CT)

30  Libreria QuanteStorie Roma

31 Libreria Iobook Liberilibri Senigallia (AN)

32 L’isola non trovata Roma

33 Libreria Masone Alisei Benevento

34 La freccia azzurra Castrovillari

35 Libramente Caffè Letterario Nocera inferiore – Salerno

36 Trecentossantacinque storie Matera Mt

37 Libreria IoBook Senigallia An

38 Il Mattoncino, Giugliano, Napoli

Poi, ci sono le librerie riunite nel gruppo LIM – LIBRERIE INDIPENDENTI DI MILANO:

Le LIM:Librerie indipendenti di Milano
Borsa del Fumetto
Il Libro Libreria Internazionale
Libreria 6Rosso
Libreria Aleph
Libreria Baravaj
Libreria Belleville – La Scuola
Libreria Centofiori
Libreria Claudiana
Libreria del Convegno
Libreria dello Spettacolo
Libreria dello Sport
Libreria di Quartiere
Libreria Hellisbook
Libreria Il Domani
Libreria Il Trittico
Libreria Isola Libri
Libreria Itin. Librisottocasa
Libreria Legatoria Borghi
Libreria Les Mots
Libreria Linea d’Ombra
Libreria Linea di Confine
Libreria Lirus
Libreria Militare
Libreria Monti in Città
Libreria Oasi del Piccolo Lettore
Libreria Popolare di Via Tadino
Libreria Scaldasole Books
Libreria Temporibus Illis
Libreria Terra Santa
Libreria Trovalibri
Magazzino Musica

LE LIBRERIE INDIPENDENTI CHE DESIDERANO OTTENERE IL FILE NECESSARIO ALLA STAMPA DEL SEGNALIBRO POSSONO CHIEDERE L’ISCRIZIONE A QUESTO GRUPPO SU FACEBOOK, specificando il nome e la libreria di appartenenza:  nessun costo se non quello della stampa, in forma autonoma del segnalibro, nelle quantità desiderate.

 https://www.facebook.com/groups/173991266718999/?ref=br_tf&epa=SEARCH_BOX 

 

Read Full Post »

Vi abbiamo visto entrare in carrozzina, con madri e padri intenti a scegliere per voi i primi libri in tela. Abbiamo osservato i vostri sforzi per afferrare il libro con il trattore collocato nel primo scaffale, poco saldi sulle gambe.  Poi ancora, è stata la volta di scoprire Guizzino o Spotty, per poi potere finalmente iniziare a leggere autonomamente, con le prime letture in stampatello. La grande conquista, che vi ha condotto ai Piccoli brividi, a Roald Dahl, ai Gaia Junior.. Abbiamo visto lo stupore sui vostri visi all’apparire della pila di libri per affrontare la prima media. Ci siamo sorpresi noi al sapervi iniziare l’università, al vostro primo ordine di testi di fisica, architettura, zoologia…. Ancor di più nel momento della conquista della laurea.  Del resto,  anche se sono 25 anni che siamo qua, a fare i librai, restiamo ancora di stucco nel vedere ripetersi tutto ciò!

 

Read Full Post »

Inutile, se metti una capra nella cabina di pilotaggio di un aereo, non lo farà volare. Al massimo lascerà qualche pallina nera. Il comunicato stampa dell’Associazione Librai italiani in merito alle modalità di assegnazione del Tax Credit alle librerie lo trovate qui in calce. Altre notizie potrete leggerle qui: https://www.illibraio.it/tax-credit-librerie-criteri-922789/

Meno del 50% ammesse ai benefici, e considerate che per poter inoltrare la domanda era necessaria anche la certificazione del solito intermediario, commercialista o altro, con parcelle da commercialista naturalmente.

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

ALI CONFCOMMERCIO SU TAX CREDIT LIBRERIE:

DISCUTIBILE E DISCRIMINANTE L’ASSEGNAZIONE

Ali Confcommercio critica le modalità di assegnazione del credito d’imposta alle librerie. Un meccanismo discutibile – afferma in una nota – non basato su un criterio di equità tale da consentire a tutti di partecipare dei benefici, ma si è introdotta una modalità che differenzia i piccolissimi, quasi sempre senza personale dipendente, dalle piccole librerie con maggiore imprenditorialità (uno o due dipendenti) che pure soffrono della crisi del settore, creando così figli e figliastri.

La polemica è a seguito della pubblicazione, da parte della Direzione Generale Biblioteche del MiBac, delle graduatorie delle librerie ammesse al riconoscimento del credito d’imposta (tax credit). Per il provvedimento sono stati stanziati per l’anno corrente 4 milioni di euro, un fondo certamente insufficiente – continua Ali – ma che poteva rappresentare un primo segnale d’aiuto per il settore librario. Delle librerie richiedenti, oltre 1700, meno del 50% sono state ammesse ai benefici.

Troviamo questo meccanismo profondamente ingiusto  – aggiunge la federazione dei librai – anche perché in alcuni casi sono state premiate librerie aperte da pochi mesi, e sono state escluse librerie presenti e attive nel territorio da anni. Tutto questo è destinato a creare squilibri territoriali con le aziende che operano nelle stesse realtà. Riteniamo che, introdurre un meccanismo di così profonda ineguaglianza nella categoria avrà ricadute fortemente negative.

Facciamo  appello al Ministro – conclude – affinché con sensibilità valuti la situazione e adotti provvedimenti che garantiscano criteri di democrazia per il corrente anno così come esprimiamo l’auspicio che le misure di sostegno al settore siano in futuro incrementate e non ridotte.

Roma 13 novembre 2018

Read Full Post »

Older Posts »